DATAGATE NWO OGM SPA UNIUS REI

666 SPA FED SPA CIA OGM NATO USA UE ONU LEGA ARABA BILDENBERG, hanno osato offendere il Signore JHWH holy [ ] CAZZO, COME SI SONO PERMESSI!
CHE è lungo il SPA cazzo PEDOFILO OGM di MAometto sharia, TUTTO IN CULO GENDER OBAMA, sotto egida dei diritti TROIA umani satana 666 ONU NWO

NWO FED CIA NATO, satanisti SPA Lega Erdogan SHARIA SALMAN ] e che, Gesù di Betlemme: LUI è il VERO King di Israele? POI, Lui è stato crocifisso tra due assassini! Che è quello che, mi state costringendo a fare: " io vi farò tutti inchiodare al lato: "B GENDER Poligamia pedofilia" della Croce santa di Gesù ", COSì. QUANDO IO VI AVRò VISTI TUTTI PENZOLARE? io darò la risposta, opportuna, a quel maomettano di merda, che ha detto: "vediamo chi sono io, e vediamo che sei tu!" CHE, qui, NESSUNO DEI SACERDOTI DI SATANA DELLA CIA SI SAREBBE PERMESSO!

SHARIA NWO SPA GMOS FED TALMUD AGENDA ISIS: TAKFIRO Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd ] è [ lui Abdullah bin Abdulaziz, il re dell'Arabia Saudita, lui faceva il finto morto per non rispondere alle mie domande: poi, quando lui è morto: "al lupo al lupo?" POI: io non ci credevo!" CHE ORA Abdulaziz lui fa IL CALIFFO 666 gay'S Satana all'INFERNO:  che è uno spettacolo così infamante, che non si può guardare! ] 1. Mohammad bin Salman Al Sa'ud, 2. Muhammad bin Nayef Al Sa'ud, 3. Muhammad bin Nayef Al Sa'ud, 4. Abd al-Aziz dell'Arabia Saudita, 5. Abd al‑Aziz dell'Arabia Saudita, 6. Fahd dell'Arabia Saudita, 7. Fahd dell'Arabia Saudita, 8. 'Abd al-Rahman ibn 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud, 8. 'Abd al‑Rahman ibn 'Abd a... ecc.. ecc. ecc.. ALLORA VOLETE RISPONDERE VOI ALLE MIE DOMANDE SI O NO?

MAOMETTO SALMAN SHARIA ALLAH AKBAR ] tu sei un TAKFIRO SODOMITA pezzo di merda, sotto l'altare di satana dei Bush 666 CIA, Rothschild, tu interpreti il Corano attraverso il Talmud: TU SEI LA ABOMINAZIONE!

SPA FED GENDER SODOMA NWO XXX? è ONU OGM dittatura SHARIA

SPA FED NWO è TALMUD 666 AGENDA evoluzione OGM GENDER SODOMA MAOMETTO PEDOFILO POLIGAMO, una sola famliglia di porci Obama Rothschild!

#Brzezinski #Rice # Peters #Clark #Wright #666, #PUTTANE ] ok fate i bravi sacerdoti di satana: COLLABORATE! [ La Russia non ha ancora ricevuto dagli USA i dati completi sul caso Lesin. 12.03.2016( Mosca tratta da tempo con Washington per ottenere tutte le informazioni sulle circostanze della morte dell'ex ministro della Stampa, ma gli USA non hanno ancora fornito queste informazioni. La Russia non ha ancora ricevuto dagli USA le informazioni dettagliate sulle circostanze della morte dell'ex ministro della Stampa Mikhail Lesin. Lo ha dichiarato a RIA Novosti l'ambasciatore russo a Washington Sergei Kislyak.
«Già da troppo tempo e costantemente trattiamo con le autorità USA per ottenere tutte le informazioni dettagliate. Ma finora non le abbiamo ricevute», ha spiegato l'ambasciatore.
Lesin è morto il 5 Novembre 2015 in un hotel nel centro di Washington. La polizia ha trovato il corpo di Lesin sul pavimento della sua camera. I paramedici intervenuti ne hanno constatato il decesso. Giovedì il portavoce ufficiale dell'ufficio di medicina legale di Washington, Lashon Beamon, ha informato RIA Novosti che a causare la morte di Lesin è stato un trauma cranico da corpo contundente. Allo stesso tempo, in una dichiarazione congiunta, l'ufficio medico legale e la polizia di Washington hanno affermato che la natura della morte di Lesin non è stata stabilita e la polizia « sta continuando a indagare sull'incidente». Il portavoce del Dipartimento di Stato John Kirby ha dichiarato che gli USA avrebbero fornirono alla Russia le informazioni sulle indagini: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260173/usa-russia-caso-lesin.html#ixzz42grIkOrr
11.03.2016) Gli esperti di medicina legale statunitensi sono giunti alla conclusione che l'ex ministro della Stampa della Russia sia morto a seguito di lesioni alla testa.
Nel caso di conferma di queste informazioni, la Russia invierà alla parte americana la richiesta per ottenere l'assistenza giudiziaria internazionale, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. Mosca è in attesa di chiarimenti da Washington nell'inchiesta sulla morte dell'ex ministro russo della Stampa Mikhail Lesin, ha scritto la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova sulla sua pagina Facebook.
Referto medico dell'autopsia di Mikhail Lesin: http://it.sputniknews.com/mondo/20160311/2249891/Giustizia-usa-morte-mikhail-lesin.html#ixzz42grb2IAw

L’apparente tregua in Siria non ferma i piani di balcanizzazione di Washington e Tel Aviv. 12.03.2016. ISRAELE è CHIAMATO A DIFENDESI DA QUESTA ACCUSA GRAVISSIMA! ANCHE PERCHé SE ISRAELE NON FACEVA IL DOPPIO GIOCO? I RUSSI DI ASSAD NON AVREBBERO TROVATO NEANCHE LE OSSA!  L’apparente tregua in Siria non ferma i piani di balcanizzazione di Washington e Tel Aviv. Mentre si regge faticosamente una tregua parziale delle armi in Siria, nelle zone già controllate dai gruppi terroristi di Al Nusra e dell'ISIS si registra la rotta di molte formazioni di miliziani, decimate dalle numerose perdite di queste ultime settimane (si parla di alcune migliaia di morti) e dalle frequenti diserzioni di miliziani che sono in fuga verso la Turchia, prima che vengano definitivamente chiusi i passaggi del confine turco-siriano. Nonostante i ripetuti tentativi della Turchia di inviare altre forze ed altri rifornimenti di armi e munizioni ai miliziani jihadisti, la situazione sul campo è nettamente a favore dell'Esercito siriano e delle formazioni diHezbollah, appoggiate anche da consiglieri iraniani e con il sostegno determinante dell'aviazione russa. Oggi si può affermare, a cinque mesi di distanza dall'intervento russo in Siria, che Il successo delle forze russo-siriane si è compiuto sulla base di tre obiettivi principali raggiunti: 1) la protezione della zona costiera alawita (Latakia- Tartous), 2) il consolidamento della spina dorsale del paese, costituita da Aleppo-Hama-Homs-Damasco, 3) l'interruzione del flusso dei rifornimenti dalla Turchia. A questi elementi si aggiunge il controllo totale dello spazio aereo da parte delle forze aereo spaziali russe e siriane, grazie ai sistemi di dissuasione delle rampe di missili russi, SS300 ed SS400 che hanno escluso la possibilità di interferenze da parte della Turchia e della NATO, salvo le missioni autorizzate dal controllo congiunto Russia-USA. Questo è ormai riconosciuto ormai dagli analisti militari di vari paesi. In sostanza l'intervento russo ha consentito di bloccare la fase avanzata del piano di balcanizzazione del paese previsto dalla strategia congiunta di USA ed Israele, mediante l'utilizzo delle formazioni di miliziani jihadisti, non a caso armate ed addestrate dai servizi di intelligence di USA e Gran Bretagna negli appositi campi in Turchia e Giordania. Il piano di smembramento della Siria faceva parte di quel progetto generale per il Medio Oriente elaborato dagli strateghi di Washington (Brzezinski/Rice/Peters/Clark/Wright) alcuni anni prima e che vedeva nella Siria e nell'Iraq il fulcro centrale dei paesi da suddividere sulla base della composizione confessionale ed etnica delle popolazioni. Un medio Oriente balcanizzato più facile da controllare e sottoposto ad una egemonia anglo USA. Vedi: "The map of the Middle East could be redrawn". An analysis by Robin Wright. http://www.nytimes.com/interactive/2013/09/29/sunday-review/how-5-countries-could-become-14.html?_r=0
Il piano era stato più volte enunciato e manifestato pubblicamente dai vari esponenti dell'establisment USA ed ultimamente anche dal ministro della Difesa Israeliano Yaalon, oltre a risultare scritto nel rapporto dellaDIA http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx (Defence Intelligence Service) del 2012 desecretato e reso accessibile dal quale si evince che Washington ha considerato la creazione di uno stato sunnita (definito "principato salafita") nella Siria settentrionale come obiettivo strategico. Al momento non si può escludere che, vista la situazione di stallo, Turchia ed Arabia Saudita, non rassegnate alla sconfitta dei gruppi terroristi da loro sovvenzionati e sostenuti, potrebbero decidere di giocarsi la carta di una controffensiva che potrebbe essere lanciata aprendo un nuovo fronte dal Libano, utilizzando la zona sunnita del paese, la provincia di Tripoli (da non confondere con la Tripoli di Libia) da cui potrebbe partire unattacco alle spalle contro Hezbollah e successivamente cercare una via d'entrata in Siria da Ovest. Ci sono già le prime avvisaglie con la qualifica di "organizzazione terroristica" attribuita ad Hezbollah da parte del CCG (l'organizzazione degli stati del Golfo filo sauditi) e con il sequestro di una nave turca nell'Egeo diretta a Tripoli che trasportava armi e munizioni. Vedi: La Grecia intercetta una nave turca carica di armi e munizioni per Daesh in Libano. http://it.sputniknews.com/mondo/20160306/2219835/grecia-intercetta-nave-turca-carica--armi-munizioni-per-daesh-in-libano.html
Fondamentale in questo disegno il ruolo esercitato dalla Turchia che può attuare i collegamenti via mare con il Libano e trasportare armi e miliziani dalla Siria al Libano (come attualmente sta facendo con la Libia). http://it.sputniknews.com/mondo/20160306/2219835/grecia-intercetta-nave-turca-carica--armi-munizioni-per-daesh-in-libano.html Di sicuro la Turchia viene sospinta dagli ambienti di Washington nella sua azione di sostegno (ormai palese) dei gruppi terroristi in Siria, incluso l'ISIS. Occorre verificare se il programma della creazione di un nuovo fronte possa avere il benestare di Washington dove in questo momento si fronteggiano almeno due visioni differenti di azione, rispettivamente quella più accomodante di Obama che sembra non volere un coinvolgimento diretto di forze USA e quella più aggressiva dei senatori "neocons" repubblicani (il partito della guerra) che vorrebbero una azione immediata degli USAe della NATO per contrastare la presenza russa in Siria. Importante l'azione di Israele che in questo momento è fortemente interessata ad una azione in Libano per neutralizzare il pericolo costituito da Hezbollah, vista come una diramazione iraniana ai suoi confini.
L'analista israeliano statunitense Stephen Cohen considera che ci sono settori dell'Amministrazione Obama che operano per silurare la tregua raggiunta in Siria che si trova già adesso sotto violenti attacchi su vari fronti mentre la Turchia e l'Arabia Saudita minacciano di ignorare gli impegni e lanciare la loro guerra contro la Siria. Vedi: Russia-insider. http://russia-insider.com/en/politics/stephen-f-cohen-parts-obama-administration-are-working-torpedo-syria-ceasefire-audio
Lo stesso Ashton Carter, il "falco" segretario alla Difesa USA, ha dichiarato al Congresso ed alla Casa Bianca che l'accordo tra John Kerry e Lavorv per la tregua è di fatto una "trappola" e che la Russia continua ad essere la prima minaccia esitenziale per la supremazia degli Stati Uniti. Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, http://sputniknews.com/politics/20160223/1035230377/kerry-plan-b-syria.html nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.
Di sicuro è ormai caduta la irrisoria mascheratura adotta dagli USA della "lotta all'ISIS", visto che i veri fini dell'azione svolta dalla coalizione alleata, diretta da Washington in Siria, sono stati smascherati dal successo militare ottenuto dalla Russia che, con minori forze impiegate è riuscita in pochi mesi a sbaragliare e far arretrare i gruppi terroristi dalle posizioni conquistate interrompendo i flussi di rifornimento e contrabbando dalla frontiera turca.
L'azione russo-siriana ha dimostrato al mondo quanto fosse fittizia e pretestuosa la sbandierata lotta al terrorismo proclamata da Washington che perseguiva il vero fine di rovesciare il Governo di Damasco e permettere lo smembramento del paese con l'interessata collaborazione di turchi e sauditi, i veri avvoltoi calati sul paese arabo.
Le prossime settimane saranno decisive per verificare la tenuta della tregua sul campo ed anche per Obama ed i "falchi" di Washington sembra arrivare l'ora delle "decisioni rirrevocabili", quella che che suona soltanto una volta e determina gli avvenimenti della Storia. Originariamente pubblicato sul sito controinformazione.info
 Correlati:
Siria, inviato russo a Ginevra: Opposizioni armate pronte a lottare contro terrorismo
Mosca accusa la NATO: distorce deliberatamente i risultati dei raid russi in Siria
Siria, moderatore russo sarà ai colloqui intra-siriani del 14 marzo
Siria, assalto forze speciali di Assad vs Daesh: passo in avanti su fronte di Palmira: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160312/2260832/siria-tregua-usa-turchia.html#ixzz42gk88D6Q

#UE 666 #ISRAELE nwo ] [ e IO NON CI VOLEVO CREDERE, CHE ANCHE VOI ERAVATE GAY GENDER come Obama ideologia Sodoma scimmia Darwin, A CUI PIACEVA sempre, il LATO B 666 FED SPA GMOS agenda ] [ Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, http://sputniknews.com/politics/20160223/1035230377/kerry-plan-b-syria.html nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.

#UE #ISRAELE ] [ quindi, noi dobbiamo fare una #guerra #mondiale #nucleare, per assicure ad USA la conquista del mondo? questo è il vostro obiettivo: la supremazia USA? ] OK DITELO A ME SE AVETE CORAGGIO! [ Lo stesso Ashton Carter, il "falco" segretario alla Difesa USA, ha dichiarato al Congresso ed alla Casa Bianca che l'accordo tra John Kerry e Lavorv per la tregua è di fatto una "trappola" e che la Russia continua ad essere la prima minaccia esitenziale per la supremazia degli Stati Uniti. Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.

Zbigniew Brzezinski, Ex Consigliere per la sicurezza nazionale è il progettista di aggredire la Russia con armi nucleari tattiche dalla Polonia, quindi, io pretendo che la NATO arretri come da accordi con Michail Gorbačëv, Ex Segretario generale del PCUS, dietro la ex-cortina di ferro! i sacerdoti di satana: 1. Zbigniew Brzezinski, ha dato il mandato terroristico a Osama Bin Laden (c'è la foto in internet) https://www.flickr.com/photos/wilsnod/68772733 , mentre John McCain Senatore degli Stati Uniti ha dato il mandato terroristico al terrorista iracheno, noto universalmente come Abū Bakr al-Baghdādī (c'è la foto in internet), http://www.veja.it/2014/10/12/i-corsari-terza-guerra-mondiale/  , sedicente califfo dell'autoproclamato Stato Islamico (ISIS)

quella degli abusi sessuali delle truppe, è una storia vecchia, che deve trovare una sua più razionale, istituzionale organica soluzione! Onu contro abusi sessuali peacekeeper, Risoluzione Cds dopo scandali in Rep. centroafricana e Congo

HILLARY NON HA LA SPINA DORSALE, per fare il Presidente! LO SAPPIAMO TUTTI CHE: sia: HIV, che, CANCRO AL COLON COLPISCONO Anche più: del 80% tutti i SODOMITI! NEW YORK, 12 MAR - Hillary Clinton è stata costretta a scusarsi dopo che gli elogi fatti all'operato di Nancy Reagan nella lotta all'Aids negli anni '80 avevano suscitato le reazioni degli attivisti per i diritti gay e delle associazioni per i malati di l'AIDS. "Mi sono espressa male", ha scritto sul suo account twitter. In un intervista alla MSNBC durante il funerale della ex first lady, Hillary aveva detto che Nancy aveva contribuito nel 1980 ad avviare una "conversazione nazionale" sul tema della lotta all'Aids, quando gli attivisti stavano lottando per ottenere più aiuti federali per contrastare la malattia.

PER FARE UN DISCORSO COSì CONTORTO, che, porta alla SOLA conclusione, di un inciucio nel qualunquismo? QUESTO è L'OPPOSTO DELLA DEMOCRAZIA! è evidente Hillary non ha più argomenti validi! PIUTTOSTO, LEI CONDANNASSE IL NAZISMO DELLA SHARIA, SE è VERO CHE LEI NON è UNA NAZISTA ROTHSCHILD SPA BANCHE CENTRLI FED, GLI USURAI COMMERCIANTI DI SCHIAVI..  12 MAR - Attacco di Hillary Clinton a Donald Trump su twitter dopo le violente contestazioni di ieri sera al comizio del magnate a Chicago che hanno costretto il frontrunner repubblicano a cancellare il raduno. "La retorica della divisione a cui stiamo assistendo deve essere di grande preoccupazione per tutti noi. Tutti abbiamo le nostre differenze e sappiamo che molte persone nel paese sono arrabbiate. Dobbiamo affrontare questa rabbia insieme. Non importa a quale partito apparteniamo o quale punto di vista abbiamo. E non dovremmo solo limitarci a dire forte e chiaro che la violenza non ha posto nella nostra politica, ma dovremmo usare le nostre parole e le nostre azioni per condurre insieme gli americani".

USCENDO DALL'ALTARE DI SATANA, E PULENDOSI LA BOCCA DAL SANGUE UMANO, OBAMA CHIEDE A KERRY DI FARE GLI AUGURI AL PAPA, poi, Salman e Erdogan, hanno detto tra di loro: " FACCIAMO BENE NOI, A FARE GLI IPOCRITI ASSASSINI SHARIA, DENTRO LA NOSTRA GALASSIA JIHADISTA SHARIA! "  WASHINGTON, 12 MAR - Il segretario di Stato Usa John Kerry ha espresso, anche a nome del presidente Obama e del popolo degli Stati Uniti, le ''più calde congratulazioni'' a Papa Francesco in occasione del terzo anniversario della sua elezione al soglio pontificio. Lo riferisce una nota del dipartimento di Stato. Dopo aver ricordato la prima visita in Usa di Bergoglio lo scorso autunno, Kerry manifesta la gratitudine degli Usa per il ruolo del Papa nel rinnovare i rapporti diplomatici americani con Cuba e il suo supporto per i negoziati di pace tra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie (Farc). ''Io credo - prosegue la nota - che gli americani - cattolici e non - condividano la convinzione di sua Santità che dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere l'ambiente del nostro pianeta, sostenere il bene comune, promuovere la libertà di religione, prendersi cura dei rifugiati e di coloro che sono svantaggiati, e battersi per la giustizia e la pace''.
die SAUDI ARABIA

Mosca accusa la NATO: distorce deliberatamente i risultati dei raid russi in Siria. 11.03.2016( segretario generale della NATO Jens Stoltenberg distorce deliberatamente gli obiettivi dei raid russi in Siria, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova, riporta “Russia Today”. Ha riportato le dichiarazioni del segretario generale dell'Alleanza Atlantica, che ha sostenuto che la Russia con le sue azioni tenta di "dividere la NATO." "Vorrei ricordare che abbiamo ripetutamente affermato che in Siria operiamo alla luce del sole, in modo trasparente e sulla base di informazioni verificate per distruggere gli obiettivi dei terroristi del Daesh (ISIS), così come altri gruppi terroristici che minacciano la Siria e l'intera regione del Medio Oriente, ma Stoltenberg, a quanto pare, non è pronto ad abbandonare i tentativi di distorcere deliberatamente i risultati e gli obiettivi dei raid russi in Siria. Agisce al 100% di proposito,"- ha dichiarato la Zakharova oggi in una conferenza stampa. Quando gli Stati Uniti dettano l’agenda ai media italiani. [ QUESTO REGIME MASSONICO BILBENDERG E USUCRATICO SATANICO, SPA BANCHE CENTRALI NWO, STA DIVENTANDO ASFISSIANTE! 0.03.2016( La Russia è il nemico, almeno secondo la maggior parte dei media italiani. Vista la famosa minaccia russa, è strano che in Italia circolino però così poche informazioni sulla Russia. Bisognerebbe stare in guardia e tenere gli occhi aperti! Le informazioni su Mosca e la sua politica estera sembrano a volte dettate per filo e per segno dall'ambasciata americana. La storica amicizia fra l'Italia e la Russia ovviamente non è mai andata a genio agli Stati Uniti e questo si rispecchia nella maggior parte dei media italiani. Tutto viene letto in un'ottica americana. Perché?
die SAUDI ARABIA

La Lega Araba ha dichiarato il gruppo sciita libanese Hezbollah un'organizzazione terroristica. SARANNO ANCHE TERRORISTI PER ISRAELE, OK! MA, HA DEL GROTTESCO CHE I PATROCINATORI DEL TERRORISMO MONDIALE DICHIARINO PROPRIO LORO TERRORISTA QUALCUNO! TUTTO QUESTO È TANTO PIÙ TRAGICO PERCHÉ È FATTO NEL MOMENTO IN CUI Hezbollah VINCE PER ASSAD CONTRO ISIS DAESH, Lo riferiscono i media egiziani. La decisione è stata presa dai ministri degli Esteri di quasi tutti i membri dell'organizzazione panaraba basata al Cairo, ha riferito l'agenzia di stampa egiziana Mena. Libano e Iraq invece si sono astenuti, esprimendo "riserve". Dieci giorni fa Hezbollah - che in Siria combatte al fianco del presidente Assad - era finito nella lista nera dei gruppi terroristi anche del Consiglio di Cooperazione del Golfo. In precedenza, l'Arabia Saudita, aveva tagliato 4 miliardi di dollari di aiuti al Libano per le sue forze di sicurezza.
die SAUDI ARABIA

io sono nell'osservatorio sul maritirio dei cristiani, da 30 anni circa, e posso garantire che gli islamici usano questa tecnica di terrorismo contro i non islamici: in modo sistemico! ] QUINDI LA SHARIA È L'ELEMENTO DISCRIMINANTE DEL RAZZISMO CONTRO I NON MUSULMANI! [ GINEVRA, 11 MAR - Lo stupro di donne come paga per i combattenti nel Sud-Sudan: è l'accusa contenuta in un rapporto dell'Onu sulla situazione dei diritti umani nel giovane stato africano. "Fonti attendibili indicano che gruppi alleati al governo sono autorizzati a stuprare donne in sostituzione dei salari", afferma l'Onu. Anche gruppi di opposizione e bande criminali attaccano donne e ragazze. La scala della violenza sessuale è "scioccante" nel Sud-Sudan, afferma l'Onu: in soli cinque mesi l'anno scorso, da aprile a settembre, l'Onu ha registrato più di 1.300 segnalazioni di stupri in un solo dei dieci stati del Sud Sudan, lo Stato d'Unità, ricco di petrolio. "La portata ed i tipi di violenza sessuale - in primo luogo da parte del governo delle forze SPLA e le milizie affiliate - sono descritti con dettagli devastanti e spaventosi, cosi' come l'atteggiamento quasi disinvolto, ma calcolato, di coloro che hanno massacrato civili, distrutto beni e mezzi di sussistenza", ha detto l'Alto commissario Onu, Zeid Ra'ad
die SAUDI ARABIA

Donald Trump È IL MIO CANDIDATO! L'ex candidato alla nomination repubblicana Ben Carson ha ufficializzato il suo appoggio a Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca. "Molte persone combattono per cambiare Washington, ma Donald Trump - afferma Carson - e' un leader con una prospettiva da outsider, con una visione, con gli attributi e l'energia necessarie per fare il presidente". "E' l'ora di unire il partito dietro il candidato che batterà Hillary Clinton e riconsegnerà il governo alle persone": con queste parole Carson ha espresso il suo endorsement a Donald Trump, lanciando un appello all'unita' del partito. L'intervento in un resort di Palm Beach, in Florida, accanto al tycoon newyorchese.
die SAUDI ARABIA

patriota Ida Magli, Omaggio agli Italiani ] CONTRO I MASSONI BELUSCONI TRADITORI D'ALEMA, UNA SOLA SATANICA FAMIGLIA GENDER! [ "Cancellare l'appartenenza a un determinato territorio, e all'identità di gruppo che questo comporta, significa cancellare il senso. Operazione di una violenza inaudita che nessuno scopo può giustificare" http://www.italianiliberi.it/  PRESENTAZIONE E OBIETTIVI:     Il Movimento politico e culturale “Italiani Liberi” si propone di difendere e rafforzare l’identità nazionale, storica e culturale degli Italiani e di ristabilire l’indipendenza dell’Italia uscendo dall’Unione europea. Vorrei tornare a essere italiano, in tutto e per tutto, con difetti e pregi, ricco o povero ma ITALIANO, un Italiano, 13/11/2011 “l’intelligenza sa di essere libera, quali che siano le coercizioni esteriori. Sa che la grandezza dell’Uomo è nel pensiero, e sa che c’è sempre almeno un altro uomo che lo afferra e lo trasmette.” Ida Magli, Omaggio agli Italiani
==================
Addio a Ida Magli. Roma, martedì 23 febbraio 2016. Nella notte di sabato scorso 20 febbraio si è spenta, serenamente, Ida Magli, confortata dall’affetto del figlio. Noi, suoi allievi e amici, ci ripromettiamo nei prossimi giorni di dedicare spazio al suo ricordo. Oggi ci è difficile, e ce ne scusiamo con i lettori che in ItalianiLiberi hanno sempre riposto fiducia. Il messaggio che Ida Magli ha lasciato a tutti noi è stato quello di difendere gli Italiani dalle menzogne e dall'odio contro la bellezza e l'intelligenza che nei secoli abbiamo creato. Il nostro  popolo - ci ricordava - ha sempre sofferto moltissimo per colpa dei governanti. Ida Magli ha dedicato tutte le sue forze a darci speranza e a combattere per l’Italia e la sua cultura, e ci ha lasciati col disappunto di non avere più tempo per “fare ancora qualcosa” per salvarci…
Questo sito continuerà a raccogliere la sua opera e i suoi articoli scritti negli ultimi venti anni, sia pubblicati, che inediti, perché considerati troppo “scomodi”. Speriamo che possano continuare a fornire un sicuro punto di riferimento e uno stimolo per continuare l’opera della grande antropologa.
Farewell to Ida Magli
Rome, february 23rd, 2016 http://www.italianiliberi.it/
Saturday night, february 20th, Ida Magli passed away peacefully, comforted by the love of her son.
In the next days we – her students and friends – will give more space to her memory.  Right now it is tough to do so, and we apologize to readers who always trusted ItalianiLiberi. The message that Ida Magli has left to all of us is to defend the Italians from the lies and the hatred against all the beauty and intelligence that we have created over the centuries. Our people - she used to said - has always suffered enormously because of its rulers. Ida Magli has devoted all her strength to give us hope and to prompt us to fight to defend Italy and its culture; she left us with the disappointment of not having had more time to "do something else" to save us ...
This website will continue to gather and collect her works and articles written in the last twenty years, both published and unpublished (when they were considered too "uncomfortable" or controversial). We hope that her writings will always be a reference point and an encouragement to continue the work of the great anthropologist.
die SAUDI ARABIA

QUESTA STORIA CRIMINALE SpA Rothschild Banca d'Inghilterra ( azionisti proprietà privata 1600 d.C. ) in realtà, È INIZIATA con lo spregevole assassino ENRICO VIII, tutto è in chiave anti-cristiana ( se qualcuno può ammettere, che, in realtà, lui, Enrico VIII era un vero cristiano) da allora, ad oggi i Paesi Europei mediterranei, dai farisei Enlightened ( anglo-americani ) proprietari di tutte le SpA Banche Centrali, hanno sempre visto, tutto il resto del mondo: e sono sempre stati considerati, da loro, come gli schiavi da sfruttare! Quì è anche, nata la Massoneria, quì è nato il luciferismo! LA MONARCHIa INGLESE è custore delle Chiavi dell'INFERNO! ] [ Usa ribadiscono 'relazione speciale' Gb, Dopo critiche di Obama a Cameron su gestione guerra in Libia, 11 marzo 2016
====
la NATO È DIVENTATA, IL RICETTACOLO DI TUTTE LE BESTIE: SATANISTI FARISEI MASSONI SALAFITI E NAZISTI, TERRORISTI ISLAMICI... ecc.. Pronunciandosi a favore della scarcerazione dei giornalisti di Cumhuriyet sotto processo per lo scoop sulle armi in Siria, Can Dundar ed Erdem Gul, la Corte costituzionale turca ha deciso "contro il Paese e la nazione". Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, tornando ad attaccare la Suprema corte più di due settimane dopo il rilascio dei reporter.
die SAUDI ARABIA

LE PAROLE del troione di OBAMA dette contro i Democratici, dopo essersi pulito le labbra dal sangue, sono di una perversione assoluta, DATO CHE È LUI CHE È IL SISTEMA USUROCRATICO, TECNOCRATICO, SPA FINANZIARIO, E MASSONICO CHE HA CORROTTO E DEFORMATO TUTTE LE COSE!   Poco prima, ad un comizio a St. Louis, nel Missouri, la polizia aveva arrestato 31 persone. Intanto, Barack Obama definisce la campagna presidenziale dei candidati repubblicani "una fantasia, scherni da cortile scolastico, un network di home shopping'', e ha citato Trump come ''il tizio che è sicuro che sono nato in Kenya''. A suo avviso, il magnate è ''la distillazione di ciò che è successo nel loro partito in oltre un decennio...Questo e' il messaggio che è stato alimentato: che tu neghi l'evidenza della scienza, che il compromesso è un tradimento".
die SAUDI ARABIA

il Regno di Dio in ISRAELE, subisce violenza, ed è pronto a reagire! ] [ Isaia 14:22. 22. Io mi leverò contro di loro, dice l’Eterno degli eserciti, sterminerò di Babilonia SPA NWO OGM NWO, il nome, ed i superstiti, la razza e la progenie, dice l’Eterno.
2 Maccabei 2:22. 22. a riconquistare il tempio famoso in tutto il mondo, a liberare la città e a ristabilire le leggi che stavano per essere soppresse, quando il Signore si rese loro propizio con ogni benevolenza:
LO SANNO TUTTI JHWH è UN RAGAZZO DI PAROLA, CERTO DOBBIAMO AMMETTERLO, A VOLTE SI PRENDE DEL TEMPO, MA, NESSUNO LO PUò DUBITARE LUI MANTIENE SEMPRE LA SUA PAROLA! .. infatti è scritto: "se tarda a venire? tu attendilo perché di certo lui verrà!"
IO SO CHE TU SARAI MOLTO FELICE QUANDO TI TROVERAI DI FRONTE A LUI.. RALLEGRATI lui è vicino!
die SAUDI ARABIA

COME SALMAN ED ERDOGAN SHARIA POSSONO DIRE: "SE, DEI CANNIBALI FARISEI SACERDOTI DI SATANA, TRUFFA SPA ALTO TRADIMENTO: LUCIFERISMO, LORO POSSONO PARLARE AL PAPA IN QUESTO MODO, PERCHÉ NON DOBBIAMO FARE GLI IPOCRITI ASSASSINI SHARIA CALIFFATO, ANCHE NOI? " WASHINGTON, 12 MAR - Il segretario di Stato Usa John Kerry ha espresso, anche a nome del presidente Obama e del popolo degli Stati Uniti, le ''più calde congratulazioni'' a Papa Francesco in occasione del terzo anniversario della sua elezione al soglio pontificio. Lo riferisce una nota del dipartimento di Stato. Dopo aver ricordato la prima visita in Usa di Bergoglio lo scorso autunno, Kerry manifesta la gratitudine degli Usa per il ruolo del Papa nel rinnovare i rapporti diplomatici americani con Cuba e il suo supporto per i negoziati di pace tra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie (Farc). ''Io credo - prosegue la nota - che gli americani - cattolici e non - condividano la convinzione di sua Santità che dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere l'ambiente del nostro pianeta, sostenere il bene comune, promuovere la libertà di religione, prendersi cura dei rifugiati e di coloro che sono svantaggiati, e battersi per la giustizia e la pace''.
die SAUDI ARABIA

1/2 ] LO RIAFFERMO, io sono la amnistia universale, io non ucciderò nessuno, circa i delitti che sono stati commessi fuori del mio regno! OGNI PECCATORE DOVRÀ AFFRONTARE IL TRIBUNALE DI DIO, E DA QUESTO PUNTO DI VISTA, È MEGLIO AFFRONTARE IL GIUDIZIO DEGLI UOMINI, CHE NON IL GIUDIZIO DI DIO! ed io non voglio passare il mio tempo a fare il macellaio, anche perché, il sistema SpA massonico ed islamico usurocratico ha corrotto le coscienze degli uomini, facendo commettere loro delitti che loro mai avrebbero voluto commettere.
2/2 ] LO RIAFFERMO, io non ho uno scopo ideologico religioso o personale da perseguire, ecco perché, per me l'esercizio del potere è una sofferenza, un castigo! Già, affinché il genere umano possa ritornare a vivere e a sperare, io pago per delitti istituzionali che altri hanno commesso
die SAUDI ARABIA

#Mario #Draghi, SpA BCE ] se, NOI vogliamo parlare di giustizia, 1. NOI DOVREMMO RIVALUTARE IL COSTO DELL'EURO PER L'ITALIA, CONSIDERANDO ANCHE, LA SUA ECONOMIA SOMMERSA, CHE UNA CRIMINALE TASSAZIONE HA GENERATO! QUINDI DOBBIAMO RISARCIRE LA ITALIA PERCHé HA PAGATO, L'EURO IN TUTTI QUESTI ANNI IL 40% IN più. DEL SUO VALORE! 2. MA, adesso, in modo strutturale, tu devi mettere mano alla sistemazione complessiva, di tutti i mutui ipotecari, possibilmente: azzerando, eliminando e ristorando per gli stessi, tutti i tassi di interesse: ed imponendo agli istituti di credito una rettificazione d'ufficio: DI TUTTI I MUTUI IPOTECARI! ] conclusione [ OPPURE, TU VUOI VEDERE SUICIDARSI, ANCORA, MIGLIAIA DI PERSONE?
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  #SALMAN, #ERDOGAN, #SHARIA ] affronta sfide globali FMI NWO FED SPA OGM 666 SHARIA GENDER [ MA, COME VOI VI PERMETTETE, di mettere a morte, così tanti cristiani innocenti, in tutto il mondo, che, loro non hanno un solo rappresentante politico (tranne me) che li possa proteggere e rappresentare?  VATICANO – YEMEN, Papa: Il massacro delle suore di Madre Teresa, un atto diabolico e insensato. In un messaggio a firma del Segretario di Stato, Francesco esprime “shock” e “profondo dolore” per la morte di quattro Missionarie della Carità e altre 12 persone, uccise in una casa per anziani di Aden. “In nome di Dio, chiedo a tutte le parti di rinunciare alla violenza e rinnovare l’impegno per il popolo dello Yemen”.
die SAUDI ARABIA

LA LEGA ARABA SHARIA, SI NASCONE DIETRO LE SPALLE di suoi servizi segreti, DAESH ISIS SHARIA, PER POTER COMMETTERE TUTTI I CRIMINI IMPUNEMENTE! ] io propongo di sterminare tutti in ARABIA SAUDITA! [ Daesh ha usato armi chimiche a Taza nel sud dell'Iraq 10:37 12.03.2016(Fonti delle milizie sciite riferiscono di due missili armati con le sostanze tossiche lanciati dall'insediamento di Kasbah al-Bashir. L'ISIS [Daesh] ha usato armi chimiche nell'attacco alla città settentrionale irachena di Taza. Lo ha riferito al-Hashd ash-Shaabi, portavoce delle milizie sciite. Il mese scorso il direttore della CIA John Brennan, aveva spiegato come fossero state impiegate armi chimiche sia in Siria che in Iraq, come il Daesh aveva la capacità di usarlo, come di esportarlo facilmente nei Paesi occidentali.
"Il territorio a sud di Taza è diventato è stato oggetto di un attacco pesante condotto da militanti del Daesh. Durante l'attacco, i terroristi hanno lanciato due missili armati con le sostanze tossiche dal [l'insediamento di] Kasbah al-Bashir". lo ha dichiarato Ali Huseini all'emittente televisiva al Sumaria. Huseini ha aggiunto che le autorità irachene dovrebbero adottare le misure necessarie a fornire la regione con la sicurezza necessaria, e liberare la regione controllato dallo Stato Islamico: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260311/daesh-attacco-taza-iraq-armi-chimiche.html#ixzz42gKhMb5f
die SAUDI ARABIA

L'Unione Europea ha deciso di prorogare le sanzioni contro i cittadini russi. i tecnocrati massoni farisei USA Bildenberg regime: SpA Banche CENTRALI, dichiarano che, la sovranità non appartiene più al popolo, e che, anzi loro devono essere felici quando la CIA fa un golpe cecchini a Maidan Kiev: per insediare la NATO! ] I NUOVI VALORI DI SATANA PEDOFILIA POLIGAMIA GENDER GAY LOBBY, E TUTTE LE PERVERSIONI SESSUALI DI MAOMETTO: UN SOLO HAREM [  12.03.2016. La lista degli individui colpiti dalle sanzioni è stata ridotta di tre persone poiché decedute. La proroga delle sanzioni entrerà in vigore il 13 marzo. La decisione dell'UE di prorogare fino al 15 settembre le sanzioni individuali contro le persone fisiche e giuridiche della Federazione Russa e dell'Ucraina, considerate da Bruxelles responsabili di «minare l'integrità territoriale» ucraina, è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea. Formalmente la proroga delle sanzioni contro 146 cittadini e 37 persone giuridiche è stata fissata con la decisione del Consiglio dell'Unione Europea del 10 marzo, ed è stata approvata senza sottoporla ai ministri dell'Interno e ai ministri della Giustizia degli stati membri dell'UE. «La decisione entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale» specifica la pubblicazione. Dalla lista degli individui colpiti dalle sanzioni sono state rimosse tre persone che non sono più in vita. Come conferma la pubblicazione, si tratta dell'ex capo del GRU Igor Sergun, di un membro della Camera Civica della Crimea Yury Zherebtsov e il comandante del reggimento cosacco della auto proclamata Repubblica Popolare di Luhansk Pavel Dremov. Secondo fonti Pavel Dremov è morto il 11 dicembre 2015 quando la sua auto è stata fatta saltare in aria mentre era in viaggio il giorno dopo il suo matrimonio.  Inoltre, l'UE ha apportato cambiamenti nella lista riguardanti 46 persone fisiche e 11 giuridiche: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260002/ue-sanzioni-persone.html#ixzz42gIGFyfV
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  nella LEGA ARABA? Questo omicidio non sarebbe mai potuto succedere!  [ adesione della Chiesa cattolica, associazioni e dirigenti politici. Un vero e proprio successo per l'hashtag #NiUnaMenos che è riuscito a coinvolgere anche associazioni cilene e uruguaiane. #‎ViajoSola‬, diventa virale il caso delle argentine uccise in viaggio da sole. La barbara fine di Marina Menegazzo e Maria Jose' Coni porta allo scoperto i rischi che corrono le giovani turiste nel Paese
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  Lega Araba, #Hezbollah gruppo terroristico [ non c'è dubbio che Hezbollah, sia un gruppo terroristico, inftti tutta la #LEGA #ARABA #sharia è un solo terrorismo islamico nazista omicidio a tutti!
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  tutti sono consapevoli circa il mio ministero politico universale, io non riesco ad odiare, anzi: io omo tutti come amo me stesso, perché, noi siamo un solo organismo vivente, dove JHWH è la fonte della vita! TUTTI QUELLI CHE VERRANNO DA ME SARANNO PERDONATI, RISTORATI E RIGENERATI! Dio ha detto: "soltanto Satana è il colpevole" ECCO PERCHÉ, IO HO DECISO DI FARE DEL MALE SOLTANTO A SATANA!  ===== [ my holy JHWH ] [ sai cosa mi hanno detto in molti? "dimostra di essere Unius REI, salva il mondo, da solo!" Così, io devo fare tutto il lavoro, e loro non vogliono muovere un dito, nessuno si vuole compromettere: "ti prego uccidili!"
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ] io posso dirigere i lavori del Concilio islamico: perché io come: Unius REi? io appartengo ad ogni religione!  [ è necessario considerare come l'ISLAM sharia Coranico sia un nazismo incompatibile con la sopravvivenza del genere umano! ED È INQUIETANTE CONSIDERARE, COME, NEANCHE I MUSULMANI LAICI OCCIDENTALI, METTANO SOTTO CONDANNA LA LEGGE DELLA SHARIA, E QUESTO È INDICATORE DI: UN COMPLOTTO ISLAMICO, o di una infestazione demoniaca ( ipocrisia menzogna e dissimulazione di tutti i musulmani del mondo! ) contro il pluralismo, la libertà e la identità dei popoli! Quando i farisei anglo-americani avranno fatto sterminare dagli islamici, tutti i cristiani del mondo, poi, metteranno sotto inchiesta l'ISLAM a livello mondiale per sterminare tutti i musulmani, anche. Ecco perché, il mio ministero politico universale si chiama anche lorenzoALLAH perché, io come Mahdì, io posso rinnovare e riformare l'ISLAM in chiave laica! Affinché, l'ISLAM sia ridimensionato come una qualsiasi positiva religione monoteista, e non abbia più una incidenza criminale, nella vita dei popoli, attraverso il delitto della sharia che è il delitto violazione e soppressione di ogni diritto umano. it is essential to do a council Islamic! è indispensabile fare un concilio islamico! I can direct the work of the Islamic Council, because, I like: unius REI? I am of every religion!

NEL CASO IN CUI, QUALCUNO SI SIA PERSO QUALCHE COMMENTO PRECEDENTE? tutti i satana già lo sanno, IO SONO IL RE DI ISRAELE! ] [ #SALMAN #ROTHSCHILD, #BUSH #ERDOGAN, #OBAMA #MERKEL #GENDER #ANALE #SODOMA, all #HORROR #FAMILY, all #PERVERSIONI #SESSUALI, #PEDOFILIA #POLIGAMIA ] quindi, io mi devo mettere in un bombardiere, andare sulla LEGA ARABA e sparare ad una persona, che, io non conosco, e che lui non mi ha fatto niente, e magari lui è un santo musulmano, compassionevole e pacifista, SOLTANTO PERCHÉ LA VOSTRA SCIENZA DI SATANA HA DETTO DI FARE COSÌ? perché non vi sparate tra di voi, li nella piramide occhio di lucifero?
die SAUDI ARABIA

un soldato francese in Crimea (1855 dC ): "quando un russo viene contro di te con la baionetta, io ti consiglio di cambiare strada!" Nikita Mikhalkov: a difesa della Russia e dei russi. PandoraTV 4.829 Pubblicato il 13 gen 2016. La puntata numero 38 di Bessagon tv, la trasmissione di Nikita Mikhalkov in onda su Rossiya24, è stata respinta dal canale di stato russo, censurata. Si parlava della vicenda di un noto giornalista russo che aveva usato toni pesantemente offensivi nei confronti della Russia stessa e dei russi. Pandora Tv propone, tradotta in italiano, la trasmissione respinta da Rossiya24 e diffusa tramite You Tube da Mikhalkov e il suo staff. Traduzione: Matteo Peggio, Edizione e Voice Over: Adalberto Gianuario https://youtu.be/fspwXt1JCC8
die SAUDI ARABIA

LA SCRISTIANIZZAZIONE DI ASIA AFRICA E MEDIO ORIENTE: è UN COMPLOTTO SAUDITA SALAFITA, FARISEI SPA FED Talmud USA! ] VOI SIETE SOLTANTO UN CONTENITORE PIENO DI DEMONI E SPIRITI MALIGNI! [ Christian migrants find discrimination follows them to Europe ] e se i miracoli che sono scritti nella Bibbia SONO VERI? IO HO GIURATO DI FARVI DEL MALE! IO FARò DI VOI IN ETERNO LO SPETTACOLO DELLA VERGOGNA! Published: Feb. 17, 2016. The camp in Grande-Synthe, northern France, hosts around 2,500 to 3,000 migrants. World Watch Monitor. Christians among the thousands of Middle Eastern migrants who have fled to Europe have discovered that a familiar burden has followed them: religious harassment. Some Christian migrants have been subjected to discrimination, harassment and violence from Muslim migrants with extremist views. One Iranian convert to Christianity was murdered. The phenomenon has been observed in various locations across Europe, including in the camp of Grande-Synthe in northern France, where Iranian converts have been targeted by migrants from Iraq. The situation has raised great concerns among local churches, which are now supporting migrants by supplying them with food, clothing, and, in some cases, even shelter. It all started at the turn of the year, recalls Philippe Dugard, the Pastor of Église Evangélique du Littoral, or EEDL, a church in the neighbouring town of Saint-Pol-sur-Mer, which has spearheaded the relief effort in Grande-Synthe. “Between November and December, there was a group of Iranians who confessed their belonging to Christ, who started to attend our church. Some were Orthodox, while others said they were Christians but were not truly converted. But we got to know them, and we felt they had a real spiritual thirst,” he said. “And then one evening [14 December], we were informed that two of them were stabbed and the whereabouts of a third one was unknown. “We then said that as Christians we cannot leave them alone in that situation, and the victims themselves told us that they no longer wanted to stay in the camp, as they felt threatened.”
The incident marked the beginning of EEDL’s support for migrant victims of persecution.
For the next few days, the victims were put up in hotels, before they were moved to a church in Dunkirk, the closest city to the camp.
Just one of the victims from the initial group remains, a 29-year-old who wished to remain anonymous. “Generally the Kurdish mafia in the camp are against Christians,” he said. “When we gave our money to them for them to help us to go to England, they didn’t help us and they just stole our money and did not give it back. Then they attacked us and called us kafir [infidels] and dirty. They came and cut me with a knife and they beat my friends.” He said there are still some Christians in the camp, but that many are too scared to speak about their faith. “Yes, there are still some Christians there in the camp,” he said, “But they don’t prefer to stay there beside these strong Muslims. They are so racist, they just want to clear the camp to be without Christians.” He added that a mosque has been created in the camp, and that the Call to Prayer resounds around the camp every day, but unlike the nearby Calais camp, there is no church. An explosive cocktail
 Located in the northwest of France, beside the English Channel, the camp of Grande-Synthe hosts around 2,500 to 3,000 migrants – mostly Kurds from Iraq and Syria, but also some Iranians.
Tensions and other forms of violence are common in the camp, said a social worker, who wished to remain anonymous for fear that the report could impact upon his work with the Christians. Ethnic differences have created tension in the camp between the Iraqis and Iranians, of whom there are only around 50. The thousands of Iraqi Kurds are mostly Muslim, while some of the Iranian minority are Christians. Some of them attend local churches secretly, because they are scared of the Muslim migrants and smugglers, who hold sway within the camp. Night raids, theft and violence are among the common threats.
On the night of 14 December, a knife attack left several Christians injured. One of them, a 19-year-old named Mohammad, was murdered. The local police were informed and an investigation is underway. Police did not respond to World Watch Monitor requests for information about the investigation. A staff member at the Mayor’s office in Grande-Synthe said there is no security problem in the camp, which she said is open to external visitors. However, police now patrol the entrance. On 26 January, a shooting between rival gangs of smugglers erupted, prompting a huge police deployment around the camp. Security checks are now carried out at the entrance of the camp, and visitors must acquire prior authorisation from the Mayor’s office. There are some who fear members of the so-called Islamic State may be among the migrants, intent on radicalising other migrants and imposing Sharia inside the camp. A settled tension
Local churches are providing food, clothing and, in some cases, shelter for migrants.
LEGGI TUTTO: https://www.worldwatchmonitor.org/2016/02/4305685/
====================
SANTO PROPOSITO: molto bene! subito SOVRANITà MONETARIA! allora, voi non pagate più ad interesse il denaro a Rothschild, smettete di sputare nella Massoneria contro la Costituzione, e di raccogliere il 70% delle nostre tasse per Rothschild il FARISEO SATANISTA! ] [ Renzi a Parigi, cultura contro terrorismo, 'Non possiamo limitarci solo alla sicurezza'
============
Usa: omaggio Obama a Nancy Reagan! il NOSTRO CREATORE JHWH HOLY PERDONI I SUOI PECCATI LA ACCOLGA NEL SUO REGNO DI GIOIA E AMORE A TUTTI! ] [ Poi Obama ha riconosciuto che Nancy Reagan "ha ridefinito il ruolo della First lady degli Stati Uniti", aggiungendo al ruolo di "consigliera fidata" del marito e di "elegante padrona di casa della nostra nazione" quello di "appassionata sostenitrice" di molte cause sociali e sanitarie: dalla lotta contro droga e alcol al supporto dei veterani, dalla promozione della mammografia dopo la sua battaglia contro il cancro al seno a quella della ricerca su cellule staminali e Alzheimer. Infine ha rievocato la sua professione di attrice e, fuori degli schermi, il ruolo avuto nella "vera storia d'amore hollywoodiana" con il marito.
================
QUESTA è UNA DECISIONE SOVRANA del POPOLO nel DONBASS, la Russia non è parte in causa, più di me! ma, per parte del mio Ufficio: io pretendo che Kiev: rimuova tutte le MINE MOGHERINI ONU MERKEL PRAVY SECTOR BILDENBEG: tutte mine: anti-carro, anti-uomo, e anti-bambino! 2. riconosca la secessione della CRIMEA! Kiev vuole sostituire i leader delle zone incontrollate del Donbass. 12.03.2016(Il leader del movimento «Scelta ucraina», Victor Medvedchuk, ha proposto un piano per la creazione nel Donbass delle amministrazioni guidate da persone che soddisfino Kiev e Mosca. Sabato il settimanale ucraino ZN.UA ha scritto che il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha espresso interesse per il piano del leader del movimento civico «Scelta ucraina» Victor Medvedchuk, il quale ha proposto la creazione nelle regioni di Donetsk e Luhansk (non controllate Kiev) amministrazioni, guidate da persone che soddisfino Kiev e Mosca: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2261438/kiev-amministrazioni-donbass.html#ixzz42hJfAjvl
==============
12.03.2016) Il 12 marzo viene celebrata la Giornata mondiale contro la cyber-censura. ( ok! ALLORA, VOI DOVETE CELEBRARE ME: Unius REI, perché, IO SONO IL PIù CENSURATO AL MONDO! i FARISEI, MENTRE pensavano di far uccidere ISRAELE, adesso stanno cambiando idea, e pensano che è meglio fare uccidere la ARABIA SAUDITA, infatti io sono il Re di ISRAELE, che, loro non sono riusciti a sconfiggere! ] [ Internet è uno strumento fondamentale per la libertà di espressione e ha cambiato tutto anche nel giornalismo. Nell'era dei social network nasce infatti uno spazio per il dibattito e il confronto fra i lettori e il giornalista. Informarsi in rete diventa un processo sempre più attivo, il controllo delle fonti e le informazioni è "responsabilità" del lettore e non più dei giornali come una volta. Con i social è cambiato l'approccio stesso all'informazione: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160312/2262313/giornalismo-web-liberta-espressione-social-network.html#ixzz42hLzwUcV
==========
tutti i delitti nazisti golpisti di CIA NATO, di: MERKEL e MOGHERINI: i lecchini di Massoni D'Alema, Rothschild Bildenberg: tutti i satana del FED NWO l'Anticristo! CRIMEA, LA STRADA VERSO CASA [1° parte] PandoraTV, Pubblicato il 11 mar 2016 [ questa è la verità!!! non quello che dicono in tv media venduti, burattini manovrati dagli usa. indignazione totale per l'europa. grande presidente putin premio nobel per tutto quello che sta facendo. ] Pandora tv propone in versione italiana un documentario che nessuna tv italiana manderà mai in onda: "Crimea, la strada verso casa" racconta, con dovizia di immagini, documenti e testimonianze dirette, come si svolsero i fatti che, subito dopo il colpo di stato di Maidan, portarono al ritorno della Crimea nei confini della Federazione Russa. https://youtu.be/vAz65bMa66Y
=============
come ERDOGAN sharia salafita, deve aiutare ISIS sharia salafita? come ERDOGAN può violare impunemente la tregua? come ERDOGAN può dimostrare: la necessità di questa sua personale guerra genocidio guerra, contro i curdi irachemi e siriani? ANKARA, (TURCHIA), 12 MAR - Raid aerei dell'aviazione turca oltre, il confine sul nord dell'Iraq hanno ucciso almeno 67 militanti del Pkk. Lo riferisce oggi l'Anadolu precisando che gli attacchi sono avvenuti il 9 marzo. Secondo l'agenzia 14 F-16 e F-4 hanno anche distrutto depositi di munizioni, bunkers e nascondigli del Partito dei lavoratori del Kurdistan Pkk in cinque aeree del nord Iraq.

[ DATAGATE NOW VS UNIUS REI ] LevittownPaIsSpecial [ 5 giorni fa ] Maybe start spamming on their videos as well. [ANSWER ]
 la CIA 666 NSA ha imposto i suoi funzionari e i suoi operatori nello
Staff di google e di youtube, e loro hanno paura dei satanisti, e non
possono fiatare!

 DATAGATE NOW VS UNIUS REI ] LevittownPaIsSpecial [ 5 giorni fa ] Maybe start spamming on their videos as well. [ANSWER ] la CIA 666 NSA ha imposto i suoi funzionari e i suoi operatori nello Staff di google e di youtube, e loro hanno paura dei satanisti, e non possono fiatare!

Unius kingREI

ONU, Mosca invita Ban Ki-moon a condannare l'uso della forza di Kiev ad est. Il rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite Vitaly Churkin ha esortato il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon a condannare ufficialmente l'uso della forza da parte delle autorità ucraine ad est del Paese. La corrispondente dichiarazione era stata fatta ieri, commentando l'operazione militare nella parte orientale dell'Ucraina, in particolare a Slavyansk. Churkin ha anche rilevato che l'Ucraina accusa la Russia di presenziare militarmente la parte orientale del Paese, sebbene senza fornire prove in merito. In precedenza Ban Ki-moon aveva chiesto di fermare a tutti i costi le operazioni militari in Ucraina.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_25/ONU-Mosca-invita-Ban-Ki-moon-a-condannare-luso-della-forza-di-Kiev-ad-est-3789/
 Unius kingREI

Mosca ha il diritto di inviare forze di pace in Ucraina"
La Russia ha le basi giuridiche internazionali per l'invio di forze di pace in Ucraina in caso di necessità, ha dichiarato il rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite Vitaly Churkin in un'intervista con i giornalisti della tv a Mosca.
Ha osservato che "esistono norme della Carta delle Nazioni Unite, in particolare l'articolo №51 sull'autodifesa, oltre al fatto che la corrispondente decisione è stata avvallata dal Consiglio della Federazione (Senato della Russia)."
Allo stesso tempo il diplomatico ha sottolineato che esiste ancora la possibilità di risolvere il conflitto in Ucraina sulla base degli accordi di Ginevra.
"In realtà non c'è nessun'altra via razionale," - ha affermato Churkin.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_25/Mosca-ha-il-diritto-di-inviare-forze-di-pace-in-Ucraina-9168/

Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

Ban Ki-moon È SOLTANTO UN BURATTINO DELLA CIA ] Mosca convocherà il Consiglio di Sicurezza ONU se usata la forza in Ucraina 10:23
"Mosca ha il diritto di inviare forze di pace in Ucraina" 10:08
Corea del Nord, Kim Jong-un guida un'esercitazione militare di soldatesse 9:40
ONU, Mosca invita Ban Ki-moon a condannare l'uso della forza di Kiev ad est 9:19
Mosca chiede agli USA di far fermare a Kiev l'operazione militare ad est 9:02
In Russia in arrivo premio giornalistico col nome di Snowden 8:15
Ban Ki-moon esorta il Consiglio di Sicurezza ONU a reagire alla situazione in Siria 3:22
La Francia darà alla NATO 4 caccia per il pattugliamento dei Paesi Baltici 2:20
Putin tra le prime 100 persone più influenti del mondo secondo il "Time" 1:31
La Siria ha eliminato oltre il 90% dell'arsenale chimico 0:18
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

Mosca chiede agli USA di far fermare a Kiev l'operazione militare ad est. [ IL POPOLO DEI RUSSOFONI, CHE NON HA AVUTO LO ONORE, DI POTER ENTRARE IN UN GOVERNO DI UNITÀ NAZIONALE, CHE I GOLPISTI FASCISTI HANNO PREPARATO! ]
Washington deve costringere Kiev ad interrompere immediatamente l'operazione militare nella parte orientale dell'Ucraina, si legge in un comunicato del ministero degli Esteri russo. "L'imprevedibilità dello sviluppo degli eventi nelle regioni sud-orientali dell'Ucraina, dove contro la popolazioni vengono schierate unità militari, forze speciali e forze paramilitari ultranazionaliste, richiede un intervento urgente da parte degli Stati Uniti sulle autorità di Kiev, per indurle alla moderazione e a non usare la forza", è scritto nel documento. Mosca conta che finalmente gli Stati Uniti adottino misure urgenti per allentare le tensioni, conformemente con le disposizioni della Dichiarazione di Ginevra del 17 aprile, e capiscano completamente la misura delle proprie responsabilità per ciò che accade,"- rilevano nel dicastero della diplomazia russa.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_25/Mosca-chiede-agli-USA-di-far-fermare-a-Kiev-loperazione-militare-ad-est-3043/

Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

LA SHARIA CHE ONU E OBAMA GENDER AMANO ] Pakistan: bambina cristiana violentata. Si trova in rianimazione. Padre sequestrato e minacciato. 24 aprile 2014. ISLAMABAD, 24 APR - Una bambina cristiana di 7 anni è stata violentata da un gruppo di giovani musulmani nel Pakistan centrale. E' quanto denuncia una ong cristiana. La ragazzina è ora ricoverata in rianimazione in un ospedale di Sialkot in gravi condizioni, secondo quanto riferito da Life for Pakistan, un gruppo di pressione a favore della minoranza cristiana nel paese. L'incidente è avvenuto in un villaggio vicino Daska, nella provincia del Punjab. La polizia ha arrestato due dei quattro presunti stupratori.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

04/24/2014 PAKISTAN [[ TUTTI I CRIMINI DELLO ONU, SOTTO EGIDA SHARIA, ANTICRISTO OBAMA GENDER IL NOBEL DELLA GUERRA A TUTTI I COSTI, COSTI QUELLO CHE COSTI! ]]
Punjab: clan gang rapes seven year old Christian and kidnaps father to stop him reporting them, by Jibran Khan [ IL PENE DI MAOMETTO COLPISCE ANCORA ]
Sara was raped by four men in a Muslim village in Sialkot . The little girl is hospitalized in a "critical condition". The rapists kidnapped her father, Iqbal Masih, forcing the family to not press charges. Activists and human rights organizations demand justice.
Islamabad (AsiaNews ) - A "clan" of four Muslim men raped a Christian girl of only seven years old, named Sara yesterday in the village of Mally ki, Daska, Sialkot district (Punjab) . The child is now in Sialkot hospital, in the intensive care unit in...

04/24/2014 SYRIA [ TUTTI GLI JIHADISTI DI OBAMA GENDER IL MOSTRO ]
For Ban Ki-moon, all Syrian factions guilty of blocking humanitarian aid
UN secretary general says "flagrant violations of the basic principles of international law" have been committed. For UN humanitarian chief Valerie Amos, relief often cannot reach its destination because soldiers deny access. And roads linking Aleppo to Damascus are often blocked.

04/24/2014 BANGLADESH Rana Plaza, a year after, amid the government's failed promises and survivors' rehabilitation. by Nozrul Islam
Thousands of people, including garments workers and their families, held a memorial vigil today for the 1,135 victims of the Rana Plaza collapse. The disaster was the worst accident in the country's garment industry. Although the road ahead is still long, workplace safety is now on the agenda. However, only a few families have received compensation and many workers who survived the ordeal have not been hired back to work.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

04/24/2014 INDIA. Card. Gracias: We vote to serve and build a better India. by Card. Oswald Gracias. The Archbishop of Mumbai went to the polls this morning, during the sixth phase of the general elections of 2014. To do so, he postponed his trip to Rome. He tells AsiaNews: "Jesus was clear about religious authority and the civil power, it is our duty as citizens to get involved in civil matters" for the good of society.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

04/24/2014 INDONESIA. Bogor: Christians appeal to new mayor to let Yasmin Church reopen. On 7 April, Bima Arya Sugiarto replaced controversial Mayor Diani Budiarto, who had the church closed. His decision, which violated a Constitutional Court ruling, was taken under pressures from Islamists. The new mayor now has to put "an end" to abuses against the Christian community, which this year celebrated Easter in the open air.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

04/24/2014 KOREA
Pyongyang sends its condolences to Seoul for ferry disaster
This is the first time since 2003 that the Kim regime has expressed “sorrow" over a tragedy that occurred in the South. The death toll rises to 171 , 131 people are still missing. The message was sent through the Red Cross.
04/24/2014 BANGLADESH
Dhaka, rise in abductions as a Catholic businessman kidnapped
by Sumon Corraya
The victim is Hemonto Costa, younger sibling of Brother Proshanto Costa, high school principal in Mymensingh. His cell phone is turned off and there is no news of his whereabouts. Between 2013 and 2014 a total of 332 people were kidnapped in Bangladesh. Only half returned home alive.
04/23/2014 SAUDI ARABIA
Death toll hits 81 with 17 more MERS cases reported
The number of people infected with the virus now stands at 261. Saudi King fires Health minister, who had said that MERS-related deaths had dropped by 60 per cent, that more than 20,000 people had been examined over the last few weeks, and that his ministry had done a good job.
04/23/2014 VATICAN
Pope warns against placing hope in "dead things" such as vanity, money and success
At the General Audience, Pope Francis reflects on the Angels’ words at the tomb: "Why look among the dead for someone who is alive?". And what do I do ? Which route do I follow to encounter the living Christ . He will always be close to us to correct our course if we have gone wrong".
04/23/2014 SINGAPORE - CHINA
Singapore archbishop: With Benedict XVI's words pray for the Church in China
by William Goh Seng Chye*
Citing the Prayer to Our Lady of Sheshan, the bishop calls on the faithful to "reach out" to Chinese migrants living in the city-state, and show "them our genuine love and concern." On 23 May, a special prayer is set for St Bernadette Church.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 BANGLADESH
Dhaka, in aumento i sequestri: rapito un imprenditore cattolico
di Sumon Corraya
La vittima è Hemonto Costa, fratello minore di fratel Proshanto Costa, preside di un liceo a Mymensingh. Ha il cellulare spento e non si hanno notizie. Tra il 2013 e il 2014 un totale di 332 persone sono state sequestrate in Bangladesh. Solo la metà torna viva a casa.
23/04/2014 ARABIA SAUDITA
Arabia Saudita, 17 nuovi casi di coronavirus. Il totale dei morti sale a 81
Il numero delle persone infette dal virus sale a 261. Il re saudita dimette il ministro della salute, il quale aveva affermato: "Il tasso di mortalità causato dal virus è sceso del 60%, nelle ultime settimane sono state visitate più di 20.000 persone. Il ministero sta svolgendo un ottimo lavoro".
23/04/2014 VATICANO
Papa: vanità, denaro e successo sono "cose morte", non in esse va posta la speranza
All'udieza generale Francesco commenta le parole «Perché cercate tra i morti colui che è vivo?», dette dall'angelo alle donne che erano andate al sepolcro. "Ed io che faccio? Quale rotta seguo per incontrare il Cristo vivo. Lui sarà sempre vicino a noi per correggere la rotta se noi abbiamo sbagliato".
23/04/2014 SINGAPORE - CINA
Arcivescovo di Singapore: Con le parole di Benedetto XVI, pregate per la Chiesa in Cina
di William Goh Seng Chye*
Riprendendo la preghiera alla Madonna di Sheshan, il prelato invita ad “andare incontro” ai migranti cinesi nella città-Stato. E a mostrare loro “il nostro amore e la nostra sincera preoccupazione”. Il 23 maggio alla chiesa di Santa Bernadette prevista una speciale preghiera.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 INDONESIA. Bogor: dai cristiani un appello al neo sindaco per la riapertura della Yasmin Church. Dal 7 aprile scorso Bima Arya Sugiarto ha sostituito il controverso primo cittadino Diani Budiarto, protagonista della chiusura del luogo di culto. Una decisione, in violazione a una sentenza della Corte costituzionale, presa dietro pressione degli islamisti. Al nuovo sindaco il compito di “mettere fine” agli abusi contro la comunità cristiana, che ha celebrato la Pasqua all’aperto.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

Top 10 [ è vero: con Gesù Dio ha deciso di essere molto vicino agli uomini! ]
24/04/2014 VATICANO
Papa: ci sono "cristiani pipistrelli", che "preferiscono le ombre alla luce della presenza del Signore"
Come i discepoli all'apparizione di Gesù risorto, "hanno paura della vicinanza di Gesù, perché questo ci dà gioia". "La vita cristiana deve essere questo: un dialogo con Gesù, perché - questo è vero - Gesù sempre è con noi, è sempre con i nostri problemi, con le nostre difficoltà, con le nostre opere buone".
18/04/2014 VATICANO
Papa: Via Crucis, "Il male non avrà l'ultima parola, ma l'amore, la misericordia e il perdono"
18/04/2014 PAKISTAN
Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia
di Jibran Khan
18/04/2014 LAOS - THAILANDIA
Geologi thai lanciano l'allarme: la diga di Xayaburi è a rischio sismico
20/04/2014 VATICANO
Papa: il Risorto ci aiuti ad andare incontro a chi è ferito e porti pace a chi soffre per guerre e violenze
21/04/2014 VATICANO
Papa: La gioia pasquale "non è un maquillage! Si imprima nei nostri cuori e traspaia nelle nostre azioni"
18/04/2014 NEPAL
Nepal, anche indù e buddisti festeggiano la Pasqua
di Christopher Sharma
20/04/2014 VATICANO
Papa: la Risurrezione, invito a riscoprire il Battesimo e divenire testimoni di Gesù
18/04/2014 CINA
Pechino, condannati altri 4 attivisti del Movimento nuovi cittadini
18/04/2014 IRAQ
Patriarca caldeo: Giovedì Santo assieme a disabili ed emarginati, cristiani e musulmani
di Joseph Mahmoud
18/04/2014 IRAN - ONU
Accordo sul nucleare, l'Iran taglia metà delle proprie scorte di uranio arricchito
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

[ si, noi siamo tutti sconvolti per questa tragedia immane! ] 24/04/2014 COREA
Affondamento del traghetto, Pyongyang invia le sue condoglianze a Seoul
È la prima volta dal 2003 che il regime dei Kim esprime "dolore" per una tragedia avvenuta al Sud. La conta delle vittime sale a 171, i dispersi sono 131. Il messaggio è stato affidato alla Croce Rossa.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

GIAPPONE -- ROTHSCHILD IMF FED ECB SPa, è alla disperata ricerca della sua guerra mondiale, nucleare, è tu che sei un massone lo vuoi accontentare? Quanti sacrifici umani, sull'altare di satana la CIA può fare in Giappone, ed in Corea, ogni anno?
Cosa rimarrebbe del Giappone, dopo una guerra contro la Cina? Il Giappone e la Corea del Sud potrebbero diventare CINA!
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ OBAMA BUGIARDO, ASSASSINO IPOCRITA, LUI CALUNNIA LA CINA E DICE: "VUOLE FARE IL PREPOTENTE", MA, LA VERITÀ È CHE PER LUI, NEL MARE CINESE MERIDIONALE, LA CINA, NON AVRÀ UNA SOLA GOCCIA DI PETROLIO ]04/24/2014. CHINA - JAPAN - UNITED STATES. In Tokyo, Obama irks Beijing by siding with Japan over disputed islands. For the first time, a US president directly addresses the issue of the Senkaku/Diayou, a group of small islands claimed by both China and Japan. For the US president, on a visit to Japan, the islands "fall within the scope of Article 5 of the US-Japan Treaty of Mutual Co-operation and Security." For Beijing, this is mistake, worthy of the "Cold War" era. Tokyo (AsiaNews) - The Senkaku Islands, a group of uninhabited islands in the East China Sea disputed by China and Japan, "fall within the scope of Article 5 of the US-Japan Treaty of Mutual Co-operation and Security," said today US president Barack Obama during an official visit to Japan, part of an Asia tour that will take him to South Korea, Malaysia and the Philippines. Obama is the first US president to intervene directly on the question, which has poisoned relations between Tokyo and Beijing for decades. "The policy of the United States is clear," the US president said. "The Senkaku Islands are administered by Japan and therefore fall within the scope of Article 5 of the US-Japan Treaty of Mutual Co-operation and Security." Hence, "And we oppose any unilateral attempts to undermine Japan's administration of these islands." The 1960 US-Japan Treaty calls for the United States to intervene militarily in case of an attack against Japanese territory.
Beijing's reaction was immediate. "It should be noted," Chinese Foreign Ministry spokesman Qin Gang said, "that the US-Japan alliance, as a bilateral arrangement forged during the Cold War era, should never infringe upon China's territorial sovereignty and legitimate rights and interests. China firmly opposes" this decision.
The clash between China and Japan over who owns the islands has been going on for decades, but has worsened in the last three. Tokyo bought three of the five islands from private owners in September 2011, a move that angered Beijing, which responded with a campaign to assert its political and military sovereignty over the area. Taiwan is also involved in the dispute. Taipei has proposed to develop the area jointly without focusing on ownership. What the islands are worth is unclear. Some consider them strategically important given their location in one of the busiest shipping lanes. Others believe that in addition to rich fishing grounds, the seafloor around the islands hold vast gas reserves.
In 2008, in a gesture of détente, Beijing and Tokyo signed an agreement for joint development and research on the islands, which, however, never materialised.
Obama also wants to rein in Beijing's other territorial claims. In the East China Sea, China is at loggerheads with Japan over the Senkaku/Diaoyu Islands and with the Philippines over the Scarborough Shoal. But in the South China Sea, Beijing also claims sovereignty over the Spratly and Paracel Islands, which are also claimed by Vietnam, Brunei, Philippines, Malaysia and Taiwan. All these resource-rich islands are almost uninhabited. Beijing's hegemony is strategic in nature with regards to trade as well as oil and natural gas seabed development, this in a region crossed by two thirds of the world's maritime trade.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ OBAMA BUGIARDO, ASSASSINO IPOCRITA, LUI CALUNNIA LA CINA E DICE: "VUOLE FARE IL PREPOTENTE", MA, LA VERITÀ È CHE PER LUI, NEL MARE CINESE MERIDIONALE, LA CINA, NON AVRÀ UNA SOLA GOCCIA DI PETROLIO ]
CINA - GIAPPONE - USA. Obama a Tokyo irrita Pechino: Sulle isole contese, noi stiamo con il Giappone. Per la prima volta in assoluto, un presidente americano interviene in maniera diretta sulla questione delle Senkaku/Diayou, isolette contese da Cina e Giappone. Per il leader americano, in visita nel Sol Levante, queste "rientrano nell'accordo di sicurezza congiunto" stipulato da Tokyo e Washington. Pechino risponde: "Sbagliato e ingiusto, è un atteggiamento da Guerra fredda". Tokyo (AsiaNews) - Le Senkaku/Diaoyu, isolette disabitate nel Mar cinese orientale contese da Cina e Giappone, "rientrano nel Trattato bilaterale di sicurezza stipulato da Stati Uniti e Giappone e quindi sono sotto l'amministrazione nipponica". Lo ha dichiarato questa mattina il presidente americano Barack Obama, in visita ufficiale a Tokyo nel corso di un tour asiatico che lo porterà anche in Corea del Sud, Malaysia e Filippine. Obama è il primo presidente statunitense a intervenire in maniera diretta sulla questione, che agita da decenni i rapporti fra Tokyo e Pechino. Secondo il leader democratico "la politica americana è chiara. Le isole Senkaku sono amministrate dal Giappone e quindi rientrano nell'articolo 5 del Trattato di mutua cooperazione e sicurezza stipulato da Washington e Tokyo. Quindi ci opponiamo a ogni intervento unilaterale teso a minare l'amministrazione nipponica di queste isole". Il Trattato è stato stipulato nel 1960 e impone l'intervento armato degli Stati Uniti in caso di attacco militare contro i territori giapponesi.
Immediata la replica di Pechino. Il portavoce del ministero cinese degli Esteri Qin Gang ha dichiarato: "La cosiddetta alleanza di sicurezza nippo-americana è un accordo bilaterale stipulato durante la Guerra fredda. Non dovrebbe essere usato per danneggiare la sovranità e i legittimi interessi della Cina nell'area. Ci opponiamo in maniera risoluta a questa decisione". Lo scontro fra Cina e Giappone per la sovranità delle isole va avanti da decenni, ma si è acuito negli ultimi 3 anni. Nel settembre del 2011 l'acquisizione da parte di Tokyo di 3 delle 5 isolette da un privato ha scatenato infatti la furia di Pechino, che ha lanciato una campagna politica e militare per rivendicare la propria sovranità sull'area. Nella contesa è presente anche Taiwan, che ha proposto ai contendenti di "sfruttare insieme, senza parlare di proprietà, le ricchezze locali". Non è chiaro il valore dell'arcipelago. Si pensa che esso abbia anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta. La posizione di Obama punta a limitare anche le altre pretese territoriali di Pechino. Oltre alla lotta nel Mar cinese orientale per la sovranità sulle isole Senkaku/Diaoyu e con le Filippine per le Scarborough Shoal, nel Mar Cinese meridionale Pechino si vuole arrogare la sovranità delle Spratly e delle isole Paracel, oggetto di rivendicazioni territoriali dei governi di Vietnam, Brunei, Filippine, Malaysia e Taiwan. Le isole, quasi disabitate, sono assai ricche di risorse e materie prime. L'egemonia riveste un carattere strategico per il commercio e lo sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, in un'area strategica per il passaggio dei due terzi dei commerci marittimi mondiali.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ OBAMA BUGIARDO, ASSASSINO IPOCRITA, LUI CALUNNIA LA CINA E DICE: "VUOLE FARE IL PREPOTENTE", MA, LA VERITÀ È CHE PER LUI, NEL MARE CINESE MERIDIONALE, LA CINA, NON AVRÀ UNA SOLA GOCCIA DI PETROLIO ]
CHINA - JAPÓN - EE.UU. Obama en Tokio irrita a Pekín: En las islas en disputa, estamos con Japón. Por primera vez en la historia, un presidente estadounidense habló directamente de la cuestión de la Senkaku / Diayou, islotes reclamados por China y Japón. Para el líder de América, visitando el Sol Naciente, quedan "cubiertas por el acuerdo de seguridad conjunta" firmado por Tokio y Washington. Pekín responde: "grave e injusto, es una actitud de la Guerra Fría". Tokio (AsiaNews) - El Senkaku / Diaoyu, islas deshabitadas en el Mar de China del Sur reclamadas por China y Japón, "quedaron bajo el tratado bilateral de seguridad firmado por Estados Unidos y Japón y están, por tanto, bajo la administración de Japón". Lo dijo esta mañana, el presidente de EE.UU., Barack Obama, en visita oficial a Tokio durante una gira asiática que le llevará también a Corea del Sur, Malasia y Filipinas. Obama es el primer presidente de EE.UU. en intervenir directamente en el tema, que agita durante décadas las relaciones entre Tokio y Beijing. De acuerdo con el líder democrático "la política de EE.UU. es clara. Las Islas Senkaku son administradas por Japón y por lo tanto caen bajo el artículo 5 del Tratado de Cooperación y Seguridad mutua firmado entre Washington y Tokio. Así que nos oponemos a cualquier intervención unilateral dirigida a socavar la administración japonesa de estas islas". El Tratado fue firmado en 1960 y contempla la  intervención de las fuerzas armadas de los Estados Unidos en caso de un ataque militar contra los territorios japoneses. Replica inmediata de Beijing. El portavoz del Ministerio de Relaciones Exteriores de China, Qin Gang, dijo: "La llamada alianza de seguridad nipo-estadounidense es un acuerdo bilateral de la Guerra Fría No debe ser utilizado para dañar la soberanía y los intereses legítimos de China en el área, nos oponemos firmemente a esta decisión". El enfrentamiento entre China y Japón sobre la soberanía de las islas ha estado sucediendo desde hace décadas, pero se ha agravado en los últimos 3 años. En septiembre de 2011, la adquisición por parte de Tokio de 3 de los 5 islotes por un privado desató la furia de Pekín, que de hecho, ha lanzado una campaña política y militar para imponer su soberanía sobre la zona. En esta disputa  también está Taiwan, quien propuso a los contendientes "explotar juntos, sin hablar de la propiedad, la riqueza local". No está claro el valor del archipiélago. Se cree que tiene un valor estratégico en primer lugar, al estar en la ruta de las rutas marítimas más importantes; otros argumentan que, además de las aguas ricas en pesca, en el subsuelo habría campos de gas. En el año 2008, como un gesto de distensión, los dos gobiernos firmaron un acuerdo para la explotación y la investigación conjunta en el archipiélago, que, sin embargo, quedó en letra muerta. La posición de Obama tiene por objeto limitar las otras reivindicaciones territoriales en Beijing. Además de la lucha en el Mar Oriental de China por la soberaníasobre las islas Senkaku/Diaoyu y con las Filipinas por le Scarborough Shoal, en el Mar Meridional de China Beijing quiere arrogarse la soberanía de las Islas Spratly y Paracel, con sujeción a las reivindicaciones territoriales de los gobiernos de Vietnam, Brunei, Filipinas, Malasia y Taiwán. Las islas, casi deshabitadas, son muy ricas en recursos y materias primas. La hegemonía tiene un carácter estratégico para el comercio y la explotación de petróleo y gas natural en el fondo del mar, en una zona estratégica para el paso de dos tercios del comercio marítimo mundial.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

Arabia Saudita, 17 nuevos casos de coronavirus. El número total de muertos se eleva a 81. El número de personas infectadas con el virus se elevó a 261. El rey saudí dimite al ministro de Salud, que había dicho: "La tasa de mortalidad causada por el virus se ha reducido en un 60 %, en las últimas semanas se han visitado más de 20.000 personas. El ministerio está haciendo un gran trabajo".
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

TURQUIA [ MA PER IPOCRITA ERDOGAN UN FUTURO COMUNE È SOLO ISLAMICO, LUI H FATTO IL GENOCIDIO E NON VUOLE RESTITUIRE QUELLO CHE HA RUBATO! IN QUESTO, IO SONO DACCORDO CON LUI, ANCHE I CARNEFICI SOFFRONO!  ]
Por primera vez Ankara les da el "pésame" a los armenios por el (no nombrado) genocidio. Mensaje de Erdogan por el 24 de abril, día del recuerdo del "Gran mal". En el documento no se reconoce ninguna responsabilidad, pero se expresa sostén para las investigaciones históricas y se habla de "futuro común". Ankara (AsiaNews)- Por la primera vez el gobierno turco presentó su "pésame" a los descendientes de los armenios por los "sufrimientos" del "difícil período" de los últimos años del imperio otomano. En un mensaje del primer ministro turco, Recep Tayyp Erdogan, parte de la afirmación que el 24 de abril "tiene un significado particular para nuestros ciudadanos armenios y para todos los armenios del mundo". La referencia es al día en el cual se conmemora el "genocidio de los armenios", la deportación (en la foto) y el exterminio que los armenios llaman "el Gran mal", de centenares de miles de hombres, mujeres y niños de esa etnia, motivado por el temor que quisieran ayudar al Imperio ruso cristiano y aliarse con los enemigos de Turquía. El mensaje de Erdogan- si bien es significativa la novedad- jamás usa el término genocidio, que Turquía rechaza absolutamente, ensambla la cuestión de los armenios a aquella de "turcos, curdos y árabes" y "millones de otros ciudadanos otomanos" y quiere ser una afirmación de disponibilidad para una investigación histórica junto al rechazo de responsabilidad de la Turquía moderna y una invitación al diálogo. En particular, el pasado no debería impedir a turcos y armenios a "actitudes recíprocamente humanas". "Millones de personas de todas las religiones y etnias- escribe Erdogan- han perdido la vida en la primera guerra mundial". "Cualquier acercamiento escrupuloso, ecuo y humanitario de estos problemas requiere comprensión de todos los sufrimientos padecidos en este período, sin discriminaciones por religió o etnia". "En Turquía, expresar opiniones diversas o pensar libremente sobre los acontecimientos de 1915 es requisito de una prospectiva pluralista y de una cultura democrática y moderna". Y también si algunos pueden percibir este clima de libertad como una oportunidad para expresar afirmaciones y acusaciones ofensivas y hasta provocativas", Turquía reafirma apertura y apoyo para un examen histórico de los acontecimientos de aquel tiempo. Los "episodios" de la Primera Guerra mundial son "nuestro dolor compartido". "Juzgar aquel doloroso período de historia en la prospectiva de un justo recuerdo es responsabilidad humana y de los estudiosos".
Pero en el "mundo e hoy, hacer  derivar enemistad de la historia y crear nuevos antagonismos no es aceptable ni útil para construir un futuro común". "Las poblaciones de Anatolia, que han vivido juntos por siglos, sin distinciones por sus diversos orígenes étnicos y religiosos, han establecido valores comunes en cada campo desde el arte a la diplomacia, de la administración estatal al comercio. Hoy continúan de tener la capacidad de construir un nuevo futuro".
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

TURKEY [ MA PER IPOCRITA ERDOGAN UN FUTURO COMUNE È SOLO ISLAMICO, LUI H FATTO IL GENOCIDIO E NON VUOLE RESTITUIRE QUELLO CHE HA RUBATO! ]
For the first time Ankara sends "condolences" to Armenians for (unmentioned) genocide
Erdogan's message for April 24, memorial of the "Great Evil" . The document does not acknowledge any responsibility, but expresses support for historical research and talks about "our shared future”. Ankara ( AsiaNews) - For the first time the Turkish government has presented its "condolences" to the descendants of the Armenians for the "suffering" of the "difficult period" of the last years of the Ottoman Empire. The message by Turkish prime minister, Recep Tayyip Erdogan, begins with the affirmation that April 24 "has a special meaning for our Armenian citizens and to all Armenians of the world". The reference is the day on which "the Armenian genocide" is commemorated, the deportation (pictured) and the extermination which the Armenians call "The great evil" of hundreds of thousands of men, women and children belonging to the ethnicity, motivated by the fear that they wanted to help the Christian Russian Empire, and side with the enemies of Turkey. Erdogan's message - despite being significant - never uses the term genocide, which Turkey absolutely denies.  Instead it likens the stories of Armenians to those of "Turks, Kurds , Arabs " and "millions of other Ottoman citizens" and expresses openness to historical research together with a rejection of responsibility of modern Turkey and an invitation to dialogue. In particular, the past should not prevent Turkish and Armenian people "humane attitudes among towards one another".
"Millions of people of all religions and ethnicities lost their lives in the First World War". "To evaluate this painful period of history through a perspective of just memory is a humane and scholarly responsibility". "In Turkey, expressing different opinions and thoughts freely on the events of 1915 is the requirement of a pluralistic perspective as well as of a culture of democracy and modernity". And even if "some may perceive this climate of freedom in Turkey as an opportunity to express accusatory, offensive and even provocative assertions and allegations," Turkey reaffirms openness and support for a historical examination of the events of that time. The "episodes" of the First World War are "our shared pain". "To evaluate this painful period of history through a perspective of just memory is a humane and scholarly responsibility".
But "in today's world, deriving enmity from history and creating new antagonisms are neither acceptable nor useful for building a common future". "The people of Anatolia, who lived together for centuries regardless of their different ethnic and religious origins, have established common values in every field from art to diplomacy, from state administration to commerce. Today they continue to have the same ability to create a new future".
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ MA PER IPOCRITA ERDOGAN UN FUTURO COMUNE È SOLO ISLAMICO, LUI H FATTO IL GENOCIDIO E NON VUOLE RESTITUIRE QUELLO CHE HA RUBATO! ] TURCHIA. Per la prima volta Ankara fa le sue "condoglianze" agli armeni per il (non nominato) genocidio. Messaggio di Erdogan per il 24 aprile, giorno del ricordo del "Grande male". Nel documento non si riconosce alcuna responsabilità, ma si esprime sostegno a ricerche storiche e si parla di "futuro comue". Ankara (AsiaNews) - Per la prima volta il governo turco ha presentato le sue "condoglianze" ai discendenti degli armeni per le "sofferenze" del "difficile periodo" degli ultimi anni dell'Impero ottomano. In un messaggio del premier turco, Recep Tayyip Erdogan, parte dall'affermazione che il 24 aprile "ha un significato particolare per i nostri cittadini armeni e per tutti gli armeni del mondo". Il riferimento è al giorno nel quale si commemora il "genocidio degli armeni", la deportazione (nella foto) e lo sterminio che gli armeni chiamano "Il grande male", di centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini di quell'etnia, motivato dal timore che volessero aiutare l'Impero russo, cristiano e schierato con i nemici della Turchia. Il messaggio di Erdogan - pur essendo una significativa novità - non usa mai il termine genocidio, che la Turchia contesta assolutamente, accomuna le vicende degli armeni a quelle di "turchi, curdi, arabi" e "milioni di altri cittadini ottomani" e vuole essere un'affermazione di disponibilità alla ricerca storica insieme al rifiuto di responsabilità della Turchia moderna e un invito al dialogo. In particolare, il passato non dovrebbe impedire a turchi e armeni "atteggiamenti reciprocamente umani".
"Milioni di persone di tutte le religioni ed etnie - scrive Erdogan - hanno perso la vita nella prima guerra mondiale". "Qualsiasi approccio scrupoloso, equo e umanitario a questi problemi richiede la comprensione di tutte le sofferenze patite in questo periodo, senza discriminazioni per religione o etnia".
"In Turchia, esprimere opinioni diverse e pensare liberamente agli eventi del 1915 è requisito di una prospettiva pluralistica e di una cultura democratica e moderna". E anche se "alcuni possono percepire questo clima di libertà come un'opportunità per esprimere affermazioni e accuse offensive e persino provocatorie", la Turchia riafferma apertura e sostegno a un esame storico degli avvenimenti di quel tempo. Gli "episodi" della Prima guerra mondiale sono "nostro dolore condiviso". "Giudicare quel doloroso periodo di storia nella prospettiva di un giusto ricordo è responsabilità umana e di studiosi".
Ma "nel mondo di oggi, far derivare inimicizia dalla storia e creare nuovi antagonismi non è accettabile né utile per costruire un futuro comune". "Le popolazioni dell'Anatolia, che hanno  vissuto insieme per secoli, senza distinzioni per le loro diverse origini etniche e religiose, hanno stabilito valori comuni in ogni campo dall'arte alla diplomazia, dall'amministrazione statale al commercio. Oggi continuano ad avere la stessa capacità di costruire un nuovo futuro".
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

ANCORA SOTTO SHARIA ONU ] 10/29/2009 PAKISTAN. Save Christians and Pakistan from the blasphemy law. by Dario Salvi The blasphemy law - prison and death sentences for those who offend the Koran or Muhammad - is a tool to eliminate religious minorities. AsiaNews launches an awareness campaign for its repeal. Because of this law, since 2001 at least 50 Christians have been killed, families and entire villages destroyed. In the country Islamic and Christian voices appeal for its cancellation.
Rome (AsiaNews) - Robert Fanish Masih is the latest Christian victim of the blasphemy law in force in Pakistan since 1986. This law punishes with imprisonment or the death those who profane or desecrate the Koran or the prophet Muhammad. It’s enough to accuse a person of this to have him arrested and imprisoned.  A aberrant law and harbinger of discrimination, which "legalizes" violence against religious minorities and whose perpetrators go unpunished in most cases, thanks to the connivance of police and government officials. 20 year old Robert from the village of Jaithikey, not far from the city of Samberial in the district of Sialkot (Punjab), was arrested on Sept. 12 on charges of blasphemy. The day before a crowd of Muslims had gathered around the local church first damaging the building, then setting it on fire. The extremists also looted two houses adjoining the church.  The youth was accused of having "provoked" a girl, of taking a Koran from her hands and "throwing it away". The truth is that wrath of Islamic fundamentalists was provoked by the relationship between the Christian and the Muslim girl of twenty one, the witness who incriminated Fanish, in fact, is the young woman’s mother. Father Emmanuel Yousaf Mani, director of the National Commission for Justice and Peace of the Catholic Church (NCJP), made it clear that fundamentalists "will not tolerate a Muslim girl falling in love with a Christian." The night between 12 and 13 September Robert Fanish Masih died in prison, from violenceinflicted upon him. The body of the young man showed signs of deep wounds to the head, caused by an edged weapon. Shortly after the discovery of the corpse, Waqar Ahmad Chohan, an officer of the police district of Sialkot, reported that Fanish "committed suicide in his cell." A theory that has been flatly rejected by many Christian leaders, some of whom saw the young man’s body before the funeral. Nadeem Anthony – a member of the National Commission for Human Rights (HRCP) – immediately filed a report of the case as "legalized homicide", contradicting the police version of "hanging in jail."
The activist then added that Robert "was tortured, after which he died. There are visible signs of beatings and wounds on his body, as is clear from the photographs. " In the days following his death, AsiaNews has received photos of the corpse, confirming the torture inflicted, and that his death had nothing to do with signs of strangulation by hanging. Fanish Masih's funeral, celebrated on 16 September, was marked by tear gas, many injuries and a series of arrests, the police charged the crowd of Christians gathered for the funeral, justifying the harsh attack, by saying that "they wanted to prevent further disorder ". The body was buried in a Catholic cemetery in Sialkot, the district of origin of the young man, where for several days an atmosphere charged with tension reigned.
The accusations of blasphemy often lead to decreeing the destruction of homes and Christian villages. On 30 July a crowd of 3 thousand Muslims attacked and burned the villages of Koriyan to punish an alleged case of blasphemy. On August 1 the fanatics attacked the village of Gojra, killing 7 people, including women and children, burning them alive. The history of recent decades in Pakistan is full of attacks on churches and Christian villages on the grounds of perfectly fabricated blasphemy scandals: Kasur (June 2009), Tias (Karachi, April 2009); Sangla Hill (2005); Shantinagar (1997). The Joint Action Committee for People's Rights (JAC), a Pakistani non-governmental organization that campaigns for human rights in the country, expresses "great concern" about the increasing violence, while the Christian community through appeals – which have so far fallen on deaf ears – for justice to be done; promises of compensation remain unfulfilled
The list of incidence of violence against Christians by Muslim groups, citing a blasphemy, is long and concerns not only Christians but also other minorities, not just individuals but entire towns and villages. Faced with the growth of this gratuitous and petty violence, covered by the cloak of religion, opposing voices that are increasing in strength are beginning to emerge. On 6 October, the Lower House of Parliament Sherry Rehman, former Minister of Information, and Jameela Gilani, both Muslims, called for the repeal of the blasphemy law.  The same day, the Christian MP Akram Masih Gill launched a provocation: "If there is life in prison - he says - for blasphemy against the Prophet Muhammad and the Quran, why not introduce a similar punishment for those who shame the name of Christ and the Bible? !”. Confident of this interfaith support, on 25 October, the leaders of Pakistan Christian Congress (PCC), which gathers all the Christian organizations in the country, organized a conference in Rawalpindi under the threat of Islamic fundamentalists. The aim was "the total abolition of the blasphemy laws." In turn, on December 12 and 13 next, the International Minorities Alliance (IMA), a Christian-based organization, launched an "International Conference on Minorities" in Lahore to discuss the future of Pakistan and minorities. Pakistan, which in fact originated as a secular state in defence of all ethnic and religious communities, has become an Islamic republic, which gradually kills minorities, even those most devoted to building the nation. The abolition of the blasphemy laws and all laws against minorities are also the way to true progress of the entire population of Pakistan.
With this special issue, AsiaNews , which has always been attentive to issues of religious freedom and respect for human rights, aims to offer some tools for understanding and also to show solidarity with Christians, Ahmadis and Sikhs against this shameful law.

29/10/2009 PAKISTAN. ANCORA SHARIA DI ONU, È IN AZIONE ] Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia. La legge sulla blasfemia – prigione e condanna a morte per chi offende il Corano o Maometto – è uno strumento per eliminare le minoranze religiose. AsiaNews lancia una campagna di sensibilizzazione perché sia abrogata. A causa di essa, dal 2001 sono stati uccisi almeno 50 cristiani, distrutte famiglie e interi villaggi. Anche nel Paese emergono voci cristiane e islamiche che chiedono la cancellazione della norma. Roma (AsiaNews) – Robert Fanish Masih è solo l’ultima vittima cristiana, in ordine di tempo, della legge sulla blasfemia in vigore in Pakistan dal 1986. Questa legge punisce con ergastolo o pena di morte chi profana il Corano o dissacra il profeta Maometto e basta essere accusati da una sola persona per essere arrestati ed eliminati. Una norma aberrante, foriera di discriminazioni, che “legalizza” violenze contro le minoranze religiose e i cui autori rimangono il più delle volte impuniti, grazie alla connivenza delle forze di polizia e dei funzionari di governo.
Robert, 20enne originario del villaggio di Jaithikey, poco distante dalla città di Samberial, nel distretto di Sialkot (Punjab), era stato arrestato il 12 settembre scorso con l’accusa di blasfemia. Il giorno precedente una folla di musulmani si era riunita attorno alla chiesa locale danneggiando prima l’edificio, poi gli hanno dato fuoco. Gli estremisti hanno anche saccheggiato due abitazioni adiacenti la chiesa. Il giovane era stato accusato di aver “provocato” una ragazza, prendendo una copia del Corano che aveva fra le mani e “gettandola via”. In realtà, a scatenare l’ira dei fondamentalisti islamici vi era la relazione fra il ventenne cristiano e la ragazza musulmana; uno dei testimoni che ha incriminato Fanish, infatti, è la madre della giovane. Padre Emmanuel Yousaf Mani, direttore della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica (Ncjp), aveva chiarito che i fondamentalisti “non sopportano che una ragazza musulmana si innamori di un cristiano”. La notte fra il 12 e il 13 settembre Robert Fanish Masih è morto, in carcere, per le violenze subite. Il corpo del giovane, infatti, presentava segni evidenti di ferite profonde alla testa, provocate da un’arma da taglio. Poco dopo il ritrovamento del cadavere, Waqar Ahmad Chohan, ufficiale del distretto di polizia di Sialkot, ha riferito che Fanish si sarebbe “suicidato in cella”. Una tesi smentita con fermezza da numerosi leader cristiani, alcuni dei quali hanno potuto vedere il corpo del giovane prima dei funerali. Nadeem Anthony – membro della Commissione nazionale per i diritti umani (Hrcp) – ha subito denunciato un caso di “omicidio legalizzato”, smentendo la versione degli agenti che parlavano di “impiccagione in carcere”.
L’attivista ha quindi aggiunto che il giovane “ha subito torture, in seguito alle quali è deceduto. Sono visibili i segni delle percosse e delle ferite sul corpo, come emerge dalle fotografie”. Nei giorni seguenti alla morte, AsiaNews ha ricevuto gli scatti del cadavere, che confermano le torture inferte, le quali nulla hanno a che vedere con i segni di strangolamento da impiccagione. Ai funerali di Fanish Masih, celebrati il 16 settembre, vi sono stati lanci di gas lacrimogeni, numerosi feriti e una serie di arresti; la polizia ha caricato la folla di cristiani radunata per le esequie, giustificando il duro attacco dicendo che “volevano prevenire ulteriori disordini”. Il corpo è stato sepolto in un cimitero cattolico di Sialkot, il distretto d’origine del giovane, dove per diversi giorni ha regnato un’atmosfera carica di tensione.
Le accuse di blasfemia montano spesso fino a decretare la distruzione di case e villaggi cristiani. Lo scorso 30 luglio una folla di 3 mila musulmani ha attaccato e incendiato i villaggi di Koriyan per punire un presunto caso di blasfemia. Il 1° agosto i fanatici hanno attaccato il villaggio di Gojra, uccidendo 7 persone, fra cui donne e bambini, incendiati vivi. La storia degli ultimi decenni in Pakistan è piena di assalti a chiese e villaggi cristiani motivati da scandali sulla blasfemia montati ad arte: Kasur (giugno 2009); Tiasar (Karachi, aprile 2009); Sangla Hill (2005); Shantinagar (1997).
Il Joint Action Committee for People’s Rights (Jac), organizzazione non governativa pakistana che si batte per i diritti umani nel Paese, manifesta “grande preoccupazione” per le violenze in continua crescita, mentre la comunità cristiana lancia appelli – finora caduti nel vuoto – perché venga fatta giustizia; le promesse di risarcimento sono, al momento, rimaste disattese. Le violenze di gruppi musulmani contro cristiani, giustificate con la blasfemia, costituiscono una lunga lista. Esse non riguardano solo cristiani, ma anche altre minoranze e non solo individui, ma villaggi e interi paesi.
Di fronte al crescere di tale violenza gratuita e meschina, coperta dal manto della religione, cominciano ad emergere voci sempre più forti. Il 6 ottobre scorso, alla Camera bassa del Parlamento Sherry Rehman, ex Ministro dell’informazione, e Jameela Gilani, entrambe di fede musulmana, hanno chiesto l’abrogazione della legge sulla blasfemia.
Lo stesso giorno, il parlamentare cristiano Akram Masih Gill lancia una provocazione: “Se esiste l’ergastolo – afferma – per blasfemia contro il Profeta Maometto e il Corano, perché non introduciamo una simile punizione per chi infanga il nome di Cristo e la Bibbia?!”. Fiduciosi di questo appoggio interconfessionale, il 25 ottobre scorso i leader del Pakistan Christian Congress (Pcc), che raduna tutte le organizzazioni cristiane del Paese, hanno indetto una conferenza, a Rawalpindi sotto la minaccia dei fondamentalisti islamici. L’obiettivo era “l’abolizione totale delle leggi sulla blasfemia”.
A sua volta, per il 12 e 13 dicembre prossimi, l’International Minorities Alliance (Ima), organizzazione di ispirazione cristiana, ha indetto una “Conferenza internazionale sulle minoranze” a Lahore per discutere il futuro del Pakistan e delle minoranze. Il Pakistan, infatti, nato come Stato laico, a difesa di tutte le comunità etniche e religiose, è divenuto via via una Repubblica islamica che uccide le minoranze, anche quelle più devote alla costruzione del Paese.
L’abolizione della legge sulla blasfemia e di tutte le leggi contro le minoranze sono anche la strada per un vero progresso di tutta la popolazione pakistana.
Con questo dossier, AsiaNews, da sempre attenta alle questioni legate alla libertà religiosa e al rispetto dei diritti umani, intende offrire qualche strumento per capire e anche per solidarizzare con cristiani, ahmadi e sikh contro questa legge infamante.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ MAOMETTO IL PEDOFILO HA COLPITO ANCORA SOTTO SHARIA ONU ]
 04/24/2014. PAKISTAN. Punjab: clan gang rapes seven year old Christian and kidnaps father to stop him reporting them. Sara was raped by four men in a Muslim village in Sialkot . The little girl is hospitalized in a "critical condition". The rapists kidnapped her father, Iqbal Masih, forcing the family to not press charges. Activists and human rights organizations demand justice. Islamabad (AsiaNews ) - A "clan" of four Muslim men raped a Christian girl of only seven years old, named Sara yesterday in the village of Mally ki, Daska, Sialkot district (Punjab) . The child is now in Sialkot hospital, in the intensive care unit in a "critical" condition according to doctors. Meanwhile, the police, instead of arresting the culprits, helped the local clan to kidnap the girl's father; Iqbal Masih was taken and hidden in a secret place to "force the family not to report the story, to reach an agreement with the criminals and to avoid a dispute of a religious background". The Christian community has attempted every possible means to negotiate with police, with no success. The police seem reluctant to punish the rapists and free Masih, in the hands of the torturers who abused daughter. Activists and human rights organizations demand justice and ensure their support for the family. Following repeated appeals and pressures, the judiciary has opened an investigation and ordered the arrest of two people involved in the rape; however so far there is no news of her father's fate.
According to recent research, the cases of sexual abuse and violence - especially against young Christian girls - are on the rise in the province of Punjab, under the complicit silence of the police and the judicial authorities. Father John Arshad, a priest involved in the protection of minority rights, condemns the sexual assault on a girl of only seven years and the kidnapping of the parent, "to put pressure on the family not to report the crime". The "silence" of civil society, he adds, heightens the drama of the story even more. With a population of more than 180 million people (97 per cent Muslim), Pakistan is the sixth most populous country in the world, the second largest Muslim nation after Indonesia. About 80 per cent of Muslims are Sunni, whilst Shias are 20 per cent. Hindus are 1.85 per cent, followed by Christians (1.6 per cent) and Sikhs (0.04 per cent). Violence against ethnic and religious minorities is commonplace across the country, with Shia Muslims and Christians as the main target, with things getting worse. Dozens episodes , including targeted attacks against entire communities - such as in Gojra in 2009 or Joseph Colony Lahore last year - or abuses against individuals (Asia Bibi , Rimsha Masih or the young Robert Fanish Masih, who also died in his cell), are often perpetrated under the pretext of the blasphemy laws .
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 [ MAOMETTO IL PEDOFILO HA COLPITO ANCORA SOTTO SHARIA ONU ]
PAQUISTAN. Punjab: "patota" estupra a una cristiana de 7 años y rapta al padre para evitar la denuncia. Sara fue violada por 4 hombres de religión musulmana en un pueblo de Silakot. La niña está internada en terapia intensiva en condiciones "críticas". Los estupradores han secuestrado al padre, Iqbal Masih, para obligar a la familia a no denunciarlos. Activistas y organizaciones por los derechos humanos piden justicia.
Islamabad (AsiaNews)- Una "patota" de 4 hombres de religión musulmana han violado a una niña cristiana de 7 años, de nombre Sara; la violencia se realizó ayer en el pueblo de Mally ki, en Daska, en el distrito de Sialkot (Punjab). La menor se encuentra ahora internada en el hospital de Sialjot, en el reparto de terapia intensiva, en condiciones que los médicos definen "críticas". Mientras tanto la policía en vez de arrestar a los culpables, ayudó al clan local a raptar al padre de la niña abusada; Iqbal Masih fue secuestrado y escondido en un lugar secreto para "obligar a la familia a no denunciar la violencia, llegar a un acuerdo con los criminales y evitar una controversia a fondo confesional". En estas horas la comunidad cristiana trató en todos modos de hablar con las fuerzas del orden, sin lograrlo. Los agentes no parecen intencionados en intervenir para castigar el estupro y liberar a Masih, en manos de sus agresores que han abusado de su hija. Activistas y organizaciones pro derechos humanos piden justicia y aseguran su apoyo a la familia. Como consecuencia de los repetidos pedidos y presiones, la magistratura abrió un fascículo y dispuso el arresto de dos personas involucradas en el estupro; sobre la suerte del padre, por el momento no hay substanciales novedades.
Según una reciente investigación, los casos de abusos y violencias sexuales- en particular en daño de jóvenes cristianas. Están en continuo aumento en la provincia de Punjab, en el silencio de la policía y de la autoridad judiciaria. El p. Arshad John, sacerdote comprometido en la tutela de los derechos de las minorías, condena la violencia sexual en una niña de solo 7 años y el secuestro del padre, "para hacer presión sobre la familia para que no exponga denuncia". El "silencio" de la sociedad civil, agrega, aumenta aún más la dramaticidad de la cuestión.
Con más de 180 millones de habitantes (de los cuales el 97% profesa el islam), Paquistán es la sexta nación más poblada del mundo y el segundo entre los Países musulmanes después de Indonesia. El 80% es musulmán suní, mientras que los shiítas son el 20% del total. Hay también indúes (1,85%), cristianos (1,6%) y sikh (0,04%). En los últimos años se registró una verdadera escalada de violencias contra los miembros de las minorías étnicas o religiosas, en particular contra los musulmanes shiítas y cristianos. Decenas de episodios, entre ataques mirados contra enteras comunidades- como sucedió en Gojra en 2009 o en la Joseph Colony de Lahore el año pasado- o abusos contra individuos (AsiaBibi, Rimsha Masih o el joven Robert Fanish Masih, que murió en la celda), a menudo realizados con el pretexto de la ley sobre la blasfemia.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

Ban Ki-moon IGNORA IL CRIMINE DI TERRORISMO ISLAMICO DI USA E LEGA ARABA, e lui crede che questa possa essere una guerra convenzionale! ] Ban Ki-moon: "todas las facciones sirias son culpables" por el bloqueo de las ayudas humanitarias. El secretario general de la Onu: "Violadas las leyes internacionales sobre los derechos humanos". El jefe de las operaciones humanitarias, Valerie Amos: "A menudo, los socorredores no logran alcanzar las destinaciones porque le viene prohibido el paso por los soldados". "Las calles que unen Aleppo a Damasco están a menudo bloqueadas". Nueva York (AsiaNews/Agencias)- En Siria "a más de 3 millones de civiles les fue negado las ayudas humanitarias, incluso medicamentos e instrumentos para las curaciones médicas. La prohibición, efectuada por las facciones sirias, viola los principios base de las leyes internacionales sobre los derechos humanos. Lo declaró el secretario general de la Onu, Ban Ki-moon. Además, él expresa su preocupación en lo que se  refiere a los centenares de miles de civiles que no logran recibir los remedios necesarios para las curaciones de las cuales tienen necesidad.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 SIRIA. Ban Ki-moon IGNORA IL CRIMINE DI TERRORISMO ISLAMICO DI USA E LEGA ARABA, e lui crede che questa possa essere una guerra convenzionale! ] SYRIA. For Ban Ki-moon, all Syrian factions guilty of blocking humanitarian aid
UN secretary general says "flagrant violations of the basic principles of international law" have been committed. For UN humanitarian chief Valerie Amos, relief often cannot reach its destination because soldiers deny access. And roads linking Aleppo to Damascus are often blocked. New York City (AsiaNews/Agencies) - In his report to the Security Council, UN General Secretary Ban Ki-moon said that more than three million civilians were being denied vital aid, including medicine and medical care, actions that constitute "flagrant violations of the basic principles of international law". The UN chief was especially concerned that "Thousands of people are not getting the medical care, including life-saving medicines that they need". On Wednesday, the heads of five UN agencies appealed to the parties involved in the Syrian conflict to allow the movement of humanitarian aid in the country. The United Nations secretary general urged the Security Council to implement the resolution adopted last February meant to improve the delivery of basic supplies to Syria. The resolution called on all parties to allow aid shipment to cross the country's borders until they reached their destination. However, UN humanitarian chief Valerie Amos on Wednesday said that hopes for a political deal to end Syria's war were fading and that it was getting harder by day to send aid to trapped and displaced civilians. In the city of Aleppo for example, at least a million people are in need of urgent assistance, but the roads that connect the northern part of the city to Damascus have often blocked by fighting, and are therefore unusable.
 ·
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

24/04/2014 SIRIA. Ban Ki-moon IGNORA IL CRIMINE DI TERRORISMO ISLAMICO DI USA E LEGA ARABA e lui crede che questa possa essere una guerra convenzionale! ] "tutte le fazioni siriane sono colpevoli" per il blocco degli aiuti umanitari. Il segretario generale dell'Onu: "violate le leggi internazionali sui diritti umani". Il capo delle operazioni umanitarie, Valerie Amos: "Spesso, i soccorsi non riescono a raggiungere la destinazione perché gli viene negato l'accesso dai soldati. Le strade che collegano Aleppo a Damasco sono spesso bloccate". New York (AsiaNews/Agenzie) - In Siria "a più di 3 milioni di civili sono stati negati gli aiuti umanitari, inclusi medicinali e strumenti per le cure mediche. Il divieto, attuato dalle fazioni siriane, viola i principi base della legge internazionale sui diritti umani. Lo ha dichiarato il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon. Inoltre, egli esprime la sua preoccupazione riguardo alle centinaia di migliaia di civili che non riescono a ricevere le medicine necessarie alle cure di cui hanno bisogno.
I capi delle cinque agenzie dell'Onu, mercoledì, hanno lanciato un appello alle parti siriane coinvolte nel conflitto, chiedendo di permettere il passaggio degli aiuti umanitari all'interno del Paese. Il segretario generale delle Nazioni Unite incoraggia il Consiglio di sicurezza a rendere effettiva la risoluzione, approvata lo scorso febbraio, che dovrebbe portare un miglioramento per quanto riguarda l'accesso dei beni di prima necessità in Siria. Questa risoluzione prevedeva che tutte le parti in causa avrebbero dovuto permettere il passaggio degli aiuti ai confini, fino a raggiungere i luoghi dei conflitti.
Valerie Amos, mercoledì, ha affermato: "Spero che si trovi presto una soluzione politica che possa porre fine alla guerra. Ogni giorno, sta diventando sempre più difficile inviare aiuti e soccorrere i civili. Spesso, i soccorsi non riescono a raggiungere la destinazione perché gli viene negato l'accesso dai soldati". Aggiungendo che, solo nella città di Aleppo, almeno un milione di persone necessitano di  un'assistenza urgente, ma le strade che collegano il nord della città con Damasco sono spesso bloccate dagli scontri, e di conseguenza impraticabili.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 secondo fa

TUTTI GLI AMICI DI OBAMA BILDENBERG CIA 666 ONU ] 24/04/2014 PAKISTAN. Punjab: "branco" stupra una cristiana di sette anni e rapisce il padre per bloccare la denuncia. di Jibran Khan. Sara è stata violentata da quattro uomini di religione musulmana in un villaggio di Sialkot. La bambina è ricoverata in terapia intensiva in condizioni “critiche”. Gli stupratori hanno sequestrato il padre, Iqbal Masih, per costringere la famiglia a non sporgere denuncia. Attivisti e organizzazioni pro diritti umani chiedono giustizia. Islamabad (AsiaNews) - Un "branco" composto da quattro uomini di religione musulmana ha violentato una bambina cristiana di soli sette anni, di nome Sara; lo stupro è avvenuto ieri nel villaggio di Mally ki, a Daska, nel distretto di Sialkot (Punjab). La minore si trova ora ricoverata nell'ospedale di Sialkot, nel reparto di terapia intensiva, in condizioni che i medici definiscono "critiche". Nel frattempo la polizia, invece di arrestare i colpevoli, ha aiutato il clan locale a rapire il padre della bambina abusata; Iqbal Masih è stato prelevato e nascosto in un luogo segreto per "costringere la famiglia a non denunciare la vicenda, raggiungere un accordo con i criminali ed evitare una controversia a sfondo confessionale".
In queste ore la comunità cristiana ha cercato in tutti i modi di parlare con le forze dell'ordine, senza riuscirvi. Gli agenti non sembrano intenzionati a intervenire per punire lo stupro e liberare Masih, nelle mani degli aguzzini che hanno abusato della figlia.
Attivisti e organizzazioni pro diritti umani chiedono giustizia e assicurano il loro sostegno alla famiglia. In seguito ai ripetuti appelli e pressioni, la magistratura ha aperto un fascicolo e disposto l'arresto di due persone coinvolte nello stupro; sulla sorte del padre, al momento non vi sono sostanziali novità.
Secondo una recente ricerca, i casi di abusi e violenze sessuali - in particolare ai danni di giovani cristiane - sono in continuo aumento nella provincia del Punjab, nel silenzio della polizia e dell'autorità giudiziaria. P. Arshad John, sacerdote impegnato nella tutela dei diritti delle minoranze, condanna la violenza sessuale su una bambina di soli sette anni e il rapimento del genitore, "per mettere pressione sulla famiglia perché non sporga denuncia". Il "silenzio" della società civile, aggiunge, acuisce ancor più la drammaticità della vicenda.
Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo ed è il secondo fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Negli ultimi anni si è registrata una vera e propria escalation di violenze contro membri delle minoranze etniche o religiose, in particolare i musulmani sciiti e i cristiani. Decine gli episodi, fra attacchi mirati contro intere comunità - come avvenuto a Gojra nel 2009 o alla Joseph Colony di Lahore lo scorso anno - o abusi contro singoli (Asia Bibi, Rimsha Masih o il giovane Robert Fanish Masih, anch'egli morto in cella), spesso perpetrati col pretesto delle leggi sulla blasfemia.
Rispondi
 ·
NoahTheNephilim
12 ore fa

PARIGI, 24 APR - Il messaggio di condoglianze del premier turco Erdogan ai discendenti degli armeni uccisi nel 1915 (inedito per un capo di governo turco), non rappresenta un "riconoscimento" del genocidio né "una presentazione di scuse": lo dice il cantante francese di origini armene Charles Aznavour, 90 anni. Il messaggio a suo avviso è "una semplice volontà personale di passare per un uomo politico 'aperto'". Anche per il presidente armeno Sarksyan il premier turco continua a negare il genocidio.
Rispondi
 ·
Unius kingREI
1 giorno fa

04/17/2014. ITALY - ASIA. [ GLI USA FANNO UNA POLITICA SPORCA INSIEME A LEGA ARABA ] Easter, victory over death and impotence.

In war-torn Syria, the suffering of Christians and Muslims seems endless, despite the faint hope raised by peace talks in Geneva, quickly crushed by the impotence of the international community and the rumbling sound of weapons.
Through high unemployment, poverty, the wealth and abuse of the richest, impotence and might is right also appear to dominate daily life in the world. Indeed, on Calvary the struggle between impotence and might is right saw good suffer an apparent defeat.
This "duel", as the liturgy calls it, continued in the depths of the grave, when the greatest form of impotence, death, appear to back those who sought to erase the Love that came to dwell among men.
Yet love won, not love as a feeling or an idea, but as the Person source of love, capable of crossing all barriers of power laid down by the mightiest, transforming places of death in opportunities of life, springing from the barren rocks of despair and impotence.
The history of the Church is not about the spreading of an idea or an ideology that wins through power or armies. It is the history of encountering and passing on (a tradition) of a life that was changed by faith to another that is waiting. "It is not by proselytizing that the Church grows but 'by attraction'," Pope Francis wrote in Evangelii Gaudium (N. 15).
All this makes every Christian a central character in the mission, to which too often are delegated only "specialists" and members of the "clergy". Instead, everyone should be encouraged to show the signs of change that the resurrection of Jesus brought us.
From this point of view, it is important to preserve the martyrs' stories, who are not the representatives of some run-of-the-mill humanitarian organisations, but are those who explicitly gave their life for Jesus Christ and this unto death. Their end was no misfortune, but a seed that bore fruit. For example, the death of Mgr Joseph Fan Zhongliang, bishop of Shanghai, who for nearly 30 years was in prison or forced labour camps in Qinghai, breached the state's control over the Church in China. More importantly, it saw thousands of believers in the underground and official Churches come together for the Eucharist, after years of mutual "excommunication".
On Easter morning, the Alleluia shall not resonate immediately. The seed shall need time to rot and spring again. Nonetheless, faith in Jesus Christ, who overcame death and gave sparkle to life, is the only way in a world that finds itself increasingly divided and impotent, with corrupt and rotten ideas. Happy Easter. Anche la guerra in Siria non sembra interrompere le sofferenze di cristiani e musulmani di quella terra, dopo la flebile speranza dei dialoghi di pace a Ginevra, scivolati anche qui nell'impotenza della comunità internazionale e nel rafforzamento del linguaggio delle armi. La legge del più forte e l'impotenza sembrano dominare anche la vita quotidiana di tutto il pianeta fra disoccupazione, povertà, ricchezza dei più ricchi e soprusi. Eppure proprio una lotta fra impotenza e legge del più forte si è combattuta sul Calvario, con l'apparente sconfitta del bene.  Questo "duello" - come lo chiama la liturgia - è continuato nel profondo del sepolcro, quando l'impotenza più grande, quella della morte, sembrava dare ragione a chi voleva cancellare l'Amore che era venuto ad abitare fra gli uomini. Ma l'Amore ha vinto, non l'amore come sentimento o come idea, ma la Persona fonte dell'amore, capace di attraversare tutte le barriere del potere del più forte, trasformando i luoghi di morte in occasioni di vita, che zampilla dalle rocce aride della disperazione e dell'impotenza.
La storia della Chiesa non è la diffusione di un'idea o di un'ideologia che vince col potere o con gli eserciti: essa è la storia di incontro e trasmissione (tradizione) da una vita cambiata dalla fede a un'altra che attende. "La Chiesa - ha detto papa Francesco nella Evangelii Gaudium - non cresce per proselitismo, ma per attrazione" (n. 14).
Tutto questo rende ogni cristiano protagonista della missione, a cui tante volte si delegano solo "specialisti" e "clero", e rende tutti noi responsabili di mostrare i segni di novità che la resurrezione di Gesù ci ha donato.
Da questo punto di vista, è importante custodire la testimonianza dei martiri, non di generici rappresentanti di qualche organizzazione umanitaria, ma di coloro che hanno dato la vita esplicitamente per Gesù Cristo, fino alla morte. La loro fine non è stata una sventura, ma un seme che ha fruttificato. Un esempio: la morte di mons. Giuseppe Fan Zhongliang, vescovo di Shanghai, per quasi 30 anni in prigione o nei campi di lavoro forzato nel Qinghai, ha aperto una breccia nel controllo dello Stato sulla Chiesa cinese e, ancora più importante, ha visto migliaia di fedeli delle comunità sotterranee e ufficiali partecipare insieme all'eucarestia, dopo anni di "scomuniche" reciproche.
L'alleluja del mattino di Pasqua non risuona subito: il seme deve avere il tempo di marcire e di rinascere. Ma ormai la fede in Gesù Cristo che ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita è anche l'unica strada in un mondo che si scopre sempre più diviso e impotente, dalle idee corrotte e putrefatte. Buona Pasqua.
Rispondi
 ·
UniusRei3
1 giorno fa

EU Bildenberg -- se, tu non elimini questa CIA 6666, che, va in giro, con i cecchini ad uccidere la gente? poi, a te non ti resta molto da vivere!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh Unius REI
1 giorno fa

Homs: ripreso da parte di unitá dell'Esercito Siriano il controllo sul quartiere Jib al Jandali, a Homs, dopo avere respinto ed eliminato circa 80 terroristi sicari che si erano infiltrati ed asserragliati nella scuola Hittin, nei pressi di Bab el Dreib e nelle vie circostanti. Entro domani l'operazione sarà portata a termine in tutta l'area che sará bonificata da presenze estranee e maligne. #Siria, Raid dell'aviazione siriana su nascondiglio del fronte Nusra a Mayer, nord #Aleppo, elimina 20 terroristi maggior parte ceceni.
Rispondi
 ·
EvolutionisReligion
2 giorni fa

quando un massone Turchinov, obbedisce al satanista Joe Biden, per realizzare la distruzione del suo paese! ] [ 22 aprile 2014, Turchinov richiede di riprendere l'operazione speciale nell'est dell'Ucraina. Il facente funzione del Presidente dell'Ucraina Aleksandr Turchinov chiede alle forze di sicurezza di riprendere l'operazione speciale nella parte orientale del Paese, si dice nella dichiarazione pubblicata martedì sul sito web del Parlamento. Le autorità ucraine il 15 aprile hanno avviato un'operazione speciale con il coinvolgimento dell'esercito nel sud-est del Paese, dove da marzo si tengono le manifestazioni dei sostenitori della federalizzazione.
Secondo Mosca, la decisione delle autorità ucraine di usare la forza contro i manifestanti, è lo sviluppo di una situazione estremamente pericolosa.
In precedenza è stata comunicata la sospensione dell'operazione speciale per le vacanze di Pasqua.
http://italian.ruvr.ru/2014_04_22/Turchinov-richiede-di-riprendere-loperazione-speciale-nellest-dellUcraina-7179/

Rispondi
 ·
yitzhak kaduri
2 giorni fa

QUESTA è LA STESSO STORIA CHE OBAMA STA FACENDO VIVERE AL POPOLO SIRIANO! [ KING SAUDI ARABIA -- TU SI IL MOSTRO, E QUELLI TROIKA SONO I SATANISTI CIA.. ]  Le "marocchinate" la parte censurata della liberazione - PARTE 2
Tag: cultura, democrazia, editoriale, guerra, storia, USA.
Uno dei tanti controsensi della "liberazione"... Incaricare dei selvaggi al ripristino della civiltà... 15 aprile 2014 15:39
Anonimo ha detto...
Se cercate su google "la ciociara streaming" trovate il film anni 60 di sophia loren regia di vittorio de sica sui fatti delle marocchinate, però è molto "light" rispetto alla realtà. sono state fatte crudeltà indicibili.
spezzare tutti i denti anche ai bambini per violentarli oralmente, cacionando danni alle corde vocali era frequentissimo, oltre che da "dietro", una ferocia incredibile e disumana. anche italiani, tedeschi etc uccidevano e talvolta torturavano ma non così. questi sodomizzarono a morte per una nottata intera anche un parroco è anche descritto nel link finale che consigliate, una vera barbarie
16 aprile 2014 05:34
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Unius REI
2 giorni fa

Giappone:deputati a santuario Yasukuni. Ieri dono votivo del premier Abe e proteste di Cina e Corea Sud.. che presto diventeranno alleati militari contro il Giappone dei fascisti! [ ANSA massonica non dice, che, questo è un atto deliberato di guera contro la CIAN, perché in quel cimitero sono sepolti i colpevoli di genocidi.. ecco come, il sistema massonico Occidentale CAI Spa FMI, NWO, Bildenberg, ha corrotto la politica! ]

Rispondi
 ·
lorenzojhwh DominusUniusREI
3 giorni fa

my JHWH -- ma, tutti quelli che non hanno la libertà di religione, devono essere giustiziati! altro che, avere libertà di parola, non devono più avere la libertà di vivere! .. ed è quello che io farò. io non lascerò loro in vita!
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Kaduri
4 giorni fa

Papa: il Risorto ci aiuti ad andare incontro a chi è ferito e porti pace a chi soffre per guerre e violenze
Siria, ma anche Iraq, Nigeria, Sud Sudan, Repubblica Centrafricana, Ucraina e Venezuela nella preghiera di Francesco. "In ogni situazione umana, segnata dalla fragilità, dal peccato e dalla morte, la Buona Notizia non è soltanto una parola, ma è una testimonianza di amore gratuito e fedele: è uscire da sé per andare incontro all'altro".
Città del Vaticano (AsiaNews) - Il Risorto, "testimonianza di amore gratuito e fedele" ci aiuti "ad andare incontro all'altro, è stare vicino a chi è ferito dalla vita, è condividere con...

20/04/2014 VATICANO
Papa: la Risurrezione, invito a riscoprire il Battesimo e divenire testimoni di Gesù
Nella Veglia pasquale Francesco dice che il "tornare in Galilea, il luogo della prima chiamata," che Gesù rivolge agli apostoli, significa attingere energia nuova alla radice della nostra fede". "Non è un ritorno indietro, non è una nostalgia. E' ritornare al primo amore, per ricevere il fuoco che Gesù ha acceso nel mondo, e portarlo a tutti, sino ai confini della terra".
18/04/2014 VATICANO
Papa: Via Crucis, "Il male non avrà l'ultima parola, ma l'amore, la misericordia e il perdono"
Nella Croce di Gesù "tutta l'amarezza del tradimento di Giuda e di Pietro, tutta la vanità dei prepotenti, tutta l'arroganza dei falsi amici". Ma, di fronte a tanti mali, "vediamo anche l'immensità dell'amore di Dio che non ci tratta secondo i nostri peccati ma secondo la sua misericordia".
18/04/2014 IRAN - ONU
Accordo sul nucleare, l'Iran taglia metà delle proprie scorte di uranio arricchito
Lo ha annunciato l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea). In tutta risposta, gli Stati Uniti hanno autorizzato lo sblocco di fondi congelati per 450 milioni di dollari. La speranza resta quella di chiudere un accordo definitivo entro il prossimo luglio.
18/04/2014 PAKISTAN
Venerdì Santo in Pakistan: digiuno e preghiera per Asia Bibi, Sawan Masih e le vittime della blasfemia
di Jibran Khan
Comunità cristiana e società civile vicine alle vittime della “legge nera”. La solidarietà del vescovo di Islamabad. Attivista musulmano: uniti ai “nostri fratelli e sorelle cristiani nelle celebrazioni del Venerdì Santo”. Appello al governo: “serie iniziative per combattere l’intolleranza e l’abuso”.

18/04/2014 CINA
Pechino, condannati altri 4 attivisti del Movimento nuovi cittadini
Tutti chiedevano al governo di rendere pubblici gli interessi economici e finanziari dei funzionari di Stato. Il tribunale di Haidian li ha ritenuti colpevoli di "disturbo dell'ordine pubblico": le pene vanno da 3 anni e mezzo a 2 anni di carcere. Uno degli avvocati della difesa denuncia: "Sentenza falsa, la verità è che è divenuto illegale chiedere trasparenza ai nostri leader".
18/04/2014 IRAQ
Patriarca caldeo: Giovedì Santo assieme a disabili ed emarginati, cristiani e musulmani
di Joseph Mahmoud
Mar Sako ha visitato un centro della capitale che accoglie persone sole e con gravi handicap fisici. Sua Beatitudine ha compiuto il rito della “lavanda dei piedi” a 12 persone, fra cui due donne musulmane. Ai disabili egli ha ricordato che “la Pasqua è per voi”. Al termine ha offerto un pranzo, come segno di vicinanza e condivisione.
18/04/2014 FILIPPINE
Luzon centrale: un Campo estivo per 150 bambini "speciali", per imparare divertendosi
L'iniziativa è in programma dal 25 aprile al 4 maggio ed è promossa ogni anno dall'associazione Guide e dal suo presidente e fondatore Gerry Duwin Dela Zerna. La realtà si occupa di bambini con disabilità, affetti da sindrome di Down o problemi psico-fisici. L'attivista ha rifiutato offerte da migliaia di dollari all'estero per occuparsi dei bambini filippini.
18/04/2014 INDONESIA
Carità, confessioni e messe: la Settimana Santa dei cattolici indonesiani
di Mathias Hariyadi
Un periodo vissuto con raccoglimento, devozione e ricerca profonda della fede. Nell'arcidiocesi di Jakarta ogni famiglia ha offerto piccole somme per finanziare progetti rivolti a tutta la comunità. Il responsabile delle comunicazioni sociali ha preparato alcuni video. Centinaia di sacerdoti hanno rinnovato le promesse ai loro vescovi nella messa crismale.
18/04/2014 LAOS - THAILANDIA
Geologi thai lanciano l'allarme: la diga di Xayaburi è a rischio sismico
La mega-centrale, in costruzione sul fiume Mekong in territorio laotiano, potrebbe essere distrutta da un terremoto. Nella zona vi sono faglie attive: nei prossimi 30 anni vi è un 30% di possibilità di sisma di media intensità, 10% per uno superiore a magnitudo 7. I costruttori escludono pericoli: osservati gli standard di sicurezza.
18/04/2014 NEPAL
Nepal, anche indù e buddisti festeggiano la Pasqua
di Christopher Sharma
Nel Paese si moltiplicano le iniziative per celebrare, tutti insieme, le festività cristiane. Il parroco della cattedrale di Kathmandu: "Spero che tutti gli abitanti del Paese condividano il messaggio pasquale, e che la Pasqua possa diventare una festa comune a tutte le fedi e comunità". Inviati migliaia di messaggi e di email per gli auguri pasquali.
17/04/2014 VATICANO
Papa: la "lavanda dei piedi", "un gesto d'amore, di servizio", per ricordarci che "dobbiamo essere servi gli uni degli altri"
Francesco ha celebrato la messa "in Coena Domini" in un centro della Fondazione don Gnocchi. Ha lavato e baciato i piedi di 12 persone di età differenti, vittime di diversi handicap e di diverse appartenenze religiose: tre stranieri e 9 italiani.
17/04/2014 ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
17/04/2014 SRI LANKA
La Pasqua "spinga i cattolici a difendere i diritti umani in Sri Lanka"
di Melani Manel Perera
Intervista a suor Deepa Fernando, religiosa della Congregazione della Sacra Famiglia e membro del Justice, Peace and Integrity of Creation (Jpic) e del Christian Solidarity Movement (Csm). Secondo la religiosa a volte i cristiani in Sri Lanka "si dimenticano di essere tutti fratelli e sorelle". Per questo bisogna seguire le orme di Gesù, che "è morto per proteggere i diritti degli altri".
17/04/2014 COREA DEL SUD
Vescovo di Cheju: Preghiamo per le vittime del traghetto, la Corea vive nel dolore
La nave Sewol, affondata ieri per cause ancora sconosciute, era diretta verso l'isola di Jeju. Ad AsiaNews il vescovo, e presidente della Conferenza episcopale, mons. Pietro Kang U-il dice: "Possiamo soltanto pregare per loro e per le loro famiglie, attanagliate dall'angoscia, sperando che la nostra preghiera e la nostra solidarietà possano essere di qualche conforto". Le pessime condizioni del mare e il vento rallentano i soccorsi: all'appello mancano ancora circa 300 persone.


Altri articoli
17/04/2014 VATICANO
Papa: la "gioia" del sacerdote "unge", è "incorruttibile", "missionaria" ed è custodita da povertà, fedeltà e obbedienza
17/04/2014 INDIA
La Pasqua dei cristiani dell'India, una sfida e una missione di speranza di Nirmala Carvalho
17/04/2014 CINA
Pechino, blogger condannato a 3 anni per "aver diffuso pettegolezzi" in Rete
17/04/2014 MYANMAR
Messa crismale a Yangon: La gioia del sacerdozio è l'antidoto al clericalismo di Francis Khoo Thwe

17/04/2014 SIRIA
Gregorio III, un forum di intellettuali cristiani siriani per una società fondata sui valori evangelici di Fady Noun
17/04/2014 BANGLADESH
Bangladesh, stupro di gruppo su una tribale cattolica: cristiani e musulmani chiedono giustizia di Sumon Corraya
17/04/2014 MALAYSIA - FILIPPINE 

Mers, prima vittima in Asia: un malaysiano di ritorno dal pellegrinaggio alla Mecca
16/04/2014 TERRA SANTA
Patriarchi e leader cristiani di Gerusalemme: La Pasqua porti la pace nella regione
16/04/2014 TIBET - CINA
Tibet, 32enne si dà fuoco e muore contro l'occupazione cinese
16/04/2014 CINA
Dongguan, riprende lo sciopero del tessile: 40mila operai incrociano le braccia
16/04/2014 IRAQ
Il governo iracheno chiude il carcere di Abu Ghraib
16/04/2014 VATICANO
Papa: la Risurrezione "non è l'happy end di un film", ma "una vittoria umile di Dio, che umanamente sembra un fallimento"
16/04/2014 INDIA
India, fermato il braccio destro di Narendra Modi: incita all'odio contro i musulmani
16/04/2014 GIAPPONE
Giappone, i cacciatori di balene vogliono tornare "presto" in mare
Rispondi
 ·
Mr Universal Metafisico
4 giorni fa

Aereo scomparso, Verso fine ricerche. Oceania. Battute tutte le piste, resta mistero CIA, i cannibali! [ Prossimi giorni "saranno critici"
Rispondi
 ·
LorenzoJHWH UniusREI
5 giorni fa

La situazione nelle regioni di Lugansk e di Donetsk, in Ucraina orientale, dove i cittadini sostengono attivamente la federalizzazione del Paese, rimane tesa secondo un rapporto pubblicato sabato da una speciale missione di osservatori dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE).
Secondo gli osservatori, la situazione è complicata "perchè è in corso un confronto. Essi credono che gli accordi raggiunti il 17 aprile a Ginevra sull'Ucraina ancora non siano in funzione e sul campo non ci sono ancora abbastanza informazioni sui meccanismi della loro attuazione.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_20/OSCE-nelle-zone-di-Lugansk-e-Donetsk-la-situazione-rimane-tesa-9928/
missione di monitoraggio speciale dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) sarà inviata nella città ucraina di Donetsk, Ucraina orientale, per monitorare il rispetto degli accordi di Ginevra, secondo il ministero degli Esteri ucraino.
La riunione in cui si è presa la decisione si è tenuta fra il facente funzione da ministro degli Esteri Andrii Deshchytsia e fra il capo della speciale missione di monitoraggio OSCE in Ucraina Ertuğrul Apakan. Alla riunione hanno partecipato anche i rappresentanti dei partecipanti alla riunione di Ginevra: UE, Russia e Stati Uniti. Da marzo in Ucraina orientale vi sono dimostrazioni dei sostenitori della federalizzazione dell'Ucraina.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_04_19/La-missione-dellOSCE-si-rechera-a-Donetsk-1849/

Rispondi
 ·
Nascondi risposte
LevittownPaIsSpecial
5 giorni fa

Maybe start spamming on their videos as well.

Lorenzojhwh Kaduri
4 giorni fa

+LevittownPaIsSpecial  quale emorroide ti fa male?

lorenzojhwh Unius REI
1 giorno fa

+LevittownPaIsSpecial
drink your poison made by yourself

Post popolari in questo blog

Egyptian priest claims church attack was Muslim Brotherhood ‘revenge’

Chinese Authorities Expel Shouwang Church Member from Beijing

prima preghiera poi orgia