SPA valori OGM Eurabia

666 SPA FED SPA CIA OGM NATO USA UE ONU LEGA ARABA BILDENBERG, hanno osato offendere il Signore JHWH holy [ SATANA IS GMOS FED SPA 666 NWO SHARIA religion ] CAZZO, COME SI SONO PERMESSI!
CHE è lungo il SPA cazzo PEDOFILO OGM di MAometto sharia, TUTTO IN CULO GENDER OBAMA, sotto egida dei diritti TROIA umani satana 666 ONU NWO. SPA 666 TALMUD AGENDA FED GMOS NWO NATO BILDENBERG, rinunciaNO a Cristo, per LOVE SHARIA Allah ONU AMNESTY DHIMMI, E KILL ISRAEL.
 MY HOLY JHWH ] questo di male ci hanno fatto SALMAN e Rothschild [ NOI DHIMMI DALIT GOY SPA FED SHARIA NATO CIA? NOI SIAMO POPOLO OGM SOVRANO!

NWO FED CIA NATO, satanisti SPA Lega Erdogan SHARIA SALMAN ] e che, Gesù di Betlemme: LUI è il VERO King di Israele? POI, Lui è stato crocifisso tra due assassini! Che è quello che, mi state costringendo a fare: " io vi farò tutti inchiodare al lato: "B GENDER Poligamia pedofilia" della Croce santa di Gesù ", COSì. QUANDO IO VI AVRò VISTI TUTTI PENZOLARE? io darò la risposta, opportuna, a quel maomettano di merda, che ha detto: "vediamo chi sono io, e vediamo che sei tu!" CHE, qui, NESSUNO DEI SACERDOTI DI SATANA DELLA CIA SI SAREBBE PERMESSO!

SHARIA NWO SPA GMOS FED TALMUD AGENDA ISIS: TAKFIRO Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd ] è [ lui Abdullah bin Abdulaziz, il re dell'Arabia Saudita, lui faceva il finto morto per non rispondere alle mie domande: poi, quando lui è morto: "al lupo al lupo?" POI: io non ci credevo!" CHE ORA Abdulaziz lui fa IL CALIFFO 666 gay'S Satana all'INFERNO:  che è uno spettacolo così infamante, che non si può guardare! ] 1. Mohammad bin Salman Al Sa'ud, 2. Muhammad bin Nayef Al Sa'ud, 3. Muhammad bin Nayef Al Sa'ud, 4. Abd al-Aziz dell'Arabia Saudita, 5. Abd al‑Aziz dell'Arabia Saudita, 6. Fahd dell'Arabia Saudita, 7. Fahd dell'Arabia Saudita, 8. 'Abd al-Rahman ibn 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud, 8. 'Abd al‑Rahman ibn 'Abd a... ecc.. ecc. ecc.. ALLORA VOLETE RISPONDERE VOI ALLE MIE DOMANDE SI O NO?

MAOMETTO SALMAN SHARIA ALLAH AKBAR ] tu sei un TAKFIRO SODOMITA pezzo di merda, sotto l'altare di satana dei Bush 666 CIA, Rothschild, tu interpreti il Corano attraverso il Talmud: TU SEI LA ABOMINAZIONE!

SPA FED GENDER SODOMA NWO XXX? è ONU OGM dittatura SHARIA

SPA FED NWO è TALMUD 666 AGENDA evoluzione OGM GENDER SODOMA MAOMETTO PEDOFILO POLIGAMO, una sola famliglia di porci Obama Rothschild!

#Brzezinski #Rice # Peters #Clark #Wright #666, #PUTTANE ] ok fate i bravi sacerdoti di satana: COLLABORATE! [ La Russia non ha ancora ricevuto dagli USA i dati completi sul caso Lesin. 12.03.2016( Mosca tratta da tempo con Washington per ottenere tutte le informazioni sulle circostanze della morte dell'ex ministro della Stampa, ma gli USA non hanno ancora fornito queste informazioni. La Russia non ha ancora ricevuto dagli USA le informazioni dettagliate sulle circostanze della morte dell'ex ministro della Stampa Mikhail Lesin. Lo ha dichiarato a RIA Novosti l'ambasciatore russo a Washington Sergei Kislyak.
«Già da troppo tempo e costantemente trattiamo con le autorità USA per ottenere tutte le informazioni dettagliate. Ma finora non le abbiamo ricevute», ha spiegato l'ambasciatore.
Lesin è morto il 5 Novembre 2015 in un hotel nel centro di Washington. La polizia ha trovato il corpo di Lesin sul pavimento della sua camera. I paramedici intervenuti ne hanno constatato il decesso. Giovedì il portavoce ufficiale dell'ufficio di medicina legale di Washington, Lashon Beamon, ha informato RIA Novosti che a causare la morte di Lesin è stato un trauma cranico da corpo contundente. Allo stesso tempo, in una dichiarazione congiunta, l'ufficio medico legale e la polizia di Washington hanno affermato che la natura della morte di Lesin non è stata stabilita e la polizia « sta continuando a indagare sull'incidente». Il portavoce del Dipartimento di Stato John Kirby ha dichiarato che gli USA avrebbero fornirono alla Russia le informazioni sulle indagini: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260173/usa-russia-caso-lesin.html#ixzz42grIkOrr
11.03.2016) Gli esperti di medicina legale statunitensi sono giunti alla conclusione che l'ex ministro della Stampa della Russia sia morto a seguito di lesioni alla testa.
Nel caso di conferma di queste informazioni, la Russia invierà alla parte americana la richiesta per ottenere l'assistenza giudiziaria internazionale, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. Mosca è in attesa di chiarimenti da Washington nell'inchiesta sulla morte dell'ex ministro russo della Stampa Mikhail Lesin, ha scritto la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova sulla sua pagina Facebook.
Referto medico dell'autopsia di Mikhail Lesin: http://it.sputniknews.com/mondo/20160311/2249891/Giustizia-usa-morte-mikhail-lesin.html#ixzz42grb2IAw

L’apparente tregua in Siria non ferma i piani di balcanizzazione di Washington e Tel Aviv. 12.03.2016. ISRAELE è CHIAMATO A DIFENDESI DA QUESTA ACCUSA GRAVISSIMA! ANCHE PERCHé SE ISRAELE NON FACEVA IL DOPPIO GIOCO? I RUSSI DI ASSAD NON AVREBBERO TROVATO NEANCHE LE OSSA!  L’apparente tregua in Siria non ferma i piani di balcanizzazione di Washington e Tel Aviv. Mentre si regge faticosamente una tregua parziale delle armi in Siria, nelle zone già controllate dai gruppi terroristi di Al Nusra e dell'ISIS si registra la rotta di molte formazioni di miliziani, decimate dalle numerose perdite di queste ultime settimane (si parla di alcune migliaia di morti) e dalle frequenti diserzioni di miliziani che sono in fuga verso la Turchia, prima che vengano definitivamente chiusi i passaggi del confine turco-siriano. Nonostante i ripetuti tentativi della Turchia di inviare altre forze ed altri rifornimenti di armi e munizioni ai miliziani jihadisti, la situazione sul campo è nettamente a favore dell'Esercito siriano e delle formazioni diHezbollah, appoggiate anche da consiglieri iraniani e con il sostegno determinante dell'aviazione russa. Oggi si può affermare, a cinque mesi di distanza dall'intervento russo in Siria, che Il successo delle forze russo-siriane si è compiuto sulla base di tre obiettivi principali raggiunti: 1) la protezione della zona costiera alawita (Latakia- Tartous), 2) il consolidamento della spina dorsale del paese, costituita da Aleppo-Hama-Homs-Damasco, 3) l'interruzione del flusso dei rifornimenti dalla Turchia. A questi elementi si aggiunge il controllo totale dello spazio aereo da parte delle forze aereo spaziali russe e siriane, grazie ai sistemi di dissuasione delle rampe di missili russi, SS300 ed SS400 che hanno escluso la possibilità di interferenze da parte della Turchia e della NATO, salvo le missioni autorizzate dal controllo congiunto Russia-USA. Questo è ormai riconosciuto ormai dagli analisti militari di vari paesi. In sostanza l'intervento russo ha consentito di bloccare la fase avanzata del piano di balcanizzazione del paese previsto dalla strategia congiunta di USA ed Israele, mediante l'utilizzo delle formazioni di miliziani jihadisti, non a caso armate ed addestrate dai servizi di intelligence di USA e Gran Bretagna negli appositi campi in Turchia e Giordania. Il piano di smembramento della Siria faceva parte di quel progetto generale per il Medio Oriente elaborato dagli strateghi di Washington (Brzezinski/Rice/Peters/Clark/Wright) alcuni anni prima e che vedeva nella Siria e nell'Iraq il fulcro centrale dei paesi da suddividere sulla base della composizione confessionale ed etnica delle popolazioni. Un medio Oriente balcanizzato più facile da controllare e sottoposto ad una egemonia anglo USA. Vedi: "The map of the Middle East could be redrawn". An analysis by Robin Wright. http://www.nytimes.com/interactive/2013/09/29/sunday-review/how-5-countries-could-become-14.html?_r=0
Il piano era stato più volte enunciato e manifestato pubblicamente dai vari esponenti dell'establisment USA ed ultimamente anche dal ministro della Difesa Israeliano Yaalon, oltre a risultare scritto nel rapporto dellaDIA http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx (Defence Intelligence Service) del 2012 desecretato e reso accessibile dal quale si evince che Washington ha considerato la creazione di uno stato sunnita (definito "principato salafita") nella Siria settentrionale come obiettivo strategico. Al momento non si può escludere che, vista la situazione di stallo, Turchia ed Arabia Saudita, non rassegnate alla sconfitta dei gruppi terroristi da loro sovvenzionati e sostenuti, potrebbero decidere di giocarsi la carta di una controffensiva che potrebbe essere lanciata aprendo un nuovo fronte dal Libano, utilizzando la zona sunnita del paese, la provincia di Tripoli (da non confondere con la Tripoli di Libia) da cui potrebbe partire unattacco alle spalle contro Hezbollah e successivamente cercare una via d'entrata in Siria da Ovest. Ci sono già le prime avvisaglie con la qualifica di "organizzazione terroristica" attribuita ad Hezbollah da parte del CCG (l'organizzazione degli stati del Golfo filo sauditi) e con il sequestro di una nave turca nell'Egeo diretta a Tripoli che trasportava armi e munizioni. Vedi: La Grecia intercetta una nave turca carica di armi e munizioni per Daesh in Libano. http://it.sputniknews.com/mondo/20160306/2219835/grecia-intercetta-nave-turca-carica--armi-munizioni-per-daesh-in-libano.html
Fondamentale in questo disegno il ruolo esercitato dalla Turchia che può attuare i collegamenti via mare con il Libano e trasportare armi e miliziani dalla Siria al Libano (come attualmente sta facendo con la Libia). http://it.sputniknews.com/mondo/20160306/2219835/grecia-intercetta-nave-turca-carica--armi-munizioni-per-daesh-in-libano.html Di sicuro la Turchia viene sospinta dagli ambienti di Washington nella sua azione di sostegno (ormai palese) dei gruppi terroristi in Siria, incluso l'ISIS. Occorre verificare se il programma della creazione di un nuovo fronte possa avere il benestare di Washington dove in questo momento si fronteggiano almeno due visioni differenti di azione, rispettivamente quella più accomodante di Obama che sembra non volere un coinvolgimento diretto di forze USA e quella più aggressiva dei senatori "neocons" repubblicani (il partito della guerra) che vorrebbero una azione immediata degli USAe della NATO per contrastare la presenza russa in Siria. Importante l'azione di Israele che in questo momento è fortemente interessata ad una azione in Libano per neutralizzare il pericolo costituito da Hezbollah, vista come una diramazione iraniana ai suoi confini.
L'analista israeliano statunitense Stephen Cohen considera che ci sono settori dell'Amministrazione Obama che operano per silurare la tregua raggiunta in Siria che si trova già adesso sotto violenti attacchi su vari fronti mentre la Turchia e l'Arabia Saudita minacciano di ignorare gli impegni e lanciare la loro guerra contro la Siria. Vedi: Russia-insider. http://russia-insider.com/en/politics/stephen-f-cohen-parts-obama-administration-are-working-torpedo-syria-ceasefire-audio
Lo stesso Ashton Carter, il "falco" segretario alla Difesa USA, ha dichiarato al Congresso ed alla Casa Bianca che l'accordo tra John Kerry e Lavorv per la tregua è di fatto una "trappola" e che la Russia continua ad essere la prima minaccia esitenziale per la supremazia degli Stati Uniti. Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, http://sputniknews.com/politics/20160223/1035230377/kerry-plan-b-syria.html nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.
Di sicuro è ormai caduta la irrisoria mascheratura adotta dagli USA della "lotta all'ISIS", visto che i veri fini dell'azione svolta dalla coalizione alleata, diretta da Washington in Siria, sono stati smascherati dal successo militare ottenuto dalla Russia che, con minori forze impiegate è riuscita in pochi mesi a sbaragliare e far arretrare i gruppi terroristi dalle posizioni conquistate interrompendo i flussi di rifornimento e contrabbando dalla frontiera turca.
L'azione russo-siriana ha dimostrato al mondo quanto fosse fittizia e pretestuosa la sbandierata lotta al terrorismo proclamata da Washington che perseguiva il vero fine di rovesciare il Governo di Damasco e permettere lo smembramento del paese con l'interessata collaborazione di turchi e sauditi, i veri avvoltoi calati sul paese arabo.
Le prossime settimane saranno decisive per verificare la tenuta della tregua sul campo ed anche per Obama ed i "falchi" di Washington sembra arrivare l'ora delle "decisioni rirrevocabili", quella che che suona soltanto una volta e determina gli avvenimenti della Storia. Originariamente pubblicato sul sito controinformazione.info
 Correlati:
Siria, inviato russo a Ginevra: Opposizioni armate pronte a lottare contro terrorismo
Mosca accusa la NATO: distorce deliberatamente i risultati dei raid russi in Siria
Siria, moderatore russo sarà ai colloqui intra-siriani del 14 marzo
Siria, assalto forze speciali di Assad vs Daesh: passo in avanti su fronte di Palmira: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160312/2260832/siria-tregua-usa-turchia.html#ixzz42gk88D6Q

#UE 666 #ISRAELE nwo ] [ e IO NON CI VOLEVO CREDERE, CHE ANCHE VOI ERAVATE GAY GENDER come Obama ideologia Sodoma scimmia Darwin, A CUI PIACEVA sempre, il LATO B 666 FED SPA GMOS agenda ] [ Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, http://sputniknews.com/politics/20160223/1035230377/kerry-plan-b-syria.html nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.

#UE #ISRAELE ] [ quindi, noi dobbiamo fare una #guerra #mondiale #nucleare, per assicure ad USA la conquista del mondo? questo è il vostro obiettivo: la supremazia USA? ] OK DITELO A ME SE AVETE CORAGGIO! [ Lo stesso Ashton Carter, il "falco" segretario alla Difesa USA, ha dichiarato al Congresso ed alla Casa Bianca che l'accordo tra John Kerry e Lavorv per la tregua è di fatto una "trappola" e che la Russia continua ad essere la prima minaccia esitenziale per la supremazia degli Stati Uniti. Carter è di sicuro l'ispiratore del "piano B" per la Siria, nel caso in cui la tregua non regga, che prevede un intervento diretto di forze USA nel paese arabo per creare una zona sicura anti Assad ed anti russa che di fatto dividerebbe il paese, con il forte rischio di un conflitto allargato alla Russia ed all'Iran.

Zbigniew Brzezinski, Ex Consigliere per la sicurezza nazionale è il progettista di aggredire la Russia con armi nucleari tattiche dalla Polonia, quindi, io pretendo che la NATO arretri come da accordi con Michail Gorbačëv, Ex Segretario generale del PCUS, dietro la ex-cortina di ferro! i sacerdoti di satana: 1. Zbigniew Brzezinski, ha dato il mandato terroristico a Osama Bin Laden (c'è la foto in internet) https://www.flickr.com/photos/wilsnod/68772733 , mentre John McCain Senatore degli Stati Uniti ha dato il mandato terroristico al terrorista iracheno, noto universalmente come Abū Bakr al-Baghdādī (c'è la foto in internet), http://www.veja.it/2014/10/12/i-corsari-terza-guerra-mondiale/  , sedicente califfo dell'autoproclamato Stato Islamico (ISIS)

quella degli abusi sessuali delle truppe, è una storia vecchia, che deve trovare una sua più razionale, istituzionale organica soluzione! Onu contro abusi sessuali peacekeeper, Risoluzione Cds dopo scandali in Rep. centroafricana e Congo

HILLARY NON HA LA SPINA DORSALE, per fare il Presidente! LO SAPPIAMO TUTTI CHE: sia: HIV, che, CANCRO AL COLON COLPISCONO Anche più: del 80% tutti i SODOMITI! NEW YORK, 12 MAR - Hillary Clinton è stata costretta a scusarsi dopo che gli elogi fatti all'operato di Nancy Reagan nella lotta all'Aids negli anni '80 avevano suscitato le reazioni degli attivisti per i diritti gay e delle associazioni per i malati di l'AIDS. "Mi sono espressa male", ha scritto sul suo account twitter. In un intervista alla MSNBC durante il funerale della ex first lady, Hillary aveva detto che Nancy aveva contribuito nel 1980 ad avviare una "conversazione nazionale" sul tema della lotta all'Aids, quando gli attivisti stavano lottando per ottenere più aiuti federali per contrastare la malattia.

PER FARE UN DISCORSO COSì CONTORTO, che, porta alla SOLA conclusione, di un inciucio nel qualunquismo? QUESTO è L'OPPOSTO DELLA DEMOCRAZIA! è evidente Hillary non ha più argomenti validi! PIUTTOSTO, LEI CONDANNASSE IL NAZISMO DELLA SHARIA, SE è VERO CHE LEI NON è UNA NAZISTA ROTHSCHILD SPA BANCHE CENTRLI FED, GLI USURAI COMMERCIANTI DI SCHIAVI..  12 MAR - Attacco di Hillary Clinton a Donald Trump su twitter dopo le violente contestazioni di ieri sera al comizio del magnate a Chicago che hanno costretto il frontrunner repubblicano a cancellare il raduno. "La retorica della divisione a cui stiamo assistendo deve essere di grande preoccupazione per tutti noi. Tutti abbiamo le nostre differenze e sappiamo che molte persone nel paese sono arrabbiate. Dobbiamo affrontare questa rabbia insieme. Non importa a quale partito apparteniamo o quale punto di vista abbiamo. E non dovremmo solo limitarci a dire forte e chiaro che la violenza non ha posto nella nostra politica, ma dovremmo usare le nostre parole e le nostre azioni per condurre insieme gli americani".

USCENDO DALL'ALTARE DI SATANA, E PULENDOSI LA BOCCA DAL SANGUE UMANO, OBAMA CHIEDE A KERRY DI FARE GLI AUGURI AL PAPA, poi, Salman e Erdogan, hanno detto tra di loro: " FACCIAMO BENE NOI, A FARE GLI IPOCRITI ASSASSINI SHARIA, DENTRO LA NOSTRA GALASSIA JIHADISTA SHARIA! "  WASHINGTON, 12 MAR - Il segretario di Stato Usa John Kerry ha espresso, anche a nome del presidente Obama e del popolo degli Stati Uniti, le ''più calde congratulazioni'' a Papa Francesco in occasione del terzo anniversario della sua elezione al soglio pontificio. Lo riferisce una nota del dipartimento di Stato. Dopo aver ricordato la prima visita in Usa di Bergoglio lo scorso autunno, Kerry manifesta la gratitudine degli Usa per il ruolo del Papa nel rinnovare i rapporti diplomatici americani con Cuba e il suo supporto per i negoziati di pace tra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie (Farc). ''Io credo - prosegue la nota - che gli americani - cattolici e non - condividano la convinzione di sua Santità che dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere l'ambiente del nostro pianeta, sostenere il bene comune, promuovere la libertà di religione, prendersi cura dei rifugiati e di coloro che sono svantaggiati, e battersi per la giustizia e la pace''.
die SAUDI ARABIA

Mosca accusa la NATO: distorce deliberatamente i risultati dei raid russi in Siria. 11.03.2016( segretario generale della NATO Jens Stoltenberg distorce deliberatamente gli obiettivi dei raid russi in Siria, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova, riporta “Russia Today”. Ha riportato le dichiarazioni del segretario generale dell'Alleanza Atlantica, che ha sostenuto che la Russia con le sue azioni tenta di "dividere la NATO." "Vorrei ricordare che abbiamo ripetutamente affermato che in Siria operiamo alla luce del sole, in modo trasparente e sulla base di informazioni verificate per distruggere gli obiettivi dei terroristi del Daesh (ISIS), così come altri gruppi terroristici che minacciano la Siria e l'intera regione del Medio Oriente, ma Stoltenberg, a quanto pare, non è pronto ad abbandonare i tentativi di distorcere deliberatamente i risultati e gli obiettivi dei raid russi in Siria. Agisce al 100% di proposito,"- ha dichiarato la Zakharova oggi in una conferenza stampa. Quando gli Stati Uniti dettano l’agenda ai media italiani. [ QUESTO REGIME MASSONICO BILBENDERG E USUCRATICO SATANICO, SPA BANCHE CENTRALI NWO, STA DIVENTANDO ASFISSIANTE! 0.03.2016( La Russia è il nemico, almeno secondo la maggior parte dei media italiani. Vista la famosa minaccia russa, è strano che in Italia circolino però così poche informazioni sulla Russia. Bisognerebbe stare in guardia e tenere gli occhi aperti! Le informazioni su Mosca e la sua politica estera sembrano a volte dettate per filo e per segno dall'ambasciata americana. La storica amicizia fra l'Italia e la Russia ovviamente non è mai andata a genio agli Stati Uniti e questo si rispecchia nella maggior parte dei media italiani. Tutto viene letto in un'ottica americana. Perché?
die SAUDI ARABIA

La Lega Araba ha dichiarato il gruppo sciita libanese Hezbollah un'organizzazione terroristica. SARANNO ANCHE TERRORISTI PER ISRAELE, OK! MA, HA DEL GROTTESCO CHE I PATROCINATORI DEL TERRORISMO MONDIALE DICHIARINO PROPRIO LORO TERRORISTA QUALCUNO! TUTTO QUESTO È TANTO PIÙ TRAGICO PERCHÉ È FATTO NEL MOMENTO IN CUI Hezbollah VINCE PER ASSAD CONTRO ISIS DAESH, Lo riferiscono i media egiziani. La decisione è stata presa dai ministri degli Esteri di quasi tutti i membri dell'organizzazione panaraba basata al Cairo, ha riferito l'agenzia di stampa egiziana Mena. Libano e Iraq invece si sono astenuti, esprimendo "riserve". Dieci giorni fa Hezbollah - che in Siria combatte al fianco del presidente Assad - era finito nella lista nera dei gruppi terroristi anche del Consiglio di Cooperazione del Golfo. In precedenza, l'Arabia Saudita, aveva tagliato 4 miliardi di dollari di aiuti al Libano per le sue forze di sicurezza.
die SAUDI ARABIA

io sono nell'osservatorio sul maritirio dei cristiani, da 30 anni circa, e posso garantire che gli islamici usano questa tecnica di terrorismo contro i non islamici: in modo sistemico! ] QUINDI LA SHARIA È L'ELEMENTO DISCRIMINANTE DEL RAZZISMO CONTRO I NON MUSULMANI! [ GINEVRA, 11 MAR - Lo stupro di donne come paga per i combattenti nel Sud-Sudan: è l'accusa contenuta in un rapporto dell'Onu sulla situazione dei diritti umani nel giovane stato africano. "Fonti attendibili indicano che gruppi alleati al governo sono autorizzati a stuprare donne in sostituzione dei salari", afferma l'Onu. Anche gruppi di opposizione e bande criminali attaccano donne e ragazze. La scala della violenza sessuale è "scioccante" nel Sud-Sudan, afferma l'Onu: in soli cinque mesi l'anno scorso, da aprile a settembre, l'Onu ha registrato più di 1.300 segnalazioni di stupri in un solo dei dieci stati del Sud Sudan, lo Stato d'Unità, ricco di petrolio. "La portata ed i tipi di violenza sessuale - in primo luogo da parte del governo delle forze SPLA e le milizie affiliate - sono descritti con dettagli devastanti e spaventosi, cosi' come l'atteggiamento quasi disinvolto, ma calcolato, di coloro che hanno massacrato civili, distrutto beni e mezzi di sussistenza", ha detto l'Alto commissario Onu, Zeid Ra'ad
die SAUDI ARABIA

Donald Trump È IL MIO CANDIDATO! L'ex candidato alla nomination repubblicana Ben Carson ha ufficializzato il suo appoggio a Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca. "Molte persone combattono per cambiare Washington, ma Donald Trump - afferma Carson - e' un leader con una prospettiva da outsider, con una visione, con gli attributi e l'energia necessarie per fare il presidente". "E' l'ora di unire il partito dietro il candidato che batterà Hillary Clinton e riconsegnerà il governo alle persone": con queste parole Carson ha espresso il suo endorsement a Donald Trump, lanciando un appello all'unita' del partito. L'intervento in un resort di Palm Beach, in Florida, accanto al tycoon newyorchese.
die SAUDI ARABIA

patriota Ida Magli, Omaggio agli Italiani ] CONTRO I MASSONI BELUSCONI TRADITORI D'ALEMA, UNA SOLA SATANICA FAMIGLIA GENDER! [ "Cancellare l'appartenenza a un determinato territorio, e all'identità di gruppo che questo comporta, significa cancellare il senso. Operazione di una violenza inaudita che nessuno scopo può giustificare" http://www.italianiliberi.it/  PRESENTAZIONE E OBIETTIVI:     Il Movimento politico e culturale “Italiani Liberi” si propone di difendere e rafforzare l’identità nazionale, storica e culturale degli Italiani e di ristabilire l’indipendenza dell’Italia uscendo dall’Unione europea. Vorrei tornare a essere italiano, in tutto e per tutto, con difetti e pregi, ricco o povero ma ITALIANO, un Italiano, 13/11/2011 “l’intelligenza sa di essere libera, quali che siano le coercizioni esteriori. Sa che la grandezza dell’Uomo è nel pensiero, e sa che c’è sempre almeno un altro uomo che lo afferra e lo trasmette.” Ida Magli, Omaggio agli Italiani
==================
Addio a Ida Magli. Roma, martedì 23 febbraio 2016. Nella notte di sabato scorso 20 febbraio si è spenta, serenamente, Ida Magli, confortata dall’affetto del figlio. Noi, suoi allievi e amici, ci ripromettiamo nei prossimi giorni di dedicare spazio al suo ricordo. Oggi ci è difficile, e ce ne scusiamo con i lettori che in ItalianiLiberi hanno sempre riposto fiducia. Il messaggio che Ida Magli ha lasciato a tutti noi è stato quello di difendere gli Italiani dalle menzogne e dall'odio contro la bellezza e l'intelligenza che nei secoli abbiamo creato. Il nostro  popolo - ci ricordava - ha sempre sofferto moltissimo per colpa dei governanti. Ida Magli ha dedicato tutte le sue forze a darci speranza e a combattere per l’Italia e la sua cultura, e ci ha lasciati col disappunto di non avere più tempo per “fare ancora qualcosa” per salvarci…
Questo sito continuerà a raccogliere la sua opera e i suoi articoli scritti negli ultimi venti anni, sia pubblicati, che inediti, perché considerati troppo “scomodi”. Speriamo che possano continuare a fornire un sicuro punto di riferimento e uno stimolo per continuare l’opera della grande antropologa.
Farewell to Ida Magli
Rome, february 23rd, 2016 http://www.italianiliberi.it/
Saturday night, february 20th, Ida Magli passed away peacefully, comforted by the love of her son.
In the next days we – her students and friends – will give more space to her memory.  Right now it is tough to do so, and we apologize to readers who always trusted ItalianiLiberi. The message that Ida Magli has left to all of us is to defend the Italians from the lies and the hatred against all the beauty and intelligence that we have created over the centuries. Our people - she used to said - has always suffered enormously because of its rulers. Ida Magli has devoted all her strength to give us hope and to prompt us to fight to defend Italy and its culture; she left us with the disappointment of not having had more time to "do something else" to save us ...
This website will continue to gather and collect her works and articles written in the last twenty years, both published and unpublished (when they were considered too "uncomfortable" or controversial). We hope that her writings will always be a reference point and an encouragement to continue the work of the great anthropologist.
die SAUDI ARABIA

QUESTA STORIA CRIMINALE SpA Rothschild Banca d'Inghilterra ( azionisti proprietà privata 1600 d.C. ) in realtà, È INIZIATA con lo spregevole assassino ENRICO VIII, tutto è in chiave anti-cristiana ( se qualcuno può ammettere, che, in realtà, lui, Enrico VIII era un vero cristiano) da allora, ad oggi i Paesi Europei mediterranei, dai farisei Enlightened ( anglo-americani ) proprietari di tutte le SpA Banche Centrali, hanno sempre visto, tutto il resto del mondo: e sono sempre stati considerati, da loro, come gli schiavi da sfruttare! Quì è anche, nata la Massoneria, quì è nato il luciferismo! LA MONARCHIa INGLESE è custore delle Chiavi dell'INFERNO! ] [ Usa ribadiscono 'relazione speciale' Gb, Dopo critiche di Obama a Cameron su gestione guerra in Libia, 11 marzo 2016
====
la NATO È DIVENTATA, IL RICETTACOLO DI TUTTE LE BESTIE: SATANISTI FARISEI MASSONI SALAFITI E NAZISTI, TERRORISTI ISLAMICI... ecc.. Pronunciandosi a favore della scarcerazione dei giornalisti di Cumhuriyet sotto processo per lo scoop sulle armi in Siria, Can Dundar ed Erdem Gul, la Corte costituzionale turca ha deciso "contro il Paese e la nazione". Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, tornando ad attaccare la Suprema corte più di due settimane dopo il rilascio dei reporter.
die SAUDI ARABIA

LE PAROLE del troione di OBAMA dette contro i Democratici, dopo essersi pulito le labbra dal sangue, sono di una perversione assoluta, DATO CHE È LUI CHE È IL SISTEMA USUROCRATICO, TECNOCRATICO, SPA FINANZIARIO, E MASSONICO CHE HA CORROTTO E DEFORMATO TUTTE LE COSE!   Poco prima, ad un comizio a St. Louis, nel Missouri, la polizia aveva arrestato 31 persone. Intanto, Barack Obama definisce la campagna presidenziale dei candidati repubblicani "una fantasia, scherni da cortile scolastico, un network di home shopping'', e ha citato Trump come ''il tizio che è sicuro che sono nato in Kenya''. A suo avviso, il magnate è ''la distillazione di ciò che è successo nel loro partito in oltre un decennio...Questo e' il messaggio che è stato alimentato: che tu neghi l'evidenza della scienza, che il compromesso è un tradimento".
die SAUDI ARABIA

il Regno di Dio in ISRAELE, subisce violenza, ed è pronto a reagire! ] [ Isaia 14:22. 22. Io mi leverò contro di loro, dice l’Eterno degli eserciti, sterminerò di Babilonia SPA NWO OGM NWO, il nome, ed i superstiti, la razza e la progenie, dice l’Eterno.
2 Maccabei 2:22. 22. a riconquistare il tempio famoso in tutto il mondo, a liberare la città e a ristabilire le leggi che stavano per essere soppresse, quando il Signore si rese loro propizio con ogni benevolenza:
LO SANNO TUTTI JHWH è UN RAGAZZO DI PAROLA, CERTO DOBBIAMO AMMETTERLO, A VOLTE SI PRENDE DEL TEMPO, MA, NESSUNO LO PUò DUBITARE LUI MANTIENE SEMPRE LA SUA PAROLA! .. infatti è scritto: "se tarda a venire? tu attendilo perché di certo lui verrà!"
IO SO CHE TU SARAI MOLTO FELICE QUANDO TI TROVERAI DI FRONTE A LUI.. RALLEGRATI lui è vicino!
die SAUDI ARABIA

COME SALMAN ED ERDOGAN SHARIA POSSONO DIRE: "SE, DEI CANNIBALI FARISEI SACERDOTI DI SATANA, TRUFFA SPA ALTO TRADIMENTO: LUCIFERISMO, LORO POSSONO PARLARE AL PAPA IN QUESTO MODO, PERCHÉ NON DOBBIAMO FARE GLI IPOCRITI ASSASSINI SHARIA CALIFFATO, ANCHE NOI? " WASHINGTON, 12 MAR - Il segretario di Stato Usa John Kerry ha espresso, anche a nome del presidente Obama e del popolo degli Stati Uniti, le ''più calde congratulazioni'' a Papa Francesco in occasione del terzo anniversario della sua elezione al soglio pontificio. Lo riferisce una nota del dipartimento di Stato. Dopo aver ricordato la prima visita in Usa di Bergoglio lo scorso autunno, Kerry manifesta la gratitudine degli Usa per il ruolo del Papa nel rinnovare i rapporti diplomatici americani con Cuba e il suo supporto per i negoziati di pace tra il governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie (Farc). ''Io credo - prosegue la nota - che gli americani - cattolici e non - condividano la convinzione di sua Santità che dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere l'ambiente del nostro pianeta, sostenere il bene comune, promuovere la libertà di religione, prendersi cura dei rifugiati e di coloro che sono svantaggiati, e battersi per la giustizia e la pace''.
die SAUDI ARABIA

1/2 ] LO RIAFFERMO, io sono la amnistia universale, io non ucciderò nessuno, circa i delitti che sono stati commessi fuori del mio regno! OGNI PECCATORE DOVRÀ AFFRONTARE IL TRIBUNALE DI DIO, E DA QUESTO PUNTO DI VISTA, È MEGLIO AFFRONTARE IL GIUDIZIO DEGLI UOMINI, CHE NON IL GIUDIZIO DI DIO! ed io non voglio passare il mio tempo a fare il macellaio, anche perché, il sistema SpA massonico ed islamico usurocratico ha corrotto le coscienze degli uomini, facendo commettere loro delitti che loro mai avrebbero voluto commettere.
2/2 ] LO RIAFFERMO, io non ho uno scopo ideologico religioso o personale da perseguire, ecco perché, per me l'esercizio del potere è una sofferenza, un castigo! Già, affinché il genere umano possa ritornare a vivere e a sperare, io pago per delitti istituzionali che altri hanno commesso
die SAUDI ARABIA

#Mario #Draghi, SpA BCE ] se, NOI vogliamo parlare di giustizia, 1. NOI DOVREMMO RIVALUTARE IL COSTO DELL'EURO PER L'ITALIA, CONSIDERANDO ANCHE, LA SUA ECONOMIA SOMMERSA, CHE UNA CRIMINALE TASSAZIONE HA GENERATO! QUINDI DOBBIAMO RISARCIRE LA ITALIA PERCHé HA PAGATO, L'EURO IN TUTTI QUESTI ANNI IL 40% IN più. DEL SUO VALORE! 2. MA, adesso, in modo strutturale, tu devi mettere mano alla sistemazione complessiva, di tutti i mutui ipotecari, possibilmente: azzerando, eliminando e ristorando per gli stessi, tutti i tassi di interesse: ed imponendo agli istituti di credito una rettificazione d'ufficio: DI TUTTI I MUTUI IPOTECARI! ] conclusione [ OPPURE, TU VUOI VEDERE SUICIDARSI, ANCORA, MIGLIAIA DI PERSONE?
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  #SALMAN, #ERDOGAN, #SHARIA ] affronta sfide globali FMI NWO FED SPA OGM 666 SHARIA GENDER [ MA, COME VOI VI PERMETTETE, di mettere a morte, così tanti cristiani innocenti, in tutto il mondo, che, loro non hanno un solo rappresentante politico (tranne me) che li possa proteggere e rappresentare?  VATICANO – YEMEN, Papa: Il massacro delle suore di Madre Teresa, un atto diabolico e insensato. In un messaggio a firma del Segretario di Stato, Francesco esprime “shock” e “profondo dolore” per la morte di quattro Missionarie della Carità e altre 12 persone, uccise in una casa per anziani di Aden. “In nome di Dio, chiedo a tutte le parti di rinunciare alla violenza e rinnovare l’impegno per il popolo dello Yemen”.
die SAUDI ARABIA

LA LEGA ARABA SHARIA, SI NASCONE DIETRO LE SPALLE di suoi servizi segreti, DAESH ISIS SHARIA, PER POTER COMMETTERE TUTTI I CRIMINI IMPUNEMENTE! ] io propongo di sterminare tutti in ARABIA SAUDITA! [ Daesh ha usato armi chimiche a Taza nel sud dell'Iraq 10:37 12.03.2016(Fonti delle milizie sciite riferiscono di due missili armati con le sostanze tossiche lanciati dall'insediamento di Kasbah al-Bashir. L'ISIS [Daesh] ha usato armi chimiche nell'attacco alla città settentrionale irachena di Taza. Lo ha riferito al-Hashd ash-Shaabi, portavoce delle milizie sciite. Il mese scorso il direttore della CIA John Brennan, aveva spiegato come fossero state impiegate armi chimiche sia in Siria che in Iraq, come il Daesh aveva la capacità di usarlo, come di esportarlo facilmente nei Paesi occidentali.
"Il territorio a sud di Taza è diventato è stato oggetto di un attacco pesante condotto da militanti del Daesh. Durante l'attacco, i terroristi hanno lanciato due missili armati con le sostanze tossiche dal [l'insediamento di] Kasbah al-Bashir". lo ha dichiarato Ali Huseini all'emittente televisiva al Sumaria. Huseini ha aggiunto che le autorità irachene dovrebbero adottare le misure necessarie a fornire la regione con la sicurezza necessaria, e liberare la regione controllato dallo Stato Islamico: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260311/daesh-attacco-taza-iraq-armi-chimiche.html#ixzz42gKhMb5f
die SAUDI ARABIA

L'Unione Europea ha deciso di prorogare le sanzioni contro i cittadini russi. i tecnocrati massoni farisei USA Bildenberg regime: SpA Banche CENTRALI, dichiarano che, la sovranità non appartiene più al popolo, e che, anzi loro devono essere felici quando la CIA fa un golpe cecchini a Maidan Kiev: per insediare la NATO! ] I NUOVI VALORI DI SATANA PEDOFILIA POLIGAMIA GENDER GAY LOBBY, E TUTTE LE PERVERSIONI SESSUALI DI MAOMETTO: UN SOLO HAREM [  12.03.2016. La lista degli individui colpiti dalle sanzioni è stata ridotta di tre persone poiché decedute. La proroga delle sanzioni entrerà in vigore il 13 marzo. La decisione dell'UE di prorogare fino al 15 settembre le sanzioni individuali contro le persone fisiche e giuridiche della Federazione Russa e dell'Ucraina, considerate da Bruxelles responsabili di «minare l'integrità territoriale» ucraina, è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea. Formalmente la proroga delle sanzioni contro 146 cittadini e 37 persone giuridiche è stata fissata con la decisione del Consiglio dell'Unione Europea del 10 marzo, ed è stata approvata senza sottoporla ai ministri dell'Interno e ai ministri della Giustizia degli stati membri dell'UE. «La decisione entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale» specifica la pubblicazione. Dalla lista degli individui colpiti dalle sanzioni sono state rimosse tre persone che non sono più in vita. Come conferma la pubblicazione, si tratta dell'ex capo del GRU Igor Sergun, di un membro della Camera Civica della Crimea Yury Zherebtsov e il comandante del reggimento cosacco della auto proclamata Repubblica Popolare di Luhansk Pavel Dremov. Secondo fonti Pavel Dremov è morto il 11 dicembre 2015 quando la sua auto è stata fatta saltare in aria mentre era in viaggio il giorno dopo il suo matrimonio.  Inoltre, l'UE ha apportato cambiamenti nella lista riguardanti 46 persone fisiche e 11 giuridiche: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2260002/ue-sanzioni-persone.html#ixzz42gIGFyfV
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  nella LEGA ARABA? Questo omicidio non sarebbe mai potuto succedere!  [ adesione della Chiesa cattolica, associazioni e dirigenti politici. Un vero e proprio successo per l'hashtag #NiUnaMenos che è riuscito a coinvolgere anche associazioni cilene e uruguaiane. #‎ViajoSola‬, diventa virale il caso delle argentine uccise in viaggio da sole. La barbara fine di Marina Menegazzo e Maria Jose' Coni porta allo scoperto i rischi che corrono le giovani turiste nel Paese
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  Lega Araba, #Hezbollah gruppo terroristico [ non c'è dubbio che Hezbollah, sia un gruppo terroristico, inftti tutta la #LEGA #ARABA #sharia è un solo terrorismo islamico nazista omicidio a tutti!
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ]  tutti sono consapevoli circa il mio ministero politico universale, io non riesco ad odiare, anzi: io omo tutti come amo me stesso, perché, noi siamo un solo organismo vivente, dove JHWH è la fonte della vita! TUTTI QUELLI CHE VERRANNO DA ME SARANNO PERDONATI, RISTORATI E RIGENERATI! Dio ha detto: "soltanto Satana è il colpevole" ECCO PERCHÉ, IO HO DECISO DI FARE DEL MALE SOLTANTO A SATANA!  ===== [ my holy JHWH ] [ sai cosa mi hanno detto in molti? "dimostra di essere Unius REI, salva il mondo, da solo!" Così, io devo fare tutto il lavoro, e loro non vogliono muovere un dito, nessuno si vuole compromettere: "ti prego uccidili!"
die SAUDI ARABIA

from Mahdì lorenzoAllah ] io posso dirigere i lavori del Concilio islamico: perché io come: Unius REi? io appartengo ad ogni religione!  [ è necessario considerare come l'ISLAM sharia Coranico sia un nazismo incompatibile con la sopravvivenza del genere umano! ED È INQUIETANTE CONSIDERARE, COME, NEANCHE I MUSULMANI LAICI OCCIDENTALI, METTANO SOTTO CONDANNA LA LEGGE DELLA SHARIA, E QUESTO È INDICATORE DI: UN COMPLOTTO ISLAMICO, o di una infestazione demoniaca ( ipocrisia menzogna e dissimulazione di tutti i musulmani del mondo! ) contro il pluralismo, la libertà e la identità dei popoli! Quando i farisei anglo-americani avranno fatto sterminare dagli islamici, tutti i cristiani del mondo, poi, metteranno sotto inchiesta l'ISLAM a livello mondiale per sterminare tutti i musulmani, anche. Ecco perché, il mio ministero politico universale si chiama anche lorenzoALLAH perché, io come Mahdì, io posso rinnovare e riformare l'ISLAM in chiave laica! Affinché, l'ISLAM sia ridimensionato come una qualsiasi positiva religione monoteista, e non abbia più una incidenza criminale, nella vita dei popoli, attraverso il delitto della sharia che è il delitto violazione e soppressione di ogni diritto umano. it is essential to do a council Islamic! è indispensabile fare un concilio islamico! I can direct the work of the Islamic Council, because, I like: unius REI? I am of every religion!

NEL CASO IN CUI, QUALCUNO SI SIA PERSO QUALCHE COMMENTO PRECEDENTE? tutti i satana già lo sanno, IO SONO IL RE DI ISRAELE! ] [ #SALMAN #ROTHSCHILD, #BUSH #ERDOGAN, #OBAMA #MERKEL #GENDER #ANALE #SODOMA, all #HORROR #FAMILY, all #PERVERSIONI #SESSUALI, #PEDOFILIA #POLIGAMIA ] quindi, io mi devo mettere in un bombardiere, andare sulla LEGA ARABA e sparare ad una persona, che, io non conosco, e che lui non mi ha fatto niente, e magari lui è un santo musulmano, compassionevole e pacifista, SOLTANTO PERCHÉ LA VOSTRA SCIENZA DI SATANA HA DETTO DI FARE COSÌ? perché non vi sparate tra di voi, li nella piramide occhio di lucifero?
die SAUDI ARABIA

un soldato francese in Crimea (1855 dC ): "quando un russo viene contro di te con la baionetta, io ti consiglio di cambiare strada!" Nikita Mikhalkov: a difesa della Russia e dei russi. PandoraTV 4.829 Pubblicato il 13 gen 2016. La puntata numero 38 di Bessagon tv, la trasmissione di Nikita Mikhalkov in onda su Rossiya24, è stata respinta dal canale di stato russo, censurata. Si parlava della vicenda di un noto giornalista russo che aveva usato toni pesantemente offensivi nei confronti della Russia stessa e dei russi. Pandora Tv propone, tradotta in italiano, la trasmissione respinta da Rossiya24 e diffusa tramite You Tube da Mikhalkov e il suo staff. Traduzione: Matteo Peggio, Edizione e Voice Over: Adalberto Gianuario https://youtu.be/fspwXt1JCC8
die SAUDI ARABIA

LA SCRISTIANIZZAZIONE DI ASIA AFRICA E MEDIO ORIENTE: è UN COMPLOTTO SAUDITA SALAFITA, FARISEI SPA FED Talmud USA! ] VOI SIETE SOLTANTO UN CONTENITORE PIENO DI DEMONI E SPIRITI MALIGNI! [ Christian migrants find discrimination follows them to Europe ] e se i miracoli che sono scritti nella Bibbia SONO VERI? IO HO GIURATO DI FARVI DEL MALE! IO FARò DI VOI IN ETERNO LO SPETTACOLO DELLA VERGOGNA! Published: Feb. 17, 2016. The camp in Grande-Synthe, northern France, hosts around 2,500 to 3,000 migrants. World Watch Monitor. Christians among the thousands of Middle Eastern migrants who have fled to Europe have discovered that a familiar burden has followed them: religious harassment. Some Christian migrants have been subjected to discrimination, harassment and violence from Muslim migrants with extremist views. One Iranian convert to Christianity was murdered. The phenomenon has been observed in various locations across Europe, including in the camp of Grande-Synthe in northern France, where Iranian converts have been targeted by migrants from Iraq. The situation has raised great concerns among local churches, which are now supporting migrants by supplying them with food, clothing, and, in some cases, even shelter. It all started at the turn of the year, recalls Philippe Dugard, the Pastor of Église Evangélique du Littoral, or EEDL, a church in the neighbouring town of Saint-Pol-sur-Mer, which has spearheaded the relief effort in Grande-Synthe. “Between November and December, there was a group of Iranians who confessed their belonging to Christ, who started to attend our church. Some were Orthodox, while others said they were Christians but were not truly converted. But we got to know them, and we felt they had a real spiritual thirst,” he said. “And then one evening [14 December], we were informed that two of them were stabbed and the whereabouts of a third one was unknown. “We then said that as Christians we cannot leave them alone in that situation, and the victims themselves told us that they no longer wanted to stay in the camp, as they felt threatened.”
The incident marked the beginning of EEDL’s support for migrant victims of persecution.
For the next few days, the victims were put up in hotels, before they were moved to a church in Dunkirk, the closest city to the camp.
Just one of the victims from the initial group remains, a 29-year-old who wished to remain anonymous. “Generally the Kurdish mafia in the camp are against Christians,” he said. “When we gave our money to them for them to help us to go to England, they didn’t help us and they just stole our money and did not give it back. Then they attacked us and called us kafir [infidels] and dirty. They came and cut me with a knife and they beat my friends.” He said there are still some Christians in the camp, but that many are too scared to speak about their faith. “Yes, there are still some Christians there in the camp,” he said, “But they don’t prefer to stay there beside these strong Muslims. They are so racist, they just want to clear the camp to be without Christians.” He added that a mosque has been created in the camp, and that the Call to Prayer resounds around the camp every day, but unlike the nearby Calais camp, there is no church. An explosive cocktail
 Located in the northwest of France, beside the English Channel, the camp of Grande-Synthe hosts around 2,500 to 3,000 migrants – mostly Kurds from Iraq and Syria, but also some Iranians.
Tensions and other forms of violence are common in the camp, said a social worker, who wished to remain anonymous for fear that the report could impact upon his work with the Christians. Ethnic differences have created tension in the camp between the Iraqis and Iranians, of whom there are only around 50. The thousands of Iraqi Kurds are mostly Muslim, while some of the Iranian minority are Christians. Some of them attend local churches secretly, because they are scared of the Muslim migrants and smugglers, who hold sway within the camp. Night raids, theft and violence are among the common threats.
On the night of 14 December, a knife attack left several Christians injured. One of them, a 19-year-old named Mohammad, was murdered. The local police were informed and an investigation is underway. Police did not respond to World Watch Monitor requests for information about the investigation. A staff member at the Mayor’s office in Grande-Synthe said there is no security problem in the camp, which she said is open to external visitors. However, police now patrol the entrance. On 26 January, a shooting between rival gangs of smugglers erupted, prompting a huge police deployment around the camp. Security checks are now carried out at the entrance of the camp, and visitors must acquire prior authorisation from the Mayor’s office. There are some who fear members of the so-called Islamic State may be among the migrants, intent on radicalising other migrants and imposing Sharia inside the camp. A settled tension
Local churches are providing food, clothing and, in some cases, shelter for migrants.
LEGGI TUTTO: https://www.worldwatchmonitor.org/2016/02/4305685/
====================
SANTO PROPOSITO: molto bene! subito SOVRANITà MONETARIA! allora, voi non pagate più ad interesse il denaro a Rothschild, smettete di sputare nella Massoneria contro la Costituzione, e di raccogliere il 70% delle nostre tasse per Rothschild il FARISEO SATANISTA! ] [ Renzi a Parigi, cultura contro terrorismo, 'Non possiamo limitarci solo alla sicurezza'
============
Usa: omaggio Obama a Nancy Reagan! il NOSTRO CREATORE JHWH HOLY PERDONI I SUOI PECCATI LA ACCOLGA NEL SUO REGNO DI GIOIA E AMORE A TUTTI! ] [ Poi Obama ha riconosciuto che Nancy Reagan "ha ridefinito il ruolo della First lady degli Stati Uniti", aggiungendo al ruolo di "consigliera fidata" del marito e di "elegante padrona di casa della nostra nazione" quello di "appassionata sostenitrice" di molte cause sociali e sanitarie: dalla lotta contro droga e alcol al supporto dei veterani, dalla promozione della mammografia dopo la sua battaglia contro il cancro al seno a quella della ricerca su cellule staminali e Alzheimer. Infine ha rievocato la sua professione di attrice e, fuori degli schermi, il ruolo avuto nella "vera storia d'amore hollywoodiana" con il marito.
================
QUESTA è UNA DECISIONE SOVRANA del POPOLO nel DONBASS, la Russia non è parte in causa, più di me! ma, per parte del mio Ufficio: io pretendo che Kiev: rimuova tutte le MINE MOGHERINI ONU MERKEL PRAVY SECTOR BILDENBEG: tutte mine: anti-carro, anti-uomo, e anti-bambino! 2. riconosca la secessione della CRIMEA! Kiev vuole sostituire i leader delle zone incontrollate del Donbass. 12.03.2016(Il leader del movimento «Scelta ucraina», Victor Medvedchuk, ha proposto un piano per la creazione nel Donbass delle amministrazioni guidate da persone che soddisfino Kiev e Mosca. Sabato il settimanale ucraino ZN.UA ha scritto che il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha espresso interesse per il piano del leader del movimento civico «Scelta ucraina» Victor Medvedchuk, il quale ha proposto la creazione nelle regioni di Donetsk e Luhansk (non controllate Kiev) amministrazioni, guidate da persone che soddisfino Kiev e Mosca: http://it.sputniknews.com/mondo/20160312/2261438/kiev-amministrazioni-donbass.html#ixzz42hJfAjvl
==============
12.03.2016) Il 12 marzo viene celebrata la Giornata mondiale contro la cyber-censura. ( ok! ALLORA, VOI DOVETE CELEBRARE ME: Unius REI, perché, IO SONO IL PIù CENSURATO AL MONDO! i FARISEI, MENTRE pensavano di far uccidere ISRAELE, adesso stanno cambiando idea, e pensano che è meglio fare uccidere la ARABIA SAUDITA, infatti io sono il Re di ISRAELE, che, loro non sono riusciti a sconfiggere! ] [ Internet è uno strumento fondamentale per la libertà di espressione e ha cambiato tutto anche nel giornalismo. Nell'era dei social network nasce infatti uno spazio per il dibattito e il confronto fra i lettori e il giornalista. Informarsi in rete diventa un processo sempre più attivo, il controllo delle fonti e le informazioni è "responsabilità" del lettore e non più dei giornali come una volta. Con i social è cambiato l'approccio stesso all'informazione: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160312/2262313/giornalismo-web-liberta-espressione-social-network.html#ixzz42hLzwUcV
==========
tutti i delitti nazisti golpisti di CIA NATO, di: MERKEL e MOGHERINI: i lecchini di Massoni D'Alema, Rothschild Bildenberg: tutti i satana del FED NWO l'Anticristo! CRIMEA, LA STRADA VERSO CASA [1° parte] PandoraTV, Pubblicato il 11 mar 2016 [ questa è la verità!!! non quello che dicono in tv media venduti, burattini manovrati dagli usa. indignazione totale per l'europa. grande presidente putin premio nobel per tutto quello che sta facendo. ] Pandora tv propone in versione italiana un documentario che nessuna tv italiana manderà mai in onda: "Crimea, la strada verso casa" racconta, con dovizia di immagini, documenti e testimonianze dirette, come si svolsero i fatti che, subito dopo il colpo di stato di Maidan, portarono al ritorno della Crimea nei confini della Federazione Russa. https://youtu.be/vAz65bMa66Y
=============
come ERDOGAN sharia salafita, deve aiutare ISIS sharia salafita? come ERDOGAN può violare impunemente la tregua? come ERDOGAN può dimostrare: la necessità di questa sua personale guerra genocidio guerra, contro i curdi irachemi e siriani? ANKARA, (TURCHIA), 12 MAR - Raid aerei dell'aviazione turca oltre, il confine sul nord dell'Iraq hanno ucciso almeno 67 militanti del Pkk. Lo riferisce oggi l'Anadolu precisando che gli attacchi sono avvenuti il 9 marzo. Secondo l'agenzia 14 F-16 e F-4 hanno anche distrutto depositi di munizioni, bunkers e nascondigli del Partito dei lavoratori del Kurdistan Pkk in cinque aeree del nord Iraq.

a Salman dell'Arabia Saudita ] come puoi dire il sono la vera religione (e questo andrebbe dimostrato attraverso, amore, bontà, la giustizia di non fare violenza a persone pacifiche ed oneste, e di rispettare libertà di religione e di coscienza), per affermare proprio tu, invece, che il tuo Allah è il demonio! tu dici: " quindi io sono anche la teologia della sostituzione, ed io ho il diritto con varie tecniche subdole, di fare il genocidio di tutte le altre religioni, perché, con il nazismo della sharia, io vi devo tutti soffocare ed uccidere.. e questo io lo posso fare perché i froci, scimmie evolute, di OBAMA GENDER, i sacerdoti di satana 322 Bush kerry: SpA Fmi NWO, 666 Rothschild il talmud, tutto loro me lo hanno permesso!

a Salman dell'Arabia Saudita ] non posso dire ai rotti di culo, club Obama GENDER, ai sacerdoti di satana 666 Rothschild Talmud, Bush 322 NWO, Califfato sharia, Corano di merda apostasia blasfemia, teologia sostituzione genocidio ideologico e pratico, OIC: sistema massonico Bildenderg SpA, tutte le religioni ipocrite del mondo (proprio tutte), egoisti, lussuriosi, corrotti, pervertiti, ipocriti, cinici, comunisti, farisei, massoni, salafiti, evoluzionisti, relativisti, femministe, materialisti, parassiti, ribelli e negatori dei valori naturali e fondamentali, ecc.. : "voi votatemi, perché io sono la democrazia!". NO! non funziona in questo modo: io dirò a tutti coloro che hanno tradito il regno di Dio JHWH: "voi non mi dovete desiderare, perché io vi voglio vedere morire, anzi, sarò proprio io ad uccidervi!" ed ecco perché, io non ho nessun rispetto delle persone di questo pianeta che fanno i leader in modo abusivo (calpestando la legge naturale e la legge universale dell'Universo), ed io non ho attenzioni per compiacere queste merde criminali di persone, che, sono piene di demoni. Ecco perché, io sono sincero, quindi questo è il mio potere politico, che è uno standard universale, con il quale, io ho sempre vinto ogni tipo di scontro il youtube e nel mondo: in questi 7 anni, dove io ho dimostrato di essere invincibile, perché, io possiedo una logica razionale ed una coerenza intima, che non esiste confronto su questo pianeta, quindi, proprio tutto quello che io penso, anche, proprio è tutto quello che io dico (ormai l'ultima risorsa politica prima della guerra mondiale nucleare dove vi vedrò morire tutti, o quasi). Quindi, questo è il mio potere politico universale: 1. la lealtà, 2. la verità, 3. la giustizia, 4. la imparzialità, 5. la uguaglianza, 6. la fratellanza universale.. POI, CIRCA LA MIA MILLANTATA E PRESUNTA ESPERIENZA DI FEDE, LA MIA SUBLIME TEOLOGIA, ECC.. CHI PUò DIMOSTRARE QUESTE COSE, SE, PRIMA NON HO POTUTO FARE DI TUTTI VOI UNA SOLA MARMELLATA DI SANGUE?
============
è INUTILE continuare a FAR FINTA DI ESSERE STUPIDI ] la Lega ARABA sta attaccando l'Occidente ed il mondo intero, con la sua maledetta e corrotta religione, con il suo nazismo sharia, e con i suoi servizi segreti, ONU OCI, Ummah MECCA; il Nazismo sharia. ORMAI LA GUERRA MONDIALE CONTRO nazismo sharia LEGA ARABA è UN ATTO INEVITABILE! ] Siria: Ong, 5mila uccisi in Ramadan [ Spari basi Tennessee, uccisi 4 marines. Morto anche aggressore, 24/enne americano originario del Kuwait. Una combo con Mohammod Youssuf Abdulazeez e i fiori sul luogo della strage. WASHINGTON, 17 luglio 2015. Quattro marines uccisi in due basi militari, una poco distante dall'altra, a Chattanooga in Tennessee. L'autore e' un cittadino americano, originario del Kuwait, Mohammed Youssef Abdulazeez, 24 anni, morto a sua volta. Il presidente americano Barack Obama, nel presentare le condoglianze alle vittime delle famiglie, assicura un''indagine a tutto campo, bla bla bla..'' per capire cosa sia accaduto. E informa che il Pentagono e' al lavoro per assicurarsi che tutte le basi siano ''allerta e vigili'' mentre si cerca di far luce sui particolari dell'incidente. A guidare le indagini e' l'Fbi, affiancata dalle autorita' locali. A caldo il procuratore Bill Killian ha definito l'incidente un atto di ''terrorismo domestico''. [Tennessee, killer andò in Giordania] Io credo che il Califfo OBAMA debba essere fucilato per alto tradimento!
==================
a Salman dell'Arabia Saudita ] circa la mia millantata posizione sul Trono di Dio JHWH, questo è qualcosa che nessun uomo sano di mente dovrebbe mai poter credere, e che anche io, non dovrei mai osare di credere: "LA INFINITA UMILTà DI DIO HOLY JHWHW" che lui ha reso possibile, una cosa del genere così vertiginosa, soltanto perché, io non mi ritengo migliore di nessuno, soprattutto non mi ritengo migliore di un pigmeo.. e che cosa straordinaria io non do nessun orgoglio: o vanto, e non pretendo privilegi, a questo essere Unius REI, come, può essere il bere un solo bicchiere di acqua quando si ha sete, cioè, io valuto non un onore, ma soltanto come una responsabilità, questo grande potere che Dio mi ha dato nel Regno di Dio. Così, un bambino di 9 anni, nella sua semplicità, può dimostrare di avere ragione contro di me, ed io sarei felice di ubbidire a lui! Quindi, io non sono un profeta, che sarebbe incompatibile con la funzione politica.. io ho i poteri sovrani legislativi così come in Cielo, nel Regno di Dio, così come, anche in Terra. Quello che io decido di fare? Dio lo accredita, se, non esiste ancora lo crea per me, e il mio Regno Celeste lo realizzerà, perché non c'è ombra di razzismo, faziosità, o qualche forma di predominio ideologico o religioso, nella mia dottrina metafisica. Certo non avrei difeso il cristianesimo se non erano gli assassini che lo stavano attaccando! Infatti, è molto umiliante per il tuo Dio demonio Allah, pensare che lui è così frocio impotente, da avere bisogno di essere difeso dalla tua scimitarra! Questa è la verità: tu non hai nessuna fede in Dio, infatti tu sei soltanto, un assassino seriale che vuole conquistare il mondo!
  ==================
a Salman dell'Arabia Saudita ] ma, voi siete troppo criminali e TROPPO satanisti per poter capire ME, e cosa più difficile, PUR CAPENDO ME, COME poter prendere decisioni adeguatamente politiche? ... ma, che fretta c'è? all'inferno voi sbattere in una disperazione, quasi infinita, che, è un dolore che oggi vi potrebbe uccidere 1000 volte in un solo minuto! IO SONO QUALCOSA CHE VOI NON POTETE AFFRONTARE! infatti, IO SONO L'AMORE, il vostro nemico!

=====================
Merkel troika e Regina Elisabetta GB: usurai strozzini, ma voi a quale culto di: satana microchip, Bohemian Grove gufo Baal voi ci state portando? ] [ le bestie di satana: 1. satanisti farisei massoni SpA Fmi, e: 2. satanisti islamici LEGA ARABA: sharia califfato, loro faranno è vero tra di loro "mezzo giorno di fuoco", ma, prima sono alleati tra di loro per complottare contro Europa e contro Israele, e per soffocare tutto il genere umano: facendoci uccidere tra di noi e mettendoci l'uno contro l'altro! se, voi non volete vedere inghilterra e germania trasformate in un cimitero radioattivo, Roma trasformata in un califfato, Gerusalemme trasformata in califfato, ecc.. noi dobbiamo unirci subito a CINA e Russia, e dobbiamo, spezzare la NATO. NOI dobbiamo costringere il Talmud 322 USA, e il Corano Saudita Allah demonio genocidio akbar, a fare tra di loro, questo mezzo giorno di fuoco, prima che ci abbiano fatto distruggere tra di noi! Infatti, il nostro destino di sopravvivenza e lo steso destino di CINA e Russia.. Voglio da voi subito atti politici concreti in questa direzione!
=======================
TALMUD 666 CORANO ]] i vostri libri di teologia sono la merda di Satana [[ BRUCIATE TUTTO! ]] Dio è infinita umiltà, e lui non pretende di essere Dio, di comandare su tutto e tutti.. perché l'amore si fa uguaglianza, si fa paritario con le sue creature! Se, il Padrone si innamorasse della sua operaia, poi, costei diventando sua moglie, non diventerebbe a sua volta, la sua Padrona e la Sua signora, ugualmente? Così, l'amore in Dio non prevede gerarchie forzose, perché l'amore suo è perfetto! e quindi,Dio JHWH, lui non pretende od impone alle sue santificate creature, un obbligo di culto di lode e di adorazione! NON ESISTE UNA COSTRIZIONE IN PARADISO! SOLTANTO CHE: il livello di verità, giustizia e amore che Dio può fare è un livello infinito: oggettivamente lui è il migliore. non riuscirai mai a vincere la sua umiltà, o a vincere la sua tenerezza, e le sue premure per te: sono infinite anche oggi. quindi anche se Lucifero non capiva (perché Dio ha condiviso la natura divina con i cristiani: effusionati, nati di nuovo, ma, non con gli angeli), lui non avrebbe dovuto mettere in dubbio la santità di Dio, quindi anche noi in Adamo ed Eva abbiamo messo in dubbio la santità di Dio, rompendo il sacramento di amore che ci legava a lui, quindi abbiamo fatto la esperienza del peccato, morte, ecc. CHE SE CI PENSATE è SOLTANTO UNA CONDIZIONE DI SEPARAZIONE DA DIO. quindi quando ritorniamo in Paradiso in uno stato di Grazia E DI COMUNIONE, anche maggiore del Paradiso Terrestre e poi vediamo: Obama E GENDER, di urlare all'inferno? poi, il minimo che noi possiamo fare è amare e lodare Dio che è una cosa che è una gioia giubilo, di spontanea necessità perché altrimenti l'amore che Dio ci ha dato, che è un amore infinito, se non esce fuori da noi ci farebbe scoppiare! INFATTI ANCHE LA FELICITà PUò UCCIDERE!

TALMUD 666 CORANO ]] MA voi siete razzisti, criminali, assassini seriali, ladri, bugiardi, usurai, ipocriti, però la vostra religione di satana vi ha detto che, voi andrete in Paradiso.. OK, allora, noi MANDIAMO I SANTI INNOCENTI MARTIRI CRISTIANI ALL'INFERNO AL POSTO VOSTRO ALLORA!

Benjamin Netanyahu ] di che cosa tu ti meravigli? [ non è la prima volta che io vedo quì nel Governo Massonico mondiale di youtube, i sacerdoti di satana e i farisei, soccorrere e consolare gli islamici sharia.. ]  è UNA SCENA RIVOLTANTE! Qui in: https://www.youtube.com/user/youtube/discussion c'è stato un islamico "Abu Antar" agente segreto di Siria e Iran (187AudioHostem lo ha detto), che lui faceva l'amico con i sacerdoti di satana i cannibali della CIA, ma, ovviamente lui non faceva l'amico con me! Eppure dopo anni che lui si spacciava per cristiano? io lo smascherai.. lui era un musulmano!

#youtube SpA 666 ] [ io non so adesso il mio grande maestro yitzhak kaduri cioè come lui potrebbe prenderla! ] [ Questo account è stato sospeso a causa di molteplici o gravi violazioni delle norme di YouTube riguardanti spam, gioco d'azzardo, contenuti ambigui o di altre violazioni dei Termini di servizio. ] youtube allert YOUTUBE WARNING [ ma, non avevi deciso di salvarmi i commenti? https://www.youtube.com/user/yitzhak1kaduri
yitzhak kaduri 3 giorni fa

ERDOGAN HA GIURATO DI FORMARE UN ESERCITO DI VENTI MILIONI DI SOLDATI (perché a suo dire, altre 8 nazioni appartengono alla Turchia), Tutti i Greci e tutti gli Israeliani moriranno per voi contro questo esercito di islamici [[ Grecia: misure austerity in Parlamento. Manovra da oltre 3 miliardi tra tasse e tagli di spesa ]] NON SIATE AVARI E PAGATE BENE LA VOSTRA CARNE DA CANNONE, QUELLA CARNE DA MACELLO CHE I FARISEI ANGLO AMERICANI, HANNO PREPARATO PER FORTIFICARE IL NWO FMI SPA, COME CONQUISTA GLOBALE! perché è SATANA IL VERO DIO DEL TALMUD.
==================
I sauditi hanno riesumato l'ISLAM medioevale dei salafiti, quindi, hanno trasformato l'ISLAM, in una questione di vita o di morte, per tutto il genere umano! ora, noi siamo costretti ad uccidere gli islamici ad uno ad uno. e quello che io dico (il futuro) è già stato scritto nei libri di storia dei vostri figli (il passato)! Quando un islamico non si vede uccidere? è proprio lui il primo a sentirsi meravigliato! Così ha fatto l'ITALIA, ha preso un reclutatore dello ISIS sharia, ed invece di ucciderlo, lo ha estradato! Sono i sauditi i veri responsabili della galassia jihadista nel mondo, mentre gli USA dei satanisti massoni, sono stati i suoi complici facilitatori.. la attuale agenda dei farisei anglo americani è quella di uccidere la civiltà cristiana, ecco perché, Russia, Israele e Europa sono state condannate alla disintegrazione!

======================
la storia del mio Maestro il Rabbino yitzhak kaduri è una storia più importante della mia ] Prima di morire, Kaduri aveva asserito che si aspettava che il "Mashiach", il messia ebreo, dovesse arrivare presto e che l'aveva incontrato un anno prima. : “Egli solleverà il popolo e dimostrerà che la sua parola e la sua legge sono valide.” Nel testo originale in ebraico le prime lettere  delle parole che compongono questa frase formano il nome Yehoshua. Ovvero, Gesù. [ lui fece pubblicare dal suo "discepolo notaio" un anno dopo la sua morte, che il Messia vero degli ebrei era Gesù! Ovviamente, il suo obiettivo era quello di scendere all'Inferno, per prendere a calci nelle palle tutti gli scribi e i farisei, i morti e gli stramorti di Rothschild e di tutti gli Illuminati, quindi con un bastone li ha picchiati tutti senza pietà! Perché loro hanno ingannato, rovinato il popolo degli ebrei: distrutto le benedizioni di Mosé e Abramo! e mentre tutte le anime maledette, ridevano sghignazzavano e si rallegravano per essere riuscite a ingannarlo e rovinarlo, precipitato all'inferno anche lui.. poi, come il notaio discepolo ha letto la sua dichiarazione, Gesù di Betlemme è sceso all'inferno e se lo è portato in Paradiso.. a quella scena, tutti i demoni e tutti i farisei Illuminati salafiti massoni, hanno incominciato ad urlare così forte che le fiamme sono arrivate a livello del calore sole
====================
Yitzhak Kaduri predisse la guerra in Afganistan e lo tsunami, ADESSO TUTTI SI ATTENDONO CON CERTEZZA IL COMPIMENTO DI QUEST'ULTIMA SUA PROFEZIA!  Ecco infatti la descrizione spirituale del Messia, pubblicata dal nipote Yosef, anch’egli rabbino. "È difficile, per molte Nazioni, accettare la leadership di un Messia in carne ed ossa. Come capo, Egli non avrà alcun incarico, ma sarà tra la gente e parlerà tramite i media. Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. Crederemo tutti in Lui? No, all’inizio alcuni lo faranno ed altri no. Sarà più facile seguire il Messia per i non credenti che per gli ortodossi. La sua rivelazione avverrà in due fasi: prima, confermerà la sua posizione senza sapere lui stesso che è il Messia. Poi si rivelerà ad alcuni Ebrei, non necessariamente ai saggi esperti di Torah. Magari saranno persone comuni. Solo allora si paleserà all’intera nazione. La gente si stupirà e si chiederà:”Cosa, è lui il Messia?”. Molti ne hanno conosciuto il nome, ma non gli hanno creduto". LOL. QUESTI RABBINI SONO SORPRENDENTI, ma nessuno si aspetta da loro una perfezione interpretativa al 100%.

=========================
Benjamin Netanyahu ] questo è vero, quì i sacerdoti di satana lo possono testimoniare, quando con il mio primo canale, lorenzoJHWH 30 mar 2008, io mi sono proclamato il Re degli ebrei, è vero che, io non pensavo di essere il Messia degli ebrei.. e la coscienza di essere anche Unius REi il Governatore Procuratore del Genere Umano, su tutte la Nazioni del mondo, questo è avvenuto in seguito. Questo deve essere detto, senza l'aiuto dei satanisti? io non avrei capito molto: della mia identità, era la mia immagine così come rimbalzava e si rifletteva attraverso il loro terrore, che, mi ha fatto capire la universalità e la potenza di questo ministero politico metafisico. Poi è proprio vero che io sono sempre stato proprio così: "Il suo regno sarà puro e privo di interessi personali o politici. Durante il suo dominio, regneranno solo la giustizia e la verità. "
====================
Rothschild scimmia di satana ] quale è il tuo problema? con i soldi che io deciderò di lasciarti tu farai diventare metà della Arabia Saudita come il giardino del Signore!

=======================
Benjamin Netanyahu ]  Bari (26 febbraio 1984) [ quando il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri mi ha potuto vedere? alla televisione ovviamente, io era l'Accolito e chierico che manteneva il bastone PASTORALE, nella principale celebrazione liturgica di Piazza Ferrarese, quel bastone, che poi, diventerà anche il bastone pastorale di Benedetto XVI, ovviamente nel 1984 io avevo 24 anni, e mai è poi mai io avrei potuto pensare che non sarei più diventato un presbitero, e che sarei diventato il messia degli ebrei: lorenzoJHWH, e il Mahdì lorenzoAllah di tutti i musulmani! ma, lui il nostro compianto maestro Yitzhak Kaduri? LUI GIà SAPEVA TUTTO! due sono le ipotesi: 1. la più probabile è che lo Spirito Santo ha parlato al suo spirito; 2. è evidente lui è riuscito a decompilare il codice "W", cioè, quello che lo scienziato Newton non era riuscito a fare, se non in modo parziale!
==========================
Benjamin Netanyahu ]  non è che io mi sento migliore o più intelligente di qualcuno: NO! io credo di essere inadeguato, rispetto a tutti, in questo mondo! ED io ho bisogno del parere di tutti, perché non mi posso assumere la responsabilità di un giudizio errato! MA QUESTO è quello che PIù FORTE DI ME, la mia caratteristica principale! Se, io vedo qualcuno, ipocrita o bugiardo, che, lui vuole fare il furbo per derubare, o per danneggiare qualcun'altro? IO DIVENTO VIOLENTO COME UNA BESTIA! perché l'unica categoria che io conosco sono quella di uomini donne (tutti con uguali diritti ed uguali doveri in tutto il mondo), e le persone che hanno dei gravi problemi di salute e si chiamano: GENDER
=================
Benjamin Netanyahu ] SE, tutto il sistema massonico occidentale, alto tradimento signoraggio bancario, SpA Rothschild FMI, FED, ecc.. Banche Centrali, non era fondato, sui sacerdoti di satana della CIA, che fanno 200000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno, poi, non sarebbe mai esistito nessun Messia: Mahdì, lorenzoJHWH, lorenzoAllah, ed Unius REI. ] [ perché non avrei mai potuto esistere come Unius REI senza i sacerdoti di satana? io ho scritto per mesi, Dombass, invece di scrivere Donbass, e su quanti ministri di Dio falliti ipocriti, codardi, esistono in tutto il mondo: delle religioni del cazzo JabullOn inciucio massonico il modernismo.. ecc.. bene, nessuno di loro è venuto a correggere il mio errore, tranne che un sacerdote di satana che è venuto ad insultarmi per questo motivo!
=========================
POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO! ] [ è giusto finanziare i partiti ed obbligarli ad aprire, sedi territoriali di rappresentanza politica, in ogni Comune di Italia.. Anche la democrazia ha il suo prezzo! Quei poveretti di FdI sono dei pezzenti e miserabili morti di fame, che non riescono a fare a Bari neanche una sede regionale! POI, LO STATUTO SE LO METTONO NEL CULO!
"Abracadabra! ECCOVI LA NORMA AMMAZZA BLOG ] tra un poco faranno la norma ammazza massoni Illuminati [ QUESTI FARISEI MASSONI BILDENBERG ADESSO HANNO INCOMINCIATO A ROMPERE I COGLIONI! [ Sono ora in Commissione a lavorare sulla proposta di legge del Pd che ha il fine di sbloccare velocemente i finanziamenti pubblici ai soliti partiti sanguisuga (pdl Boccadutri). Non noi ovviamente che li abbiamo rifiutati tutti. Guardate un po' cosa scopro: un bell'emendamento che vieta la pubblicità nei blog riconducibili ai movimenti politici. Vogliono farci fuori!
VIDEO Che fastidio che dà l’informazione quando è libera La norma #AmmazzaBlog beppegrillo.it Significa che stiamo andando alla grande e che Pd & Co. temono ogni giorno di più una nostra vittoria alle prossime elezioni. Inutile il dire che non gli conviene approvarla. Non farebbero che accelerare la nostra vittoria." 16 Lug 2015, 16:25 http://www.beppegrillo.it/2015/07/la_norma_ammazzablog.html

========================
Benjamin Netanyahu ]  questi assassini seriali, commercianti di schiavi goyim, usurai rothschild, satanisti cannibali della CIA, NATO, agenda: guerra mondiale, farisei talmud culto Illuminati, parassiti, alto tradimento massonico, hanno cambiato il termine: "Troika", in termine: "Creditori", ma, tutti diranno il termine: "RODITORI" [ PAX ] TUTTI COSTORO? FARANNO DISINTEGRARE ISRAELE, SE ARABIA SAUDITA NON TI DA LA TERRA CHE IO HO CHIESTO IN 15 GIORNI, TU DISINTEGRALI!






http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=49034


Quali valori - Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

I sondaggi, lo sappiamo, non valgono granché per prevedere il risultato delle elezioni: l'abbiamo visto durante le ultime consultazioni sia in Italia che in Israele. Gli intervistati di solito non sono del tutto sinceri quando si tratta di parlare delle loro scelte, magari si vergognano o hanno paura di fare brutta figura o peggio. O magari cambiano idea all'ultimo minuto. Ma come strumento per capire gli orientamenti più rilevanti dell'opinione pubblica, cioè su questioni di valori e non di persone o di partito, di solito dicono di più, anche se naturalmente i risultati sono influenzati dalla formulazione delle domande.
Dove certamente sono utili per fare confronti: le stesse domande sono fatte a distanza di tempo o di spazio, e i risultati mostrano differenze e somiglianze.
E' dunque molto interessante guardare l'importante inchiesta che un istituto americano molto serio, il PEW (http://www.pewresearch.org/ ), ha fatto sul "mondo islamico" ponendo le stesse domande in 39 paesi diversi in Europa Asia e Africa (http://www.pewforum.org/Muslim/the-worlds-muslims-religion-politics-society-infographic.aspx ).

Trovate un'infografica molto chiara e risultati piuttosto sorprendenti.
Per esempio, sapete che percentuale della popolazione ritiene che la shari'a dovrebbe essere la base del diritto? In paesi che non hanno l'Islam come religione di stato si va fra il 12% della Turchia al 35% del Kirgistan; in quelli ufficialmente musulmani, il massimo è il 99% dell'Afganistan, e il minimo (altissimo) della Tunisia al 56%. L'Egitto è al 74% (un'illustrazione molto chiara si trova qui: http://www.economist.com/blogs/graphicdetail/2013/04/daily-chart-20?fsrc=scn/tw/te/dc/Shariadolikeit , altre dettagli qui: http://www.pewforum.org/Muslim/the-worlds-muslims-religion-politics-society-beliefs-about-sharia.aspx ).
Quali comportamenti sono moralmente sbagliati? Il complesso dei risultati dà la prostituzione al 91%, l'omosessualità al 90%, il suicidio all'88%, l'alcool all'80%. Altri dati sparsi: il 50% degli egiziani e il 31% dei bosniaci pensano che i cristiani li persegiuitino, l'85 per cento dei musulmani pensa che le donne debbano obbedire ai loro mariti.

Più interessante , dal nostro punto di vista, è capire che cosa pensano i palestinesi, soprattutto se si parte dal fatto che a loro spetta il record mondiale di approvazione degli attentati suicidi col 40% contro il 29% dell'Egitto , il 15% della Turchia e il 3% della Bosnia (http://cifwatch.com/2013/05/01/buried-by-the-guardian-disturbing-data-on-palestinian-support-for-suicide-bombing/ ;
trovate un'analisi qui: http://www.israelhayom.com/site/newsletter_article.php?id=8987 ). I risultati, almeno per chi spererebbe in una civile convivenza con loro sono piuttosto sconcertanti.
Vi traduco qui il riassunto pubblicato da http://elderofziyon.blogspot.it/2013/04/how-fanatic-are-palestinian-muslims-pew.html? :

"Ecco alcune delle domande del sondaggio con le risposte dei musulmani palestinesi:
- Alcune persone pensano che se un uomo si impegna in rapporti prematrimoniali o commette adulterio i familiari hanno il diritto di ucciderlo per proteggere l'onore della famiglia. Personalmente pensi che questa pratica è: Spesso o qualche volta giustificati: 33%
- Alcune persone pensano che se una donna si impegna in rapporti prematrimoniali o commette adulterio i familiari hanno diritto di ucciderla per proteggere l'onore della famiglia. Personalmente pensi che questa pratica è: Spesso o qualche volta giustificata: 37%
- Quale fra queste frasi si avvicina al tuo punto di vista? "L'Islam è l'unica vera fede che conduce alla vita eterna nel cielo" o "Molte religioni possono portare alla vita eterna nel cielo"? Dichiarazione numero 1: 89%
- Opinioni a favore di "Le donne dovrebbero avere il diritto di decidere se indossano un velo" 53%. Opinioni a favore di "Le donne non dovrebbero avere il diritto di decidere se indossare un velo" 35%
- "La Sharia è parola rivelata di Dio" 75%. "La Shari'a è stata sviluppata da uomini, sulla base della parola di Dio" 16%. "La Shari'a dovrebbe essere aperta a molteplici interpretazioni" 42% "C'è una sola, vera comprensione della Shari'a?" 51%
- Ti capita mai di partecipare a gruppi interreligiosi, o incontri religiosi con i cristiani? Sì 8% No 91%
- "Una moglie dovrebbe avere il diritto di divorziare dal marito": 33%. "Una moglie non dovrebbe avere il diritto di divorziare dal marito": 57%
- "Una moglie deve sempre obbedire al marito" 87% "completamente" o "per lo più" d'accordo (rispettivamente 46%, 41%)
- "Sei favorevole o contrario a rendere la Shari'a, legge ufficiale della terra nel nostro paese?" 89% favorevole, 8% si oppone. Per coloro che hanno risposto "favorevole": si dovrebbe applicare la Shari'a anche ai non musulmani? 39% sì 43% solo i musulmani
- "Chi dovrebbe avere un maggiore diritto all'eredità dei genitori - figli o figlie, o dovrebbe entrambi hanno gli stessi diritti?" Figli 51% figlie 1% , pari 43%
- La poligamia è moralmente accettabile? Sì 48%, No 20%; Non è una questione morale 17%
- Bere alcool è moralmente accettabile? Si 1%, No 92%
- L'omosessualità è moralmente accettabile? Si 1%, No 89% ; Non è una questione morale - 5%
- Alcune persone pensano che gli attentati suicidi e altre forme di violenza contro obiettivi civili sono giustificate per difendere l'Islam dai suoi nemici. Tu senti personalmente che questo tipo di violenza è: spesso, o in qualche modo giustificata 40%; raramente o mai giustificata 49%
- Sei favorevole o contrario alla pena di morte per le persone che lasciano la religione musulmana? Favorevole 62%; contrario 29%
- Sei favorevole o contrario a punizioni come frustate e taglio della mano per i reati come furto e rapina? Favorevoli 72%; contrari 23%
- Sei favorevole o contrario alla lapidazione per chi commette adulterio? Favorevoli 81%; sono contrari 14%"
Trovate una bella grafica che riassume questi risultati qui: https://dl.dropboxusercontent.com/u/12827598/IC/fanatic3.png .

Inutile che vi commenti nei dettagli. Una popolazione che è massicciamente schierata per la lapidazione degli adulteri, per la pena di morte a chi lascia l'Islam, per la poligamia, che considera l'omosessualità e il consumo di alcolici immorali, che accetta in buona parte il terrorismo suicida e il delitto d'onore, è lontanissima dalla modernità e dalla laicità.
Nel mondo ebraico, non solo in quello della sinistra più estremista, si è spesso coltivata l'illusione di una pace coi palestinesi bloccata solo da dirigenze corrotte e fanatiche, che aveva interesse solo alla prosecuzione del conflitto per mantenersi in sella.

Se questo sondaggio dice la verità, è fanatizzata e islamizzata in senso medievale anche la popolazione che dopotutto ha eletto queste dirigenze o almeno non ha ma tentato lo sforzo necessario a rovesciarle.
Del resto la rappresentanza politica degli arabo-israeliani, che votano certamente in condizioni di libertà che i loro cugini nei territori amministrati dall'Anp o da Hamas non conoscono, è altrettanto impresentabile.
Dunque vi è un rifiuto della modernità e della pace che ne dipende, radicata nei valori degli arabi locali.
Una pessima notizia per chi pensa che la pace debba essere "subito", ma brutta anche per chi pensa che la tranquillità di Israele dipenda dalla crescita civile dei riottosi conviventi.


http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=120&id=50115

Riportiamo dal sito internet del CORRIERE della SERA l'articolo di Monica Ricci Sargentini dal titolo "Arabia Saudita, direttore di un sito web condannato a 7 anni di carcere e 600 frustate".

Sette anni di carcere e 600 frustate per “violato i valori dell’Islam e diffuso il pensiero progressista”. E’ questa la pena inflitta oggi in Arabia Saudita a Raif Badawi, il direttore del sito web Free Saudi Liberals, un forum ideato per discutere del ruolo della religione nel regno. In verità la sentenza è stata anche mite se si pensa che il giovane era accusato di apostasia e rischiava la pena morte.

Badawi, 25 anni, era stato arrestato il 17 giugno 2012 e da allora è stato detenuto nel carcere di Briman, a Gedda. Amnesty International, lo scorso gennaio, aveva lanciato un appello con raccolta di firme per la sua liberazione considerandolo un prigioniero di coscienza.

Nel mirino delle autorità gli articoli in cui il blogger criticava alcune figure o istituzioni religiose come la Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio (la polizia religiosa): ”Le nostre congratulazioni alla commissione per la promozione della virtù – ha scritto con ironia Badawi – perché c’insegna cos’è la virtù e vuole assicurare che tutti i sauditi siano tra le persone destinate al paradiso”.

Badawi era già stato arrestato con l’accusa di apostasia nel 2008 ma era stato rilasciato pochi giorni dopo anche se il governo gli aveva vietato di lasciare il Paese e aveva congelato i suoi conti bancari nel 2009. L’episodio aveva provocato anche problemi coniugali visto che la famiglia della moglie aveva chiesto al tribunale il divorzio a causa dell’apostasia del giovane.
Il 17 dicembre, il tribunale distrettuale di Gedda aveva rinviato la causa al tribunale di Gedda, raccomandando che Raif Badawi fosse processato per reato di “apostasia”. Una richiesta che il suo avvocato e le organizzazioni per i diritti umani avevano contestato: ”E’ inaccettabile – aveva spiegato allora Amnesty – che si chieda la pena di morte per un attivista la cui unica colpa è quella di aver dato vita a un dibattito sociale online”. Anche per Human Right Watch le accuse violavano “il diritto di Badawi alla libertà di espressione”. Comunque sia il blogger non finirà sul patibolo ma passerà in carcere sette anni della sua vita e il suo sito web rimarrà chiuso per sempre.




http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=50523

Parlo del pretesto scelto da un tribunale iraniano per condannare dei cristiani. In realtà non è un gran problema per loro. Pensate alla povera Asia Bibi, condannata a morte ( http://www.segnideitempi.org/asia-bibi-condannata-a-morte-per-un-sorso-dacqua/cultura-e-societa/asia-bibi-condannata-a-morte-per-un-sorso-dacqua/ )per aver attinto un sorso d'acqua a una fonte che si pretende riservata ai soli musulmani; e fra l'altro pensate a quanto sia velenosamente unilaterale quel movimento internazionale, una specie di cinque stelle su scala mondiale, che non nomino per decenza e che fa girare una storia tutta deformata sull'arresto di un arabo vicino a Hebron, non per aver portato acqua da bere alla sua famiglia, come insinuano, ma per aver rubato all'acquedotto con un impianto clandestino l'irrigazione dei suoi campi, per evadere il canone. Ve ne ho parlato due o tre settimane fa: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=&sez=280&id=50272 .
Ma questa è cronaca quotidiana, sia la persecuzione dei cristiani, sia l'antisemitismo dei benpensanti “progressisti”. Quel che è straordinario, e su cui vale la pena di spendere un sorriso, è la sentenza di un giudice di Teheran, tal Pir-Abassi, presidente di una “corte rivoluzionaria n. 26” che ha punito un certo Mohammad-Hadi Bordbar convertitosi alla religione cristiana evangelica non solo per il grave reato di apostasia, ma anche per reati contro la sicurezza dello stato, sentenziando che il cristianesimo è un'organizzazione sionista. Il poveraccio si farà un bel po' di galera, se nel frattempo non l'ammazzeranno per apostasia, come è d'uso da quelle parti.

Ma a parte la bestialità storica, vale la pena di riflettere su questo episodio. Spesso i leader religiosi integralisti ripetono lo slogan “prima il sabato, poi la domenica”, intendendo con ciò che si propongono di fare i conti prima con gli ebrei e poi con i cristiani. Certo, vi sono nel Corano prescrizioni di tolleranza nei confronti delle due religioni monoteiste da cui Maometto ha assunto temi e figure per la sua narrazione religiosa - ma a patto che si sottomettano, che paghino una tassa speciale, che siano “dhimmi”, cioè in una posizione di emarginazione sociale e politica.
Ma prevalgono le indicazioni di ostilità e di rifiuto: ebrei e cristiani avrebbero “falsificato” le scritture, per esempio i Cristiani non solo dicendo che Gesù sia morto sulla croce, cosa che i Musulmani rifiutano, ma parlandone come del “figlio di Dio”, che per loro è un abominio. La tolleranza è provvisoria, una tattica o una concessione; l'ostilità è strutturale, perché lo scopo dell'Islam è la sottomissione di tutto il mondo. E in effetti questo doppio comportamento nella storia ha funzionato, perché l'Islam si è imposto nei secoli in territori tradizionalmente cristiani (Nordafrica, Siria, Mesopotamia, Turchia ecc.) conquistati da minoranze guerriere, con il sistema di non impedire la religione originaria ma di rendere difficile la vita di chi la praticava e molto conveniente la conversione.
Solo nuclei molto forti, come i Copti in Egitto, gli Armeni in Anatolia, i Greci, gli assiri e naturalmente gli ebrei hanno saputo resistere a queste pressioni, spesso subendo stragi e veri e propri genocidi per questo. E' il caso in questo momento dei cristiani di Siria, dell'Iraq e della Nigeria, o dei copti in Egitto.

La cosa che mi meraviglia moltissimo è la sottovalutazione di questi episodi, la scarsissima difesa che il mondo cristiano fa dei suoi fratelli in pericolo. Decine, centinaia di chiese e di monasteri, naturalmente inermi e apolitiche, sono state distrutte e bruciate programmaticamente dagli islamisti durante i disordini egiziani delle ultime settimane e la guerra civile siriana; religiosi sono stati sequestrati e uccisi, persone e proprietà dei fedeli severamente attaccati. La reazione dell'Europa e dell'America sono state flebilissime, mentre grande è stato lo scandalo contro la repressione degli islamisti che stavano compiendo queste atrocità ( http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-4420590,00.html ).
Che senso ha rivendicare le “radici cristiane” (o “giudaico-cristiane”, un'espressione che non amo affatto) dell'Europa, se non si è in grado di esercitare una solidarietà efficace? Vi immaginate se in qualunque paese del mondo, non dico in Israele, ci fosse stata una simile caccia all'uomo a causa della sua religione? E in fondo, a guardar bene, non è profondamente razzista questo atteggiamento? Come se gli islamisti non fossero responsabili di quel che fanno.

In conclusione: se a favore di Asia Bibi o di Mohammad-Hadi Bordbar, dei copti o dei cristiani dell'Iraq - inermi, pacifici, colpevoli solo della loro fede - ci fosse un decimo della solidarietà che c'è per i terroristi palestinesi, se l'America ne chiedesse la liberazione come ha preteso per i macellai di Al Fatah e di Hamas, se si organizzassero boicottaggi del Pakistan e degli altri paesi che perseguitano i cristiani come lo si fa nei confronti di Israele che non solo rispetta tutte le religioni, ma riconosce la libertà politica ai propri espliciti nemici politici, come i partiti palestinesi rappresentati nel suo parlamento, se gli aiuti occidentali ai ribelli in Siria e ai paesi della ex primavera araba fossero condizionati a un minimo di libertà religiosa - be' forse questo non rappresenterebbe solo un aiuto concreto per questi perseguitati, ma anche un atto di giustizia.
E invece in alto, molto in alto nelle scale religiose e politiche dell'Occidente, si parla degli islamici come fratelli (senza completare l'espressione con la rima che sarebbe giusta, fratelli coltelli) o li si adula con false attestazioni sul loro contributo al progresso mondiale, come fece Obama al Cairo in un discorso allora lodatissimo e che oggi tutti farebbero bene a rileggere alla luce delle conseguenze che ha portato la politica dichiarata allora di appoggio all'islamismo “moderato”.


http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=120&id=50581

Riportiamo da REPUBBLICA di oggi, 05/09/2013, a pag. 15, l'articolo di Valeria Fraschetti dal titolo " Bali, l’ira degli islamisti per Miss Mondo ".

Non era bastato ottenere due mesi fa la straordinaria rinuncia al bikini, in cambio di una mise più morigerata sulla passerella. Ora i radicali d’Indonesia alzano la posta: chiedono la cancellazione del concorso di bellezza, reo di esportare «immoralità». E così l’ultimo capitolo della battaglia islamisti contro Miss Mondo ha visto questa settimana qualche centinaio di membri del Forum del popolo islamico sfilare per le strade di Giacarta al grido di “Allahu Akbar” fino al grattacielo Mnc Tower, che in questi giorni ospita gli organizzatori dell’evento, che sarà inaugurato domenica a Bali. Per ora, la protesta ha soprattutto avuto l’effetto di imbarazzare il governo, che contava sul “beauty contest” per rilanciare l’immagine delle sue spiagge bianche, percepite negli ultimi tempi come mete meno sicure proprio a causa dell’estremismo.
Con una popolazione di 240 milioni di persone, per l’88 per cento musulmani, l’Indonesia è il Paese con più islamici al mondo. Ma i fedeli sono in larga parte moderati, tanto che gli esperti fino a poco tempo fa citavano la tolleranza del Paese asiatico come un modello di fronte a chi sostiene che Islam e democrazia siano incompatibili. Eppure, negli ultimi anni la crescente esuberanza delle frange radicali sta guastando non poco quest’immagine. Nella provincia di Aceh, estremità nord di Sumatra, dove il governatore Zaini Abdullah è salito al potere nel 2012 promettendo l’applicazione della sharia, alle donne è stato vietato di sedere a cavalcioni sulle moto e di indossare i jeans. E 17 chiese cristiane — scrive Asia News — sono state fatte chiudere, a riprova che il radicalismo si sta insinuando nelle istituzioni.
Come del resto aveva dimostrato l’estate scorsa il caso di Alex Ann, il primo indonesiano incarcerato per ateismo, più o meno quando Lady Gaga annullava il suo concerto a Giacarta dopo le accuse di «adorare il diavolo». Ora il caso Miss Mondo 2013. Che rischia di incrinare persino l’immagine di Bali, sinora in parte risparmiata dai facinorosi islamici grazie al fatto che l’isola paradiso delle vacanze è a maggioranza induista. A giugno, gli organizzatori si erano piegati alle pressioni degli ultrà accettando di non far sfilare le 137 sfidanti in bikini, ma nei tradizionali sarong (teli drappeggiati in vita e lunghi sino alle caviglie).
Ma il Consiglio degli Ulema non si è accontentato e ora chiede la cancellazione del concorso «contrario all’Islam ». «Un evento che insulta le donne: le costringe a movimenti provocanti», tuonano gli oltranzisti. Che minacciano: «Se il governo non annullerà Miss Mondo, saremo costretti a pensarci noi».


http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=120&id=50840

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 30/09/2013, a pag. 17, l'articolo di Cecilia Zecchinelli dal titolo "Uccisi nel campus mentre dormivano. La strage degli studenti in Nigeria".
Nigeria: strage islamista di studenti nel campus universitario, le vittime 'colpevoli' di studiare all'occidentale

I mille studenti della facoltà di agricoltura dormivano ieri dopo la mezzanotte, nel campus di Gujba, Nigeria del Nordest. Un obiettivo facile per il commando di Boko Haram, gli estremisti che amano Al Qaeda e odiano l’«educazione occidentale», come ribadisce il soprannome in lingua hausa con cui sono chiamati.
Sono arrivati su due pickup e qualche moto attraverso la boscaglia, non c’erano difese da superare. Hanno iniziato a sparare e a incendiare, hanno ignorato il dormitorio delle ragazze, trascinato fuori da quelli maschili i ragazzi. Ne hanno ammazzati almeno 50, difficile ancora un conto preciso. Molti, terrorizzati, sono scappati nei campi mentre i morti e i feriti venivano portati nella capitale dello Stato di Yobe, Damaturu. Le vittime hanno tra i 18 e i 22 anni, quasi tutti musulmani come gli assalitori. Ma colpevoli di studiare «all’occidentale», appunto. Se negli ultimi tempi l’ondata di attacchi mortali ai cristiani e alle chiese si è attenuata, si è invece rafforzata quella contro le scuole.
A pochi chilometri da Gujba, in luglio, i Boko Haram avevano attaccato con granate un altro istituto e ucciso 41 persone, quasi tutti studenti, qualcuno bruciato vivo. In giugno in due simili «azioni» avevano ucciso nove ragazzi nella vicina Maiduguri e sette a Damataru. È dal 2009 che i «talebani della Nigeria» hanno dichiarato guerra a infedeli e stranieri, ma soprattutto allo Stato.


In Kenya una banda di terroristi islamici è entrata in un centro commerciale, ha sequestrato impiegati e clientela e ne ha ucciso un centinaio. Se n'è parlato poco, forse per l'effetto della lontananza, forse perché era a rischio "il rispetto della comunità musulmana ". Ma la banda comprendeva non solo somali, ma anche un bel po' di inglesi e americani, compresa la "vedova bianca", una donna che era stata sposata con uno degli attentatori della metropolitana di Londra.
Sapete come decidevano chi doveva morire e chi lasciavano andare? A coloro che avevano sequestrato mettevano davanti un libro del Corano: chi sapeva leggerlo era libero, chi non era in grado (perché occidentale o anche africano ma non musulmano) veniva mandato al mattatoio. Dove sono stati ammazzate un centinaio di persone, ma non così semplicemente sparando o tagliando la gola, bensì dopo efferate torture: peni fatti a fettine, dita staccate una a una, occhi strappati dalle orbite... P
er chi non ha paura di informarsi sul "rispetto e l'accettazione" che meritano queste persone, e ha lo stomaco forte, indico questi tre link:
http://www.sudinfo.be/821042/article/actualite/monde/2013-09-27/yeux-creves-penis-arraches-enfants-retrouves-morts-dans-des-frigos-le-calvaire-d
http://atlasshrugs2000.typepad.com/atlas_shrugs/2013/09/jihad-in-kenya-eyes-gouged-out-bodies-hanging-from-hooks-and-fingers-removed-with-pliers-horrific-cl.html
http://www.independent.co.uk/news/world/africa/kenya-shopping-mall-attack-nairobi-hostages-were-tortured-before-they-were-killed-says-police-doctor-8842509.html


http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=50860

Non abbiate paura!
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Cari amici,
scusatemi, vi seguo da tanto tempo, vi ho mandato più di 1200 cartoline, il che ammetterete, fa di me tanto un grafomane patentato quanto un cliente premium delle poste meritevole, se ci fosse di un premio fedeltà  - ma non vi capisco. Perché siete così islamofobi? Perché avete paura dell'Islam? Perché rifiutate di sottomettervi? E' questo il significato dell'Islam, no?

Capisco, sento già le risposte, non è solo una religione, è un'organizzazione della società, un'organizzazione ingiusta e per certi versi barbarica, sostenuta dalla violenza, per esempio nei confronti delle altre fedi e delle donne... Be' nei confronti delle altre fedi non tanto, a patto che sia un'altra fede che va bene, naturalmente, non gli induisti che hanno tanti dei e quindi non hanno diritto di averli, non gli atei che non hanno un dio e quindi non hanno diritto di non averlo, ma se siete "popoli del libro", cioè cristiani ed ebrei, e vi sottomettete, non costruite case più alte dei musulmani, non edificate nuovi luoghi di culto, state zitti e buoni, pagate una tassa speciale, rinunciate ai diritti politici, subite mille vessazioni... be' in questi casi diventati dhimmi, "protetti", avete buone probabilità che non vi ammazzino, non sempre e non subito, magari in guerra sì, o se apparite provocanti, o se non state al vostro posto... Non è tolleranza questa? Voi dite che credete nella libertà di coscienza e nella laicità dello Stato e che vorreste essere liberi e non "protetti"? Che pretese!
Dite che in questo momento agli ebrei danno la caccia dove li trovano e spariscono comunità vecchie di quasi tremila anni come quella nello Yemen (http://world.time.com/2013/09/30/for-yemens-few-remaining-jews-time-has-run-out/ )... Che ci sono stragi islamiche di cristiani dal Pakistan alla Nigeria, passando per l'Iraq, la Siria, l'Egitto, il Kenia? E vabbe', quando c'è un po' di nervosismo in giro un piccolo sfogo non si può negare ai ragazzi... già vi tollerano, non vorrete che addirittura evitino di ammazzarvi...

Non importa, parliamo delle donne. Lo sapete o no che l'Islam ha un rispetto estremo delle donne? Voi dite che no, che addirittura impediscono loro di guidare un automobile? Ma è per il loro bene... Lo ha detto un religioso saudita: Le donne che guidano diventano sterili (http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Esteri/Saudita-sceicco-donne-guidare-nuoce/28-09-2013/1-A_008471382.shtml ) bisogna evitare loro danni alle ovaie... Anzi, diciamoci la verità, tutta questa storia delle macchine e della guida è una congiura occidentale per contrastare sul piano demografico la sicura vittoria dei popoli arabi? E lo stesso vale per lo sport. Sapete perché giustamente in Arabia Saudita è proibito alle donne fare sport? Perché l'esercizio potrebbe far perdere loro la verginità, rompendo l'imene e dunque far diminuire molto il loro valore commerciale... per non parlare del resto (http://www.theguardian.com/commentisfree/2013/sep/30/saudi-cleric-driving-damages-ovaries ).
Dite che non ci credete, che conoscete qualche donna che guida e ha avuto figli lo stesso? Che è rimasta vergine anche facendo sport fino a quando ha iniziato a fare l'amore? Siete sicuri? Sapete, la menzogna è femminile, lo insegna il Profeta... E' capitato a voi stesse? E com'è che il vostro custode, padre marito fratello, vi lascia leggere cose su Internet? Non vedete che è pericoloso per la vostra fanciullesca innocenza? E vabbe', qualche eccezione ci sarà, ma quel che conta è la regola. Le donne non devono guidare né fare sport, per il loro bene. Proibirglielo è la prova che l'Islam ha più cura di loro di qualunque altra religione.

E il velo? Non è oppressione sulle donne, questa? Così parlate, ma non sapere quel che dite...  è una questione di modestia, non capite? E la modestia non solo è moralmente lodevole, è indispensabile. Pensate a tutti questi stupri che leggiamo sui giornali. Per esempio in Svezia il 77% degli stupri è compiuto dai musulmani che sono il 5% della popolazione ( http://www.notizievangeliche.com/stupro-un-crimine-a-prevalenza-musulmana-in-svezia-164-al-giorno/ ).
Ma di chi è la colpa? Delle donne, naturalmente, che provocano i poveri giovani musulmani col loro abbigliamento immodesto, coi loro corpi orribilmente liberi: praticamente li obbligano a stuprarle. Il solo modo per evitare questi rischi è un bel velo, anzi un burka totale e sigillato. Lo dice qui (http://www.thereligionofpeace.com/Quran/007-veils.htm ) anche un grande studioso del Corano, Sheik Taj Din al-Hilali.Anche le donne cristiane dovrebbero velarsi, per godere della protezione islamica e non finire nei guai provocando i fedeli ( http://www.christianpost.com/news/egyptian-preacher-suggests-christian-women-wear-veils-to-avoid-rape-88049/ ).

Ogni tanto, sì, accade che violentino anche qualche donna velata, com'è successo proprio pochi giorni fa in Francia (http://www.dreuz.info/2013/10/yvelines-une-adolescente-voilee-a-ete-violee-par-trois-maghrebins/#comment-269303 ) ma sicuramente alla sventurata era sfuggita una ciocca di capelli dal velo e si sa, anche questa è immodestia. Sempre colpa sua.  
Oppure aveva addosso del profumo, il che fa di lei autenticamente una "fornicatrice" (http://www.postedeveille.ca/2013/07/espagne-les-femmes-qui-portent-du-parfum-sont-des-fornicatrices-tv-publique.html ), come ha sostenuto Malik Ibn Benaisa un bravo erudito coranico che opera a Melilla, enclave spagnola sulla costa marocchina. Molto, molto meglio emanare un sano sentore ascellare, lavarsi poco, evitare a tutti i costi gli arnesi del demonio come i cosmetici. O magari sarà stata incinta.
Non lo sapeva, o sciagurata, che vedere delle donne incinte in pubblico è "una provocazione"? Lo dice un avvocato turco che è anche esperto di mistica, tal Ömer Tugrul Inançer, probabilmente sostenitore di quel brav'uomo di Erdogan che sta reintroducendo il velo in tutto il paese e combattendo come può gli infedeli sionisti (http://www.postedeveille.ca/2013/07/turquie-voir-des-femmes-enceintes-en-public-est-immoral-.html ). Se conoscete una donna incinta, ditele di stare in casa, per carità, di non provocare con quel suo corpo così evidente che ricorda l'atto da cui nasce la vita... questa sì che è mistica e saggezza!

Cari amici, spero di aver dissolto un po' le vostre paure. L'Islam è religione di pace, di tolleranza e di apertura, che ama moltissimo le donne e le libera dall'oppressione occidentale di vestirsi come credono, guidare dove vogliono, fare quel che desiderano, senza essere proprietà di un uomo. Questa sì che è schiavitù. Venite e sottomettetevi, come farà presto tutt'Europa, insh'Allah.



http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=253&sez=120&id=51790

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 24/12/2013, a pag.15, con il titolo "Un morto ogni 5 minuti. Mai tanti cristiani perseguitati nel mondo", il commento Fiamma Nirenstein


E' Natale, certo. I cristiani nel mondo sono più di due miliardi e in questi giorni cercano di sorridere al bambin Gesù, Natale dovrebbe essere una festa di gioia. Ma non lo è quest'anno: i cristiani sono in guerra, devono mettersi in giuoco perché cessi la grande, nuova, persecuzione religiosa dei loro fratelli, le stragi di uomini donne e bambini, gli incendi delle chiese, le perquisizioni nelle case per scovare croci e vangeli e il conseguente essere trascinati in catene, l'orribile esperienza dello sguardo assassino che pensa, sopprimendo i cristiani, di rispondere a una ragione superiore.
In questi giorni è uscita la World Watch List del 2013, una analisi professionale compilata dagli analisti di Porte Aperte sulle persecuzioni nel mondo. Essa prende in considerazione 5 parametri della libertà dei cristiani di vivere liberamente la loro fede: nel privato, in famiglia, nelle comunità, nella chiesa, nella vita pubblica. C'è poi una sesta area che misura il grado delle violenze ricevute.

Le cifre sono enormi: si varia dai cento milioni di perseguitati valutati dall'OSCE ai duecento che denuncia il COMECE, ovvero il Commissariato degli Episcopati della Commissione Europea. Centocinquemila cristiani l'anno vengono assassinati per la loro fede, si afferma, ovvero uno ogni cinque minuti. Porte Aperte afferma che sono 65 Paesi in cui i cristiani vengono perseguitati, e secondo il "Pew report"americano sono 111 i Paesi in cui devono affrontare restrizioni e ostilità.
L' inaspettato primato nei "top ten", lo detiene la Corea del Nord: essa organizza orribili campi di prigionia in cui affondano fra i 50mila e i 70mila cristiani; basta avere a casa un libro, un'immagine e sei un traditore di Kim Jong Un, il nuovo leader. Molti cercano di fuggire, e in una caccia spietata vengono riacchiappati al confine con la Cina. Sui primi dieci Paesi persecutori,ovvero Arabia Saudita, Afghanistan, Iraq, Somalia, Maldive, Mali, Iran, Yemen, Eritrea, otto sono islamici. Il Mali e l'Eritrea per la prima volta in lista e l'Etiopia che sale dal 38esimo al 15esimo posto, ci parlano dell'islamizzazione estremista dell'Africa.
La Libia sale dal 27esimo posto al 17esimo, la Tanzania che non era fra i primi 50 sale al 24esimo, la Nigeria resta al 13esimo. Naturalmente la Siria, salita dal 36esimo all'11esimo posto, è un fuoco della tragedia in corso. Da quasi due milioni i cristiani sembrano già ridotti a 400mila.

Il mese di settembre è stato un mese tragicamente tipico, un mese di orrore: nella zona di Maloula, antica patria siriano- cristiana dove si parla aramaico, al Qaeda ha lanciato mortai e missili su almeno due antiche chiese prima di saccheggiarle; 80 cristiani che cercavano di difendere le loro case sono stati uccisi, altri sono stati minacciati di morte se non si convertivano all'Islam.
Le parole di un cristiano prima di essere ucciso sono state: "Sono cristiano, se mi volete uccidere per questo non mi opporrò". Una monaca presente al sacrificio ha detto: "E' un martire nel pieno, antico senso della parola". Su tre persone fermate a Thawrah, due musulmani sono stati rilasciati, il terzo, cristiano, è stato ammazzato. E' stata distrutta la chiesa ortodossa di San Sergio; a Raqqah una città nel nord della Siria bandiere di al Qaeda hanno preso il posto delle croci mentre venivano distrutte le statue della Madonna. Restando a questo settembre nero, in Pakistan a Peshawar la Chiesa di Tutti i Santi è stata fatta saltare mentre era zeppa di 550 fedeli, 90 sono morti, 120 sono stati feriti.
In Egitto, terra dei Copti, popolazione più antica dell'Islam, i Fratelli Musulmani furiosi per l'espulsione di Morsi, hanno distrutto almeno 80 chiese e hanno preso a estorcere denaro dagli abitanti cristiani con la spiegazione che si tratta della "jizya", il tributo che i dhimmi, i non islamici, devono pagare "con sottomissione volontaria e sentendosi soggetti" come dice il Corano.
In Libia due giovani sono stati prima picchiati, poi richiesti di recitare la Shehada "non c'è altro Dio fuori di Allah e Mohammad è il suo profeta" e al loro rifiuto sono stati uccisi. In Nigeria cinque cristiani sono stati fatti scendere da un pulmino, fatti sdraiare per terra e uccisi con un colpo in testa… e questi racconti riguardano, e parzialmente, soltanto un mese. Anche in Iran la persecuzione è permanente, una donna in possesso di un Vangelo è stata accusata di sedizione. Dalla Turchia, i cristiani stanno andandosene, come anche dal Libano.

Che cosa ha incrudelito tanto la situazione di cristiani nel mondo arabo? Il loro antico ruolo era tuttavia spesso stato connesso, e anche con orgoglio, al tema della modernizzazione fosse essa socialista o nazionalista, o tutte e due le cose insieme. Un arabo cristiano è spesso un arabo progressista, capace di vivere con maggiore agevolezza le aperture del mondo moderno verso le donne e le ambizioni alla democrazia. Poi, è arrivato lo tsunami delle "primavere arabe". Esse hanno molto peggiorato le sue precarie condizioni in una società tendenzialmente sospettosa e esclusiva.
La primavera araba ha creato uno scontro micidiale fra sciiti e sunniti, ha esaltato le parti più estreme, quelle dei Fratelli musulmani, dei salafiti, di Al Qaeda, di coloro che ritengono che nella Umma musulmana non ci sia spazio altro che per la propria fede, a meno di ridurre gli altri in condizione di dimmi. L'aggressività sunnita più estrema è caduta con odio e crudeltà sui luoghi in cui i cristiani sono sospettati di intelligenza col nemico sciita, come in Siria o in Libano.

"Anche noi palestinesi cristiani in Israele" -dice Padre Peter Mardos, sacerdote gerusalemitano, professore di teologia e scienze bibliche capo ufficio del centro pastorale biblico presso il Patriarcato latino, che negli anni ha sempre avuto il coraggio di testimoniare le sofferenze dei suoi correligionari e l'espulsione da Betlemme, la casa di Gesù, dove i cristiani sono ridotti dal 90 a 35 per cento- “abbiamo sofferto anche per l'accusa di aver perso la nostra identità palestinese, ma non è affatto vero, siamo patrioti palestinesi fedeli alla nostra storia. Ma questo non impedisce di lanciare un appello per la nostra salvezza.
La nostra eliminazione dallo scenario Medio Orientale è profonda e definitiva, un pericolo per tutti. Guardi i libri di testo sia nelle scuole di lingua araba. I cristiani non esistono! Gesù non c'è! Né ci siamo noi che eravamo qui ben prima dell'Islam. I cristiani non sono parte della storia di questa terra, sono culturalmente uccisi. Nel manuale della sesta classe Gesù è citato a pagina 135 nel contesto dell' occupazione romana, chiaramente per stabilire il diritto alla rivolta palestinese. Gli ebrei, con lo stesso scopo, sono citati come abitanti di questa terra solo nel 63 e nel 130 d.C. in occasione delle rivolte dei Maccabei e poi di Bar Kochba.
Di nuovo, la parola cristiani torna quando si cita l'editto di Costantino nel 313 che permette la liberta di culto. Gli allievi cristiani subiscono una sistematica soppressione persino della parola "cristiano", e io chiedo dunque di restituirci la nostra identità. Poiché è identità di pace, è quella di cui il Medio Oriente" -dice padre Madros con evidente sofferenza -"ha maggiore bisogno. E lo dico per Natale".


Inchiesta storica sugli orrori islamici del passato

Questo articolo tratta di alcuni degli orrori compiuti dagli islamici nel passato, avvenuti durante il suo espansionismo verso l'Europa. Si tratta ovviamente di una elencazione incompleta e riferita solo ad alcuni tra i tanti accadimenti.


L'incredibile storia dell'espansionismo islamico verso l'Europa




Fu nel 635 d.C. cioè tre anni dopo la morte di Maometto che gli eserciti della Mezzaluna invasero la cristiana Siria e la cristiana Palestina. Fu nel 638 che si presero Gerusalemme e il Santo Sepolcro. Fu nel 640 che conquistata la Persia e l’Armenia e la Mesopotamia ossia l’attuale Iraq invasero il cristiano Egitto e dilagarono nel cristiano Maghreb cioè in Tunisia e in Algeria e in Marocco. Fu nel 668 che per la prima volta attaccarono Costantinopoli, le imposero un assedio di cinque anni.
Fu nel 711 che attraversato lo Stretto di Gibilterra sbarcarono nella cattolicissima Penisola Iberica, s’impossessarono del Portogallo e della Spagna dove nonostante i Pelayo e i Cid Campeador e i vari sovrani impegnati nella Reconquista rimasero per ben otto secoli.
E chi crede al mito della «pacifica convivenza» che secondo i collaborazionisti caratterizzava i rapporti tra conquistati e conquistatori farebbe bene a rileggersi le storie dei conventi e dei monasteri bruciati, delle chiese profanate, delle monache stuprate, delle donne cristiane o ebree rapite per essere chiuse negli harem. Farebbe bene a riflettere sulle crocifissioni di Cordova, sulle impiccagioni di Granada, sulle decapitazioni di Toledo e di Barcellona, di Siviglia e di Zamora. (Quelle di Siviglia, volute da Mutamid, il rè che con le teste mozze adornava i giardini del suo palazzo.

Quelle di Zamora, da Almanzor: il visir definito il-mecenate-dei-fìlosofì, il più grande leader che la Spagna Islamica abbia mai prodotto). Cristo! A invocare il nome di Gesù o della Madonna si finiva subito giustiziati. Crocifissi, appunto, o decapitati o impiccati. E a volte impalati. A suonare le campane, lo stesso. A indossare un indumento verde, colore dell’Isiam, idem. E al passaggio d’un mussulmano i cani-infedeli dovevano farsi da parte, inchinarsi. Se il mussulmano li aggrediva o li insultava, non potevano ribellarsi. Quanto al particolare che i cani-infedeli non avessero l’obbligo di convertirsi all’Islam, sai a cosa era dovuto? Al fatto che i convertiti non pagassero le tasse. I cani-infedeli, invece, sì.
Dalla Spagna nel 721 passarono alla non meno cattolica Francia. Guidati da Abd al-Rahman, il governatore dell’Andalusia, varcarono i Pirenei, presero Narbonne. Vi massacrarono tutta la popolazione maschile, ridussero in schiavitù tutte le donne e tutti i bambini poi proseguirono per Carcassonne. Da Carcassonne passarono a Nimes dove fecero strage di monache e frati. Da Nimes passarono a Lione e a Digione dove razziarono ogni singola chiesa, e sai quanto durò il loro avanzare in Francia? Undici anni. A ondate.

Nel 731 un’ondata di trecentottantamila fanti e sedicimila cavalieri arrivò a Bordeaux che si arrese immediatamente. Da Bordeaux si portò a Poitiers poi a Tours, e se nel 732 Carlo Martello non avesse vinto la battaglia di Poitiers-Tours oggi anche i francesi ballerebbero il flamenco. Nell’827 sbarcarono in Sicilia, altro bersaglio delle loro bramosie. Al solito massacrando e profanando conquistarono Siracusa e Taormina, Messina poi Palermo, e in tre quarti di secolo (tanti ce ne vollero per piegare la fiera resistenza dei siciliani) la islamizzarono. Vi rimasero oltre due secoli e mezzo, cioè fin quando vennero sloggiati dai Normanni, ma nell’836 sbarcarono a Brindisi.

Nell’840, a Bari. E islamizzarono anche la Puglia.
Nell’841 sbarcarono ad Ancona. Poi dall’Adriatico si riportarono nel Tirreno e durante l’estate dell’846 sbarcarono ad Ostia. La saccheggiarono, la incendiarono, e risalendo le foci del Tevere giunsero a Roma. La misero sotto assedio e una notte vi irruppero. Depredarono le basiliche di San Pietro e di San Paolo, saccheggiarono tutto il saccheggiabile. Per liberarsene, Papa Sergio II dovette impegnarsi a versargli un tributo annuo di 25 mila monete d’argento. Per prevenire altri attacchi, il suo successore Leone IV dovette costruire le mura leonine.
Abbandonata Roma, però, si piazzarono in Campania. Vi restarono settant’anni distruggendo Montecassino e tormentando Salerno. Città nella quale, a un certo punto, si divertivano a sacrificare ogni notte la verginità di una monaca. Sai dove? Sull’altare della cattedrale. Nell’898, invece, sbarcarono in Provenza. Per l’esattezza, nell’odierna Saint-Tropez. Vi si stabilirono, e nel 911 varcarono le Alpi per entrare in Piemonte.
Occuparono Torino e Casale, dettero fuoco alle chiese e alle biblioteche, ammazzarono migliaia di cristiani, poi passarono in Svizzera. Raggiunsero la valle dei Grigioni e il lago di Ginevra, poi scoraggiati dalla neve fecero dietro-front. Tornarono nella calda Provenza, nel 940 occuparono Tolone e... Oggi è di moda battersi il petto per le Crociate, biasimare l’Occidente per le Crociate, vedere nelle Crociate un’ingiustizia commessa ai danni dei poveri mussulmani innocenti. Ma prima d’essere una serie di spedizioni per rientrare in possesso del Santo Sepolcro, le Crociate furono la risposta a quattro secoli di invasioni occupazioni angherie carneficine.

Furono una controffensiva per bloccare l’espansionismo islamico in Europa. Per deviarlo, (mors tua vita mea), verso l’Oriente. Verso l’India, l’Indonesia, la Cina, il continente africano, nonché la Russia e la Siberia dove i Tartari convertiti all’Islam stavano già portando il Corano. Concluse le Crociate, infatti, i figli di Allah ripresero a seviziarci come prima e più di prima. Ad opera dei turchi, stavolta, che si accingevano a partorire l’Impero Ottomano.
Un impero che fino al 1700 avrebbe condensato sull’Occidente tutta la sua ingordigia, la sua voracità, e trasformato l’Europa nel suo campo di battaglia preferito. Interpreti e portatori di quella voracità, i famosi giannizzeri che ancor oggi arricchiscono il nostro linguaggio col sinonimo di sicario o fanatico o assassino. Ma sai chi erano in realtà i giannizzeri? Le truppe scelte dell’Impero. I super-soldati capaci di immolarsi quanto di combattere, massacrare, saccheggiare.
Sai dove venivano reclutati o meglio sequestrati? Nei paesi sottomessi all’Impero. In Grecia, per esempio, o in Bulgaria, in Romania, in Ungheria, in Albania, in Serbia, e a volte anche in Italia. Lungo le coste battute dai pirati. Li sequestravano all’età di dieci o undici o dodici anni, scegliendoli tra i primogeniti più belli e più forti delle buone famiglie.
Dopo averli convertiti li chiudevano nelle loro caserme e qui, proibendogli di sposarsi e d’avere qualsiasi tipo di rapporto amoroso o affettivo, (incoraggiato, al contrario, lo stupro), li indottrinavano come neanche Hitler sarebbe riuscito a indottrinare le sue Waffen SS. Li trasformavano nella più formidabile macchina da guerra che il mondo avesse mai visto dal tempo degli antichi romani.

...nel 1356, cioè ottantaquattr’anni dopo l’Ottava Crociata, i turchi si beccarono Gallipoli cioè la penisola che per cento chilometri si estende lungo la riva settentrionale dei Dardanelli. Da lì partirono alla conquista dell’Europa sud-orientale e in un batter d’occhio invasero la Tracia, la Macedonia, l’Albania. Piegarono la Grande Serbia, e con un altro assedio di cinque anni paralizzarono Costantinopoli ormai del tutto isolata dal resto dell’Occidente. Nel 1396 si fermarono, è vero, per fronteggiare i Mongoli (a loro volta islamizzati), però nel 1430 riesumarono la marcia occupando la veneziana Salonicco.
Travolgendo i cristiani a Vama nel 1444 si assicurarono il possesso della Valacchia, della Moldavia, della Transilvania, insomma dell’intero territorio che oggi si chiama Bulgaria e Romania, e nel 1453 assediarono di nuovo Costantinopoli che il 29 maggio cadde in mano a Maometto II. Una belva che in virtù dell’islamica Legge sul Fratricidio (legge che per ragioni dinastiche autorizzava un sultano ad assassinare i familiari più stretti) era salita al trono strozzando il fratellino di tre anni.

Le truppe ottomane che suonando i tamburi entrano dalle brecce delle mura crollate, travolgono i difensori genovesi e veneziani e spagnoli, a colpi di scimitarra li massacrano tutti, poi irrompono nella cattedrale e decapitano perfino i neonati. Con le loro testine spengono i ceri... Durò dall’alba al pomeriggio, la strage. Si placò solo al momento in cui il Gran Visir salì sul pulpito di Santa Sofia e ai massacratori disse: «Riposatevi. Ora questo tempio appartiene ad Allah».
Intanto la città bruciava. La soldataglia crocifiggeva e impalava. I giannizzeri violentavano e poi sgozzavano le monache (quattromila in poche ore) oppure incatenavano le persone sopravvissute per venderle al mercato di Ankara. E i cortigiani preparavano il Pranzo della Vittoria. Quel pranzo durante il quale (in barba al Profeta) Maometto II si ubriacò con i vini di Cipro, e avendo un debole pei giovinetti si fece portare il primogenito del granduca greco-ortodosso Notaras. Un quattordicenne noto per la sua bellezza. Dinanzi a tutti lo stuprò, e dopo averlo stuprato si fece portare gli altri Notaras. I suoi genitori, i suoi nonni, i suoi zii, i suoi cugini. Dinanzi a lui li decapitò. Uno ad uno.
Fece anche distruggere tutti gli altari, fondere tutte le campane, trasformare tutte le chiese in moschee o bazaar. Eh, sì. Fu a questo modo che Costantinopoli divenne Istambul. Che i Fra’ Accursio dell’Onu vogliano sentirselo dire o no.

Tre anni dopo e cioè nel 1456 conquistarono Atene dove, di nuovo, Maometto II trasformò in moschee tutte le chiese e gli antichi edifici. Con la conquista di Atene completarono l’invasione della Grecia che avrebbero tenuto cioè rovinato per ben quattrocento anni, quindi attaccarono la Repubblica di Venezia che nel 1476 se li ritrovò anche dentro il Friuli poi nella vallata dell’Isonzo. E ciò che accadde il secolo successivo non è meno agghiacciante. Perché nel 1512 sul trono dell’Impero Ottomano salì Selim il Sanguinario. Sempre in virtù della Legge sul Fratricidio ci salì strozzando due fratelli più cinque nipoti più vari califfi nonché un numero imprecisato di visir, e da tal individuo nacque colui che voleva fare lo Stato Islamico d’Europa: Solimano il Magnifico.
Appena incoronato, infatti, il Magnifico allestì un’armata di quasi quattrocentomila uomini e trentamila cammelli più quarantamila cavalli e trecento cannoni. Dalla ormai islamizzata Romania nel 1526 si portò nella cattolica Ungheria e nonostante l’eroismo dei difensori ne disintegrò l’esercito in meno di quarantotto ore. Poi raggiunse Buda, oggi Budapest. La dette alle fiamme, completò l’occupazione, e indovina quanti ungheresi (uomini e donne e bambini) finirono subito al mercato degli schiavi che ora caratterizzava Istambul. Centomila.

Indovina quanti finirono, l’anno seguente, nei mercati che competevano con quello di Istambul cioè nei bazaar di Damasco e di Bagdad e del Cairo e di Algeri. Tre milioni. Ma neanche questo gli bastò. Per realizzar lo Stato Islamico d’Europa, infatti, allestì una seconda armata con altri quattrocento cannoni e nel 1529 dall’Ungheria si portò in Austria. L’ultracattolica Austria che ormai veniva considerata il baluardo della Cristianità. Non riuscì a conquistarla, d’accordo. Dopo cinque settimane di inutili assalti preferì ritirarsi.
Ma ritirandosi massacrò trentamila contadini che non gli meritava di vendere a Istambul o a Damasco o a Bagdad o al Cairo o ad Algeri perché il prezzo degli schiavi era troppo calato a causa di quei tré milioni e centomila ungheresi, e appena rientrato affidò la riforma della flotta al famoso pirata Khayr al-Din detto il Barbarossa. La riforma gli consentì di rendere il Mediterraneo un feudo acqueo dell’Islam sicché, dopo aver spento una congiura di palazzo facendo strangolare il primo e il secondo figlio più i loro sei bambini cioè i suoi nipotini, nel 1565 si buttò sulla roccaforte cristiana di Malta. E non servì a nulla che nel 1566 morisse d’infarto cardiaco.

Non servì perché al trono ci salì il suo terzo figlio. Noto, lui, non con l’appellativo di Magnifico bensì di Ubriacone. E fu proprio sotto Selim l’Ubriacone che nel 1571 il generale Lala Mustafa conquistò la cristianissima Cipro. Qui commise una delle infamie più vergognose di cui la cosiddetta Cultura-Superiore si sia mai infangata. Il martirio del patrizio veneziano Marcantonio Bragadino, governatore dell’isola. Come lo storico Paul Fregosi ci racconta nel suo straordinario libro «Jihad», dopo aver firmato la resa Bragadino si recò infatti da Lala Mustafa per discutere i termini della futura pace.
Ed essendo uomo ligio alla forma vi si recò in gran pompa. Cioè a cavallo d’un destriere squisitamente bardato, indossando la toga viola del Senato, nonché scortato da quaranta archibugieri in alta uniforme e dal bellissimo paggio Antonio Quirini (il figlio dell’ammiraglio Quirini) che gli teneva sul capo un prezioso parasole.
Ma di pace non si parlò davvero. Perché in base al piano già stabilito i giannizzeri sequestrarono subito il paggio Antonio per chiuderlo nel serraglio di Lala Mustafa che i giovinetti li deflorava ancor più volentieri di Maometto II, poi circondarono i quaranta archibugieri e a colpi di scimitarra li fecero a pezzi. Letteralmente a pezzi. Infine disarcionarono Bragadino, seduta stante gli tagliarono il naso poi le orecchie e così mutilato lo costrinsero a inginocchiarsi dinanzi al vincitore che lo condannò ad essere spellato vivo. L’esecuzione avvenne tredici giorni dopo, alla presenza di tutti i ciprioti cui era stato ingiunto d’assistere.

Mentre i giannizzeri schernivano il suo volto senza naso e senza orecchie Bragadino dovette far ripetutamente il giro della città trascinando sacchi di spazzatura, nonché leccar la terra ogni volta che passava dinanzi a Lala Mustafa. Morì mentre lo spellavano. E con la sua cute imbottita di paglia Lala Mustafa ordinò di fabbricare un fantoccio che messo a cavalcioni d’una vacca girò un’altra volta intorno alla città quindi venne issato sul pennone principale della nave ammiraglia. A gloria dell’Islam.
Del resto non servì nemmeno che il 7 ottobre dello stesso anno i veneziani furibondi ed alleati con la Spagna, il papato, Genova, Firenze, Torino, Parma, Mantova, Lucca, Ferrara, Urbino e Malta sconfiggessero la flotta di Ali Pascià nella battaglia navale di Lepanto. Ormai l’Impero Ottomano era arrivato all’apice della potenza, e coi sultani successivi l’attacco al continente europeo proseguì indisturbato.

Arrivò sino alla Polonia dove le sue orde entrarono ben due volte: nel 1621 e nel 1672. Il loro sogno di stabilire lo Stato Islamico d’Europa si sarebbe bloccato soltanto nel 1683 quando il Gran Visir Kara Mustafa mise insieme mezzo milione di soldati, mille cannoni, quarantamila cavalli, ventimila cammelli, ventimila elefanti, ventimila bufali, ventimila muli, ventimila tra vacche e tori, diecimila tra pecore e capre, nonché centomila sacchi di granturco, cinquantamila sacchi di caffè, un centinaio tra mogli e concubine, e accompagnato da tutta quella roba entrò di nuovo in Austria. Rizzando un immenso accampamento (venticinquemila tende più la sua, munita di struzzi e di fontane) di nuovo mise Vienna sotto assedio.
Il fatto è che a quel tempo gli europei erano più intelligenti di quanto lo siano oggi, ed esclusi i francesi del Re Sole (che col nemico aveva firmato un trattato di alleanza ma agli austriaci aveva promesso di non attaccare) tutti corsero a difendere la città considerata il baluardo del Cristianesimo. Tutti. Inglesi, spagnoli, tedeschi, ucraini, polacchi, genovesi, veneziani, toscani, piemontesi, papalini. Il 12 settembre riportarono la straordinaria vittoria che costrinse Kara Mustafa a fuggire abbandonando anche i cammelli, gli elefanti, le mogli, le concubine sgozzate, e...

(da “La Forza della Ragione” di Oriana Fallaci - Rizzoli International - aprile 2004)


Assedio ottomano all'impero bizantino

[...]È l’anno 1452. Il sultano aveva come asso nella manica due cannoni dall’efficacia davvero strabiliante. Arrivato sotto le mura della città in aprile, come voleva la legge islamica mandò un dispaccio all’imperatore, dicendo che se si fosse arreso, avrebbe risparmiato la vita dei suoi sudditi, in caso contrario, la lotta sarebbe stata all’ultimo sangue.[...]

[...]Nel frattempo, siamo ormai nel 1453, arrivarono quattro navi genovesi, poiché le navi turche erano ammassate davanti a Costantinopoli ed avevano lasciato totalmente sguarnito il corno d’oro. Il sultano, infuriato, fa strangolare l’ammiraglio e fa spostare la flotta turca nel corno d’oro.[...]

[...]L’imperatore, Costantino, si gettò nella mischia e morì. In poche ore, Bisanzio era diventata un lago di sangue; la Vergine Odigitria, l’icona più venerata dell’impero, bruciava.[...]

[...]In Santa Sofia, mentre si celebrava il mattutino, i fedeli furono uccisi o catturati come schiavi Bisanzio moriva quando furono uccisi i due preti che stavano celebrando la messa.[...]

[...]Il giorno successivo, l’imam fece di Santa Sofia una moschea. L’impero ormai non esisteva più, ed il suo conquistatore aveva appena ventidue anni. La notizia fece inorridire il mondo cristiano.[...]

Son trecent’anni che in Europa si dovettero studiar gli antichi, per ritornare in vita le lettere e l’arti oppresse dalla barbarie. Fu necessario cominciar dai latini, come i più facili (massimamente prima che venisse quella colonia di greci di Levante a ripararsi tra noi dalla scimitarra di Maometto II), il clero e i monaci avendo conservato qualche scintilla di quel fuoco venerabile, e coltivato più o meno la latinità e i romani scrittori. Il maggior letterato era colui, che più sapea di latino, e si sa che si davano le terre e le possessioni per avere un codice, tanto eran pregiati e rari que’ volumi prima della stampa.

Saverio Bettinelli - Lettere Virgiliane, Lettere Inglesi e Mia Vita
Letteraria - LETTERA OTTAVA - 1757


Uno storico arabo ai tempi delle crociate
http://veromedioriente.altervista.org/inchiesta_orrori_passato.htm
Da alcuni documenti scritti da Baha ad-Din, amico e biografo del "grande Saladino":

"La guerra santa, e la relativa passione avevan fortissima presa sul suo cuore e su tutte le membra del suo corpo, tanto che egli non parlava d'altro argomento che questo, non badava che all'apparecchio di questa guerra, non si occupava che di chi questa combatteva, non aveva simpatia che per chi di essa parlava e ad essa esortava."

"Or stando io [Baha ad-Din] così, il Saladino mi si rivolse e disse [...]. <<Ho in animo, quando Iddio mi conceda la conquista del resto del Litorale, di far la divisione dei miei territori, far testamento e dettare le mie volontà, e poi mettermi per questo mare sino alle sue terre lontane, e inseguire i franchi sin là, sì da non lasciare sulla faccia della terra chi non creda in Dio, o morire>>." (vi ricorda qualcuno? Ma che coincidenza...)

Venerava altamente le regole della fede, credendo nella resurrezione dei corpi, nella retribuzione dei buoni col paradiso e dei malvagi con l’inferno, assentendo a cuore aperto a tutto ciò che la Santa Legge insegna, e detestando i filosofi, gli eretici e i materialisti, e tutti quelli che avversano la Legge. Ordinò per questo a suo figlio al-Malik az-Zahir signore di Aleppo di far giustiziare un giovane a nome as-Suhrawardi, che si diceva nemico della Legge ed eretico. Quel principe suo figliuolo l’aveva fatto arrestare per quanto ne aveva udito, e ne informò il Sultano, che ordinò di ucciderlo: e così lo uccise, e lo tenne per più giorni sulla croce.

Il secondo giorno, il nemico mosse ad affrontarci, ed egli, pur sofferente com’era, ordinò l’esercito per la battaglia: pose all’ala destra al-Malik al-‘Adil, alla sinistra Taqi ad-din, e i suoi figli al-Malik az-Zahir e al-Malik al-Afdal al centro. Egli stesso si pose dietro al nemico per attaccarlo. Appena sceso dal Tell, gli fu condotto un Franco catturato dell’esercito nemico; ed egli, offertogli di abbracciare l’Islàm, ordinò al suo rifiuto di tagliargli la testa, ciò che fu fatto in sua presenza.

L’esercito ruppe il contatto col nemico, nella certezza che quel giorno il Sultano avrebbe fatto uccidere e crocifiggere parecchia gente; suo figlio stesso al-Malik az-Zahir mi raccontò che quel giorno aveva temuto di suo padre al punto da non osare di comparirgli dinanzi

[...]E quando Dio glielo [principe Arnàt] mise in mano in quella giornata, ribadì la sua decisione di ucciderlo per adempiere al suo voto. Lo fece dunque venire col re, e lagnandosi il re per la sete gli fece presentare una coppa di sorbetto. Il re ne bevve, e la porse ad Arnàt; ma il Sultano disse all’interprete: “Di’ al re: sei tu che gli hai dato da bere; io per me, né gli do a bere della mia bevanda, né da mangiare del mio cibo! », intendendo con ciò che chi avesse mangiato del suo cibo, l’onore esigeva che egli non gli facesse alcun male. Dopo di che, troncò il capo ad Arnàt di sua mano, adempiendo il suo voto.

"Al mattino del lunedì diciassette rabì secondo, due giorni dopo la vittoria, il sultano fece cercare dei prigionieri Templari e Ospitalieri, e disse: 'Purificherò la terra di queste due razze impure' ...
Egli [Saladino] ordinò fossero decapitati, preferendo l'ucciderli al farli schiavi. C'era presso di lui tutta una schiera di dottori e sufi, e un certo numero di devoti e asceti: Ognuno di essi chiese il favore di uccidere un prigioniero, sguainò la spada e scoprì l'avambraccio. Il sultano stava seduto con la faccia sorridente, mentre quelle dei miscredenti erano accigliate. Le truppe erano schierate, con gli emiri su due file. Fra i religiosi, alcuni diedero un taglio netto ed ebbero ringraziamenti; la spada di altri esitò e rimbalzò: furono scusati; altri ancora furono derisi e sostituiti. Io ero presente e osservavo il sultano che sorrideva al massacro, scorsi in lui l'uomo di parola e d'azione. Quante promesse non adempì! Quante lodi non si meritò! Quante ricompense durature a motivo del sangue da lui versato! ..."

"Intendo purificare la terra da questi due ordini mostruosi, dediti a pratiche insensate, i quali non rinunzieranno mai all'ostilità, non hanno alcun valore come schiavi e rappresentano quanto di peggio vi sia nella razza degli infedeli".

Francesco Gabrieli (a cura di), Storici arabi delle crociate, Einaudi, Torino 2002
http://veromedioriente.altervista.org/inchiesta_orrori_passato.htm


L'incredibile conquista di Otranto



Nel 1480 Otranto venne conquistata dai Turchi sotto il comando del pascià Gedik Ahmed, inviato dal sultano Maometto II, molto abile e crudele, per estendere il regno dell’Islam in Italia ed in Europa. Avvertito dei preparativi turchi, il re di Napoli cercò di presidiare le coste pugliesi, tra cui Otranto. Ma il 28 luglio 1480 l'armata ottomana giunse a Otranto e iniziò quella che poi sarà definita la Battaglia di Otranto.

28-LUGLIO-1480

Nella guerra d'Otranto (1480-81) c'era Gedik Ahmed Pascià, uno dei più formidabili fra i generali ottomani, da poco elevato alla carica di 'sançak bey' di Valona in Albania (cioè governatore del sangiaccato di Valona; un sangiaccato é parte di una provincia). In questo giorno sferrò per ordine del sultano Maometto II un grande attacco all'Italia.
Maometto II prese a pretesto presunti diritti da parte dei turchi all'eredità dei principi di Taranto. La verità è che il sultano pare ambisse a conquistare Roma e l'Italia, come pure a distruggere il potere del re di Napoli Ferrante colpevole di avere aiutato gli insorti albanesi.

Non é chiaro esattamente a quanto ammonti la forza della spedizione: le fonti parlano di una flotta che va dalle 70 alle 200 navi con a bordo fra i 18.000 e i 100.000 turchi. Grazie alla cinica neutralità di Venezia, l'attraversamento del Canale di Otranto fu tranquillo. La scelta della città di Otranto come luogo dello sbarco fu naturale: era la città più vicina alle coste albanesi e soprattutto era un ottimo porto per la flotta turca. Ai primi momenti dello sbarco vi furono isolate scaramucce fra i soldati della guarnigione otrantina e le forze nemiche che sbarcavano, ma ben presto i soldati, intimiditi dal continuo accrescersi della potenza del nemico, si rifugiarono fra le mura.

29-LUGLIO-1480

La guarnigione insieme a tutti gli abitanti abbandona il borgo in mano ai turchi e si ritirano nella cittadella, cioè nel Castello d'Otranto. Venne chiesta da Ahmed Pascià la resa, ma i difensori respinsero immediatamente la richiesta.

11-AGOSTO-1480

La cittadella, sprovvista di cannoni e le cui mura vengono continuamente colpite dalla formidabile artiglieria ottomana, dopo due settimane di disperata resistenza nella vana attesa di soccorsi da parte del re e di suo figlio Don Alfonso duca di Calabria (da cui dipendeva la città), viene espugnata dai turchi. Si consuma un terribile massacro: tutti i maschi con più di quindici anni vengono uccisi mentre le donne e i bambini sono ridotti in schiavitù (secondo alcuni i morti furono 12.000 e gli schiavi 5000, ma é dubbio che la città avesse tanti abitanti). Una delle carneficine più terribili avvenne nella cattedrale dove tutto il clero e i molti civili ivi rifugiatisi vennero sterminati (dopo la chiesa in segno di ulteriore spregio fu ridotta a stalla per i cavalli).

Particolarmente tragico fu il destino dell'arcivescovo Stefano Pendinelli e del comandante della guarnigione, il conte Francesco Largo: vennero letteralmente segati vivi. Da queste terribili stragi la città non si riprenderà mai più diventando una località marginale rispetto a Lecce.

12-AGOSTO-1480

Si consuma il secondo atto della tragedia: 800 otrantini che si sono rifiutati di abiurare alla fede cattolica vengono trascinati sul Colle della Minerva e lì decapitati. Riconosciuti ufficialmente martiri dalla chiesa e le loro ossa si trovano in sette grandi armadi in legno nella Cappella dei Martiri ricavata nell'abside destro della cattedrale di Otranto (altri loro resti sono nel Duomo di Napoli). Sopra il Colle della Minerva si trova ora una chiesetta a loro dedicata, Santa Maria dei Martiri.


IL "MARTIRIO"

Akmet Pascià radunò i superstiti dai quindici anni in su e, attraverso un interprete, fece loro la proposta: "O rinnegare la fede in Gesù Cristo, o morire di morte atroce". Ed uno di essi, tal Antonio Primaldo Pezzulla, cimatore di panni, rispose: "Scegliamo piuttosto di morire per Cristo con qualsiasi genere di morte, anzichè rinnegarlo". E poichè uno soltanto aveva risposto, il Pascià fece interrogare gli altri su che cosa scegliessero. Ed essi subito gridarono in coro: "In nome di tutti ha risposto uno solo: siamo pronti a subire qualsiasi morte anzichè abbandonare Cristo e la fede in Lui" (dai "Commenti sull'Apocalisse" di Pietro Colonna detto il Galatino Presbitero - Cod. Vat. Lat. 5567, foll. 147-148). Ottocento volte "no"! L'orrenda carneficina ebbe inizio sul Colle della Minerva proprio da Antonio Primaldo, decapitato per primo. Il suo tronco rimase in piedi fino alla conclusione dell'eccidio questo fatto provocò la conversione del carnefice Berlabei, condannato poi all'impalazione.


FINE AGOSTO -1480

Dopo la presa di Otranto Ahmed Pascià compie una manovra diversiva al fine di disorientare il comandante delle truppe aragonesi Don Alfonso duca di Calabria: attacca dal mare con 70 navi la città di Vieste nel Gargano, che viene messa a ferro e fuoco.

12-SETTEMBRE-1480

I turchi incendiano la chiesetta di Santa Maria di Merino a sette chilometri da Vieste (era tutto ciò che già allora rimaneva di quell'antico borgo): essa custodiva la Madonna di Merino (scultura in tiglio scolpita fra il XIV e il XV che pare sia la parte superstite di un gruppo raffigurante l'Annunciazione) che si diceva fosse stata trovata da alcuni marinai sul lido di Scialmarino ed era immediatamente diventata oggetto di venerazione in tutto il territorio di Vieste e meta di frequenti pellegrinaggi.

OTTOBRE -1480

Gedik Ahmed pascià ripassa il Canale di Otranto con gran parte delle sue truppe dopo aver ripetutamente devastato con continue scorrerie i territori di Lecce, Taranto e Brindisi lasciando a Otranto soltanto una guarnigione di 800 fanti e 500 cavalieri. Nella sua decisione deve aver pesato anzitutto le difficoltà nello sfamare un'esercito così grande in una regione non ricchissima come il Salento, come anche la pressione crescente delle forze aragonesi finanziate dal denaro fiorentino e supportate attivamente dal Papa Sisto IV che proclamò una crociata contro i turchi. Ma é certo che il pascià pensasse di ripassare lo stretto l'anno dopo, e pure i cristiani ne erano convinti: infatti per tutto l'inverno il terrore in Italia rimase altissimo, con continue voci che parlavano di un abbandono di Roma da parte del Papa.

1-MAGGIO-1481

I cristiani mettono il campo vicino ad Otranto; il campo dispone di formidabili apparati di difesa garantiti dal 'Maestro Ingegnere del duca d'Urbino Ciro Ciri e dal francese Pietro D'orfeo. La città e stretta d'assedio sia per terra che per mare.

4-MAGGIO-1481

Avviene un fatto decisivo per l'esito dell'assedio: muore a soli 52 anni il grande sultano Maometto II il Conquistatore. E a lui che si deve la sottomissione di tutti i Balcani (meno la Dalmazia veneziana e la Croazia ungherese) come di tutta l'Anatolia, ma soprattutto la conquista di Costantinopoli, da lui trasformata nella nuova capitale dell'impero (in precedenza era Adrianopoli).

Il sultano costruì durante il suo dominio una flotta e un esercito di una tale potenza da far tremare l'Europa; particolarmente devastante la sua artiglieria, che non temeva confronti con quella delle potenze occidentali. Anche per questo la notizia della sua morte fu accolta con universale sollievo da parte di tutti i cristiani, sollievo accresciuto dalla notizia di una guerra civile fra due figli di Maometto II, i fratellastri Cem (sostenuto dalla corte e dal Gran Visir) e Bayazid (appoggiato dai giannizzeri). Gedik Ahmed Pascià che si apprestava a sbarcare in Italia appoggiò subito colui che sarebbe stato il futuro sultano Bayazid II e gli chiese supporto per la spedizione in Italia, ma Bayazid, non fidandosi di lui, lo richiamò a Costantinopoli dove lo fece imprigionare (in seguito per ordine del sultano fu assassinato il 18-11-1482 ad Adrianopoli).

LA CRONACA DI IBN KEMAL:

[Dalla Puglia], in cui ogni angolo è pieno d’oro e d’argento […] trassero tanti schiavi e schiave i quali […] avevano visi più puliti delle acque e occhi fonte di bellezza, e di cui era impossibile stimare il valore. Se di tutto questo ottenuto si togliesse un quarantesimo, diventerebbe un tesoro per i mendicanti di tutto il mondo. Ne presero tanto che ad esprimere e a scrivere non resisterebbero la lingua e le dita. Nel luogo soprannominato c’erano molte opere rare, paesi, città grandi ed ognuno aveva nei suoi dintorni una campagna prospera e una infinità di villaggi.

[…] Alli 28 del mese di luglio, di venerdì mattina, Ahmed Pascià se rapresentò in Otranto con galere ventiquattro, galeotte e fuste 78 e pantanaree 30 [132 navi] con li quali portò 400 cavalli e 16.000 fanti, nove grosse bombarde, cerbottane ed altre sorte diverse d’artigliaria […] al numero di 400; e discesi li cavalli in terra, subito discorsero per la provincia e […] fero grandissima preda, saccheggiando e abbrugiando molti casali ed amazzando molta gente.

[...]gli infedeli pessimi, fuggiti, entrarono nel castello e chiudendo la porta del castello aprirono il portone della guerra. […] I cannoni […] respiravano come bocche di giganti […] [e] quando alcuni […] fra i soldati infedeli come diavoli volevano farsi vedere, palle di pietra portavano via le loro teste e i loro corpi rimanevano attaccati accanto alle mura […]. La pianura accanto alla città si era trasformata in un mare di ondate di ferro; con il luccicare dei terrapieni e con lo splendore dei caschi di acciaio si erano congelati nel cielo la luna e il sole. Ahmed Pascià […] ordinò agli eroi di andare contro il nemico […]; gli eroi si infuriarono come il Nilo […] e attaccarono con le spade sguainate che ardevano come fiamme spegnendo con le spade il fuoco dei corpi vili di quegli infedeli […] cani da inferno, e atterrarono quegli orgogliosi con la punta delle lance […]. Quei perfidi […] quei vili [gli otrantini] si spensero come arbusti presi dal fuoco […]. Dei cadaveri dei soldati di ponente [ossia occidentali, quindi gli otrantini] era pieno il campo di battaglia […]. Sconfitto il nemico perfido, i vincitori, soldati combattenti per la vittoria dell’Islam, […] dei prigionieri vendettero alcuni e alcuni li uccisero.

I soldati dell’Islam, combattuto per un po’ di giorni con quelli di fede errata [l’eccidio come è noto avvenne fra il 12 e il 14 agosto 1480], avendo trasformato in un cimitero la città agli occhi degli infedeli perfidi, con la forza presero la fortezza; [ciò avvenne l’11 agosto] nell’interno, spazzarono via tutto e ottennero migliaia di prigionieri, donne, bambini, vecchi, giovani […]. Poiché quei miserabili dal carattere di scorpione [sono gli ottocento Martiri] non erano disposti a convertirsi alla vera religione, presero di mira con le frecce i loro petti pieni di rancore. Mandando al fuoco dell’inferno, con la spada, gli infedeli di quel luogo.

Otranto, 1480, nella cronaca di Ibn Kemal (nato a Edirne e morto a Istanbul nel 1534), cronista e testimone oculare) della conquista di Otranto, in Storie della Casa di Osman, vergate su commissione del sultano Bayezid II.

Di come i turchi, intorno all'anno 1000 d.C. trattavano gli "infedeli"

Essi [i turchi] hanno distrutto completamente alcune chiese di Dio e ne hanno trasformato altre a uso del loro culto. Insozzando gli altari con le loro porcherie; circoncidono i cristiani macchiando gli altari col sangue della circoncisione, oppure lo gettano nel fonte battesimale. Si compiacciono di uccidere il prossimo squarciandogli il ventre, estraendone gli intestini, che legano a un palo. Poi, frustrandole, fanno ruotare le vittime attorno al palo e le colpiscono scoccando frecce; ad altri ancora gli tirano il collo per vedere se riescono a decapitarli con un solo colpo di spada. E che dire degli orripilanti stupri ai danni delle donne?

Dal resoconto di Roberto il Monaco, Historia Hierosolymitana, in James A. Brundage, The Crusades: a Documentary Survey, Marquette University Press, Milwaukee 1962, pag. 18


Un cronista cristiano così racconta l'arrivo del Saladino in città



«Quando ebbe preso Gerusalemme non se ne volle andare finché non ebbe pregato nel Tempio e finché tutti i cristiani non fossero fuori dalla città. Egli mandò a prendere a Damasco dell'acqua di rose per lavare il Tempio prima di entrarvi [...]. E fece abbattere una grande croce dorata che stava sul Tempio, e che i saraceni poi legarono con delle corde e trascinarono fino alla torre di David. Là i saraceni miscredenti si dettero a spezzarla e le fecero gravi oltraggi: ma non posso dire se ciò sia avvenuto per comando del Saladino. Questi fece lavare il Tempio, vi entrò e rese grazie a Dio». Il Santo sepolcro fu chiuso e le principali chiese trasformate in scuole teologiche islamiche.


Califfi e cristiani

"nell'850 e nell'854 il califfo al-Mutawakkì decretò che i cristiani ed ebrei affiggessero alla porta di casa immagini in legno rappresentanti dei diavoli, che livellassero le loro tombe al livello del terreno, che portassero indumenti a vista color miele, che applicassero due toppe color miele miele sugli abiti dei loro schiavi, [...] e che cavalcassero soltanto muli e asini dotati di selle di legno e contraddistinti da due palle della grandezza di una melagrana attaccate alla parte posteriore"

Philip K. Hitti (1886 - 1978), The Arabs: A Short History, Regnery, Wishington DC 1996, p.137.


Il Califfo Al-Hakim abolì la festività delle Palme, ordinò di punire i cristiani e di requisire ogni loro bene. Li costrinse a vestire abiti distintivi (in genere una cintura, o zunnār, un copricapo di color nero e simboli della loro fede, secondo la legislazione sui dhimmi). Vietò loro incarichi nei pubblici uffici.
Nel 1009 saccheggiò e fece demolire la chiesa che al Cairo era dedicata a Maria e non impedì la profanazione dei sepolcri cristiani che la circondavano e il sacco di altre chiese della città. Nello stesso anno si ebbe quello che fu sicuramente l’episodio più grave: la distruzione a Gerusalemme della basilica costantiniana della Resurrezione, conosciuta come il Santo Sepolcro.
Le cronache del tempo dicono che egli aveva ordinato “di farvi sparire qualsiasi simbolo di fede cristiana e di provvedere a portar via ogni reliquia ed oggetto di venerazione”. La basilica quindi fu completamente abbattuta, e Ibn Abi Zahir cercò in ogni modo di rimuovere il sepolcro di Cristo e di farne sparire ogni traccia.

Lo storico arabo Yahia Ibn Sa'id descrive così gli eventi: "Si impadronirono di tutte le suppellettili che si trovavano nella chiesa e la distrussero completamente, lasciando solo qualcosa la cui distruzione era molto difficile. Distrussero anche il Calvario e la chiesa del santo Costantino e tutto quello che si trovava nei loro confini e tentarono di eliminare i sacri resti… Questa distruzione cominciò il martedì il quinto giorno prima della fine del mese di Saffar nell’anno 400 dell’Egira (25 agosto 1009).

Per ben undici anni fu proibito ai cristiani di visitare questo sito e non era loro permesso nemmeno di pregare tra le rovine. Fu solo alcuni anni dopo che fu permesso ai cristiani di ricostruire il santuario. Questo fu il risultato di un trattato di pace tra l'imperatore bizantino Argyropulos e il successore di al-Hakim. I lavori furono iniziati sotto il regno dell'imperatore Costantino Monomaco.

Il perché delle crociate

Le Crociate contro l'Oriente furono in realtà guerre di legittima difesa. Rappresentavano l'unica possibile risposta alle aggressioni musulmane, un tentativo di arginare la conquista musulmana di terre cristiane. Dal tempo di Maometto, la politica di espansione musulmana consistette sempre nella spada. Il pensiero musulmano divide il mondo in due sfere, la Dimora dell'Islam e la Dimora della Guerra. La Cristianità - e, se è per questo, ogni religione non musulmana - non ha dimora alcuna. Cristiani ed ebrei possono essere tollerati all'interno di uno stato musulmano, sotto la legge musulmana. Ma, nell'Islam tradizionale, le terre cristiane devono essere conquistate o distrutte.
Questo è quanto fece nascere le Crociate. Non il progetto di un papa ambizioso o i sogni di cavalieri rapaci, ma una risposta a più di quattro secoli di conquiste, con le quali i musulmani avevano già fatti propri i due terzi del vecchio mondo cristiano. A quel punto, il Cristianesimo come fede e cultura doveva o difendersi o lasciarsi soggiogare dall'Islam. Le Crociate non furono altro che questa difesa. Scriveva papa Innocenzo III, nel 1215: “Come può l'uomo che ama secondo il precetto divino il suo prossimo come se stesso, sapendo che i suoi fratelli di fede e di nome sono tenuti al confino più stretto dai perfidi musulmani e gravati della servitù più pesante, non dedicarsi al compito di liberarli ?”
Spesso si ritiene che l’obiettivo centrale delle Crociate fosse la conversione forzata del mondo musulmano. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Nella prospettiva cristiana medievale, compito dei crociati era sconfiggere i musulmani invasori e difendere la Chiesa contro di loro. Questo era tutto. Ai musulmani dimoranti nei territori conquistati dai crociati generalmente fu concesso di conservare le loro proprietà, il loro sostentamento e la loro religione.

Per ribattere a chi solleva la questione del jihad, i musulmani sostengono che i cristiani hanno fatto di peggio, alludendo alle crociate o all’epoca del colonialismo.
Questo è un dibattito da lasciare agli storici, con la differenza essenziale che i crociati o i cristiani che hanno combattuto la guerra non pretendono di averlo fatto fondandosi sul Vangelo: l’hanno fatto, invece, in nome della difesa della cristianità - o così pensavano - oppure in difesa del loro Stato nazionale o anche di ciò che consideravano propri diritti. Insomma, in quanto uomini appartenenti a una cultura, a una nazione, a una tradizione, e non in nome del Vangelo.

Non dimentichiamo che l’idea delle crociate fu una reazione alle persecuzioni intraprese dal califfo fatimide al-Hakim bi-Amr Allah (996-1021) contro i cristiani d’Egitto e di Siria (che allora comprendeva anche la Terrasanta). Nell’anno 1008 al-Hakim abolì la festività delle Palme. Nel 1009 «ordinò di punire esclusivamente quelli [segretari] che tra di loro erano cristiani, facendone appendere molti per le mani e requisendo ogni loro bene». Nel marzo 1009 «spedì una lettera a Damasco in cui dava disposizione di demolire la chiesa cattolica dedicata alla Madonna, imponente e bella chiesa in verità!, che fu di fatto abbattuta nel mese di rajab di questo stesso anno».
La domenica 13 agosto 1009 «fece abbattere la chiesa dedicata a Maria ad al- Qantarah, nel Vecchio Cairo. Dopo averla fatta demolire fino alle fondamenta, ne saccheggiò le suppellettili e le rovine. Nei pressi della chiesa c’erano numerose tombe e sepolcri cristiani. Dopo averli aperti tutti, i negri, gli schiavi e la plebaglia esumarono i cadaveri ivi seppelliti e ne dispersero le ossa, mentre i cani divoravano le carni di coloro che vi erano stati sepolti di recente. Nelle vicinanze della predetta chiesa ce n’era una di proprietà dei giacobiti [cioè dei copti], dedicata a san Cosma. S’impadronirono anche di quella, riducendola ad un ammasso di rovine».

Ma l’episodio più grave che provocò la reazione della cristianità fu la distruzione della Basilica della Risurrezione di Gerusalemme (chiamata in Occidente il Santo Sepolcro), iniziata il 28 settembre 1009. Al-Hakim ordinò «di farvi sparire qualsiasi simbolo [di fede cristiana] e di provvedere a portar via ogni reliquia oggetto di venerazione». «La basilica fu abbattuta fin nelle fondamenta, ad eccezione di ciò che era impossibile distruggere e difficile da asportare. Furono così demoliti il luogo detto Cranio, la chiesa di San Costantino, nonché tutti gli altri edifici compresi nel loro perimetro, mentre le sacre reliquie venivano portate via. Ibn Abi Zahir cercò in ogni modo di rimuovere il Santo Sepolcro e di farne sparire ogni traccia, riuscendo a farne spezzare e asportare gran parte». Si potrebbe continuare così a lungo ricordando distruzioni di chiese ed altre calamità contro i cristiani.

Sebbene, quindi, la prima crociata sia stata lanciata dal Papa, non si può affatto dire che fosse una sollecitazione o una conseguenza del Vangelo. Il Papa rappresentava allora l’autorità e decideva anche delle questioni politiche e militari. E questa è una grande differenza. Lo dimostra anche il fatto che le crociate non erano considerate come guerre di religione, dato che gli stessi storici arabi dell’epoca, e in particolare quelli musulmani, non le hanno mai chiamate "crociate" come viene fatto oggi ad imitazione dell’Occidente. La nuova denominazione araba di al-hurub al-salibiyya, le guerre di coloro che portano la croce, risale solo all’Ottocento, mentre era precedentemente utilizzata quella di hurub al-Faranj, guerre dei Franchi, che sottintende gli occidentali in generale.

Gli storici arabi precisavano talvolta la nazionalità specifica di questi Franchi, parlando di Alemanni, Ungheresi o Amalfitani. Tutti questi gruppi erano quindi visti dagli arabi come nazioni e popoli arrivati in Oriente per invadere la loro terra. Senza dire che durante le crociate troviamo spesso principi musulmani stringere alleanze con duchi franchi per combattere contro altri principi musulmani e duchi franchi, come in ogni tipica guerra di interessi.

(Fonti: Crisis, Vol. 20 N. 4 e Alcune delle "100 DOMANDE SULL'ISLAM" di Samir Khalil Samir, Giorgio Paolucci, Camille Eid)


L'Jihad totale

L’Jihad è citato molte volte nel Corano, e i musulmani sono chiamati a diffonderlo nel nome di Allah “ pronti a dare tutto ciò che posseggono, anche la loro vita “, il che significa abbandonare ciò che hanno di più prezioso per promuovere gli obiettivi dell’islam e sottomettere gli infedeli “ perché la parola di Allah sia sempre al livello più alto, mentre quella degli infedeli si trovi sempre a quello più basso”.
Lo scopo del Jihad è proteggere l’islam dagli stranieri a dai loro complotti, e effettuare iniziative di lotta con l’obiettivo di diffonderlo e imporlo con le armi a tutti coloro che rifiutano di convertirsi. Maometto ha detto: “ ho ricevuto l’ordine di combattere contro tutti coloro finché non riconosceranno che non esiste altro Dio all'infuori di Allah, e che Maometto è il suo profeta, dovranno pregare e essere caritatevoli; se si comporteranno così salveranno i loro beni e anche la loro vita”.
Dopo la morte di Maometto una parte delle tribù si sono allontanate dalla comunità dell’islam, e i primi califfi le hanno combattute con crudeltà per costringerle a rientrare nel seno dell’islam. Dopo, le tribù beduine del deserto hanno invaso i paesi del Levante, fertili e quindi ricchi, li hanno conquistati e sottomessi, imponendo l’islam a milioni di persone con la forza delle armi.
Nel corso degli anni, dopo la costituzione dell’impero islamico nei territori conquistati, dall’Indonesia a est al Marocco a ovest, il potere si è consolidato con l’amministrazione statale, dall’imposizione dell’islam alla gestione dell’economia. I musulmani avevano bisogno della collaborazione delle popolazioni che seguivano altre religioni, come i persiani, gli ebrei, i cristiani, del loro sapere in campi scientifici: astronomi, economisti, chimici, così hanno smesso di combatterli, almeno fino alla rivoluzione islamica del 1979 che ha iniziato a dare vita all'idea di un Jihad senza confini in tutto il mondo.
L'atteggiamento, le credenze, le pratiche e gli obiettivi dei mussulmani non sono cambiati col trascorrere dei secoli, mentre il resto del mondo evolveva in direzioni sempre diverse, loro sono rimasti ancorati alla stessa situazione di più di 1000 anni fa, ed ovviamente questo vale anche per l'epoca moderna.




L'ideologia di morte moderna

Premessa: tratto da qui e qui

Se uno guarda alla storia islamica, fin dalla vita di Maometto e subito dopo la sua morte con gli imam, morti per lo più ammazzati fra loro, con la sanguinosa serie di successioni omayadi e abbassadi, giù giù fino a oggi, tutta la storia dell'Islam è una serie interminabile di congiure, guerre civili, lotte per il potere, quasi senza meccanismi legittimi di accesso al potere.
Per cinquecento anni poi gli arabi sono stati soggetti al potere turco, non all'imperialismo occidentale, che sul Levante ha comandato per pochi decenni, fra la fine della Prima Guerra Mondiale e la fine della Seconda. Non che non abbia combinato guai, soprattutto quello inglese che ha cercato di imporsi facendo promesse un po' a tutti e coltivando la divisione nella speranza di governare.

Ma insomma gli arabi sono quel che sono, hanno la cultura politica che dimostrano soprattutto per la loro storia. E in sostanza dimostrano di non essere in grado di evitare la violenza e l'oppressione. Qualche volta capita che si tengano elezioni in qualcuno di questi paesi, ma sono per lo più truccate e comunque chi vince non pensa affatto, com'è regola della democrazia, che il suo potere sia provvisorio e debba essere restituito all'elettorato e magari sostituito a tempo debito. Semplicemente si accomoda e fa quel che può per non essere allontanato: scrive costituzioni autoritarie come in Egitto, ammazza i leader dell'opposizione come in Tunisia, li accusa di crimini inventati come in Iraq, fa strage di chi protesta, resiste alle sollevazioni popolari con la forza delle armi come in Siria e in Bahrein. Nel caso frequente che gli oppositori arrivino a uno stallo e nessuno riesca a distruggere l'altro, si suddividono il territorio, come è accaduto con l'Autorità Palestinese, in sostanza anche con l'Iraq e sta accadendo in Siria e Libia.

Per questa ragione è prevedibile che la fase dei torbidi che la regione sta attraversando non finisca affatto presto e che gli Stati disegnati dopo la prima Guerra Mondiale sulle rovine dell'impero ottomano si frammentino in pezzi etnici o religiosi: Curdi e Alawiti, Sunniti e Sciiti, Anp e Hamas, eccetera.
Tutto ciò è alimentato dalla grande spinta islamista, che non va pensata in termini politici, come se fosse un partito, ma in termini identitari e di valori. Non vi è separazione netta fra islamisti "moderati" (la Fratellanza musulmana), "estremisti (i "salafiti") e "terroristi (i talebani, Al Qaeda), perché i dissensi sono semplicemente di natura tattica, il fenomeno è lo stesso ed è il riflesso politico di un'identità profonda che non era stata scalfita dall'occidentalizzazione delle élites e dalle vicende politiche, ma che ora riprende il proprio cammino come ha fatto con qualche interruzione per mille e quattrocento anni: "purificando" a intervalli il proprio interno e aggredendo gli "infedeli" intorno.

La distruzione di monumenti funebri di santi islamici, spesso oggetti d'arte meravigliosi, di biblioteche e dei segni di altre culture, che avviene in questi anni dall'Afganistan a Timbuctù, passando per i musei del Cairo e la Tunisia, non è altro che la ripetizione delle spinte "purificatrici" che si sono ripetute nei secoli a intervalli regolari.
L'assalto a Israele, ma anche ai cristiani dell'Africa e della Siria, Turchia, Egitto, Iraq; l'intolleranza in luoghi una volta abbastanza aperti come l'Indonesia e il Pakistan, il tentativo, più o meno subdolo ma spesso dichiarato, di invasione dell'Europa e di cancellazione di popolazioni di confine come in Armenia e in Kossovo, la decisione di far pesare il proprio numero in tutte le sedi internazionali, l'assalto ai singoli individui visti come portabandiera di una resistenza culturale, con i numerosi tentativi di assassinio di questi anni ad autori di fumetti, romanzi, film, articoli "antislamici": tutto questo non è altro che il rinnovamento con mezzi nuovi di una spinta espansiva che si esercita con qualche pausa nei secoli da mille e quattrocento anni.
L'Islam non manda missioni religiose, non converte come il Cristianesimo. Procede con eserciti, impone la sua legge e sa che le conversioni seguiranno.

E' ingenuo al limite dell'ottusità pensare di limitare questo fenomeno con buone parole e solenni trattati. Anche su questo l'Islam è chiarissimo: con gli infedeli non possono esserci paci, solo tregue. E le tregue durano finché conviene all'Islam, cioè fino a che l'avversario appare più forte. Questo spiega l'esplosione di violenza attuale: non è l'imperialismo o l'oppressione che provoca la rivolta e la guerra, ma la debolezza dell'avversario, la sua irresolutezza, la sua stessa offerta di pace.
I governanti attuali farebbero bene a leggere qualche storia dell'impero bizantino, che resistette ai musulmani per sette secoli, contraendosi progressivamente, a volte riprendendosi, a volte perdendo rovinosamente (magari grazie alla collaborazione degli eserciti europei che lo assalivano alle spalle).
Costantinopoli ha retto per quanto era forte e disposto a combattere; alla fine ha ceduto. E in un mondo che era al novanta per cento cristiano (l'Anatolia, il Levante, la Mesopotamia, l'Egitto, il Nordafrica, Costantinopoli stessa, per mille anni la più grande e gloriosa città cristiana del mondo) oggi non restano quasi più popolazioni non musulmane.
A parte qualche minoranza sotto attacco in Libano e in Egitto, qualche piccola isola in Iraq e in Siria. E naturalmente gli ebrei in Israele, che hanno avuto il torto terribile agli occhi dell'Islam di volersi riprendere la loro terra già conquistata dall'Islam e colonizzata dagli arabi.

Per questo Israele è così odiata, perché è il segno di una resistenza possibile, della non irrevocabilità della conquista musulmana, della presenza forte della modernità occidentale, della libertà, del pluralismo in una terra destinata, dal punto di vista islamico, alla sottomissione. Gli israeliani da subito scelsero di lavorare la terra direttamente, di non essere colonialisti nel senso di sfruttatori del lavoro di altri popoli. Hanno comprato la terra che abitano; è ridicolo solo pensare che "rubino la terra" agli arabi, dato che vivono su circa 25 mila chilometri quadrati (l'Italia ne ha 300 mila circa) su circa 13 milioni dei paesi arabi circostanti.
Il problema è la differenza. E la resistenza. Di questo oggi si tratta, su questo oggi si lotta.

Gli islamici predicano un’indiscussa obbedienza a Dio, a cui gli uomini devono sacrificare la loro vita. L’editorialista saudita Mozammel Haque, in un intervento alla Moschea centrale di Londra, ha spiegato: “Il sacrificio della vita e della ricchezza secondo la dottrina di Allah è il culmine della fede di un uomo”.

Nonostante l’affermazione teologica che l’uomo è libero, gli islamici hanno un approccio fatalistico alla vita. Se una persona muore, è perché è arrivato il giorno prestabilito; le modalità con cui la vita finisce non hanno rilievo. Tali credenze fanno sì che tra i combattenti, ci sia una disponibilità ad avere poca o nessuna paura della morte. Citano il versetto del Corano: “La loro ricompensa sarà essere accanto al Signore, non avranno nulla da temere né saranno afflitti”. Gli islamici predicano la "istishhad", il martirio volontario, che si conclude con la morte . Inoltre, i martiri potranno dopo la morte possedere 72 vergini e incontrare 50 parenti in paradiso. (27) Le ricompense promesse rendono la morte materialmente migliore della vita e incoraggiano gli jihadisti al martirio.

In pratica, questo significa che il pensiero islamico non si pone alcun problema nei confronti di quel che le nazioni occidentali vedono come immorale e inaccettabile, cioè l’uccisione di civili. Se si verifica un danno collaterale, ad esempio su scuole o ambulanze, quando i soldati di Hamas sparano, non vi è alcuna colpa: si vede che le vittime civili del fuoco incrociato erano destinate a morire. L’esule saudita Muhammad al-Massari spiega che ogni civile ucciso in un attacco contro il nemico “non soffrirà (ma) ... diventerà lui stesso un martire”. Nel corso della guerra del 2006, tra Israele e Hezbollah, il Segretario Generale di Hezbollah Hassan Nasrallah “si scusò” per un attacco a Nazareth, in cui rimasero uccisi due bambini arabi israeliani, ma disse anche che i due bambini verranno considerati “martiri”.

Molti musulmani, per esempio Zuhair Afaneh, Presidente della Società islamica della Pennsylvania Centrale criticano la giustificazione religiosa per crimini di guerra citando un versetto del Corano: “Chiunque uccide un essere umano per fini diversi dall' omicidio colposo o si renda responsabile di corruzione, sarà come se avesse ucciso tutta l’umanità, e chiunque salva la vita di un solo uomo, sarà come se avesse salvato la vita di tutta l’umanità “. Altri islamici però, citano versi alternativi in contrapposizione. Forse non tutti questi estremisti hanno adeguate giustificazioni religiose. Ne deriva che i gruppi islamici si sentono autorizzati a commettere atti orrendi contro la popolazione civile, tra cui uccisioni di massa, decapitazioni, e l’uso dei bambini in attacchi terroristici.

Lo sceicco Faysal Mawlawi, Vice Presidente del Consiglio europeo per la Fatwa e la Ricerca, ha spiegato: “Se il nemico dei musulmani attacca civili musulmani, allora è lecito per noi musulmani applicare la regola della reciprocità e attaccare i civili nemici”. Lo studioso musulmano egiziano Yusuf al-Qaradawi, che è a capo del Consiglio europeo per la Fatwa e la Ricerca, ha aggiunto che “le operazioni che includono martiri ... non sono in alcun modo escluse nell’ambito del terrorismo, anche se le vittime includono alcuni civili”. Nel luglio del 2003, il quotidiano pan-arabo Asharq al-Awsat con sede a Londra, aveva riferito che Qaradawi aveva emesso una sentenza religiosa atta a incoraggiare gli attacchi suicidi contro gli israeliani, indipendentemente dal fatto che fossero civili o militari.

La validità delle missioni suicide ha condotto diversi gruppi islamici a vantarsi di “amare la morte”, allo stesso modo in cui gli ebrei e i cristiani amano la vita. Tali iniziazioni alla guerra si estendono anche ai bambini tramite il lavaggio del cervello, nonostante le convenzioni internazionali siano contrarie al fatto che i bambini partecipino a combattimenti. La televisione ufficiale dell’Autorità palestinese incoraggia regolarmente i bambini alla violenza. Un video istruisce i bambini su “com’è dolce il profumo degli shahid (martiri), com’è dolce la fragranza della terra. La sua sete è placata dal sangue che esce da un giovane corpo”. Più recentemente, la televisione di Hamas ha trasmesso un sosia di Topolino che invita i bambini a combattere e, se necessario, a morire allo scopo di estendere la Palestina fino a includere tutto Israele.

Se la teologia islamica fornisce l’ispirazione morale per la strategia del terrorismo, la guerra psicologica consente di assicurarne i benefici nella pratica. La guerra psicologica è “l'uso pianificato della propaganda e di altre azioni psicologiche che hanno lo scopo principale di influenzare opinioni, emozioni, atteggiamenti e presentare i comportamenti ostili dei gruppi stranieri, in modo da raggiungere i propri obiettivi ”. Anche se le operazioni psicologiche sono indirizzate a soldati e civili nemici - gli islamici fanno vedere i loro civili come parte dell’equazione militare- diventando di fatto un meccanismo per ottenere un vantaggio tattico.
Una chiamata alla jihad è la coscrizione obbligatoria per tutti i cittadini a partecipare alle operazioni militari; per scelta, da parte di un combattente, involontariamente da parte della vittima. Una pubblicazione jihadista rivolta alle donne lo dice chiaramente: “ Il sangue dei nostri mariti e il corpo dei nostri figli sono la vostra offerta sacrificale” Da un punto di vista psicologico, l’espansione dei gruppi islamici alla lotta, includendo madri, bambini, e altri civili, contribuisce a creare un senso di forza e di solidarietà, e il risultato va ben oltre quello che un gruppo limitato di combattenti sarebbe in grado di produrre.

Gli Hezbollah, per esempio, sono stati in grado di galvanizzare una protesta internazionale per i civili morti il 30 Luglio del 2006 in seguito all’attacco israeliano su Kfar Qana, fino ad ottenere una battuta d’arresto nelle operazioni. Queste tattiche non sono limitate a forze irregolari e paramilitari. Dove le ideologie islamiche regolano le operazioni militari, la protezione dei civili diventa irrilevante. Giora Eiland descrive l’Iran come disposto a sacrificare fino a metà della propria popolazione, al fine di compiere ciò che la leadership di Teheran vede come un imperativo religioso: distruggere Israele.
Esistono esempi sul sacrificio forzato: l’ayatollah Ruhollah Khomeini, leader della rivoluzione islamica e Guida Suprema dell’Iran durante la guerra Iran-Iraq, aveva definito la morte di migliaia di bambini in operazioni di sminamento una “benedizione divina”. Lo scienziato politico tedesco Matthias Kuntzel descrive come le autorità iraniane avevano dato ai giovani, alcuni erano poco più che decenni, chiavi di plastica per il paradiso, da appendersi al collo. Fino ad oggi la Repubblica islamica iraniana mantiene nelle forze armate unità suicide che “cercano il martirio”.

La volontà degli islamici di subire danni collaterali, e persino di perseguire tattiche appositamente progettate allo scopo di causare la morte dei loro stessi civili, ne potenzia la capacità di sfruttare le stesse vittime civili, al fine di conquistare la simpatia dell’opinione pubblica nazionale e internazionale. Ampie relazioni da parte dell’israeliana ONG Monitor, documentano come i contrattacchi israeliani, che causano danni ai palestinesi, suscitino le critiche a Israele da parte di organizzazioni dei diritti umani, la cui condanna o ignora o minimizza il diritto di Israele all’autodifesa.
Anche se i codici morali limitano il raggio d’azione di Israele, tale restrizione non impedisce che si accusi in modo assurdo Israele di “crimini di guerra”. Durante l’operazione "Scudo Difensivo" a Jenin, accuse inesistenti di un “massacro” furono strombazzate da parte dell’Autorità palestinese, delle Nazioni Unite, delle varie ONG, dell’Unione europea, dei media e in particolare in quelli britannici. Fu poi dimostrata l’infondatezza di tali affermazioni, ma in quel momento offrirono uno strumento essenziale per l’operazione psicologica: minare la legittimità morale dell’autodifesa israeliana.

Infine, la combinazione degli eserciti regolari e un’alleanza, o ritenuta tale, con l ’ideologia islamica, fanno sì che paesi come la Siria e l’Iran siano una sfida grandissima per Israele. Come le organizzazioni terroristiche, anch’essi prestano poca attenzione alle restrizioni autoimposte degli eserciti occidentali, ma a differenza della maggior parte dei gruppi terroristi, possiedono la competenza, le armi, e le finanze per rappresentare una minaccia militare molto maggiore.
http://silvanademari.iobloggo.com/158/il-nostro-amico-islam-che-ci-vuole-tanto-bene
http://veromedioriente.altervista.org/islam.htm

Post popolari in questo blog

Egyptian priest claims church attack was Muslim Brotherhood ‘revenge’

prima preghiera poi orgia

Stalling Suspended sentences Tizi ouzou Tunisia