DONAL TRUMP PERSEGUITATO

siamo disgustati delle persecuzioni e le Aggressioni e le calunnie che Donald TRUMP deve subire da parte del NUOVO ORDINE MONDIALE! Trump administration facing ‘Watergate size and scale’ crisis, Will Trump survive the multiple crises his administration is facing?
Consternation and confusion overtook Capitol Hill on Tuesday as Republicans confronted the revelation that President Donald Trump had disclosed highly classified information to the Russians. Several hours later, lawmakers were shaken anew by reports that the president had asked then-FBI Director James Comey to stop investigating ousted adviser Michael Flynn.
Armed Services Committee Chairman John McCain said late Tuesday that the developments had reached “a point where it’s of Watergate size and scale.”
“I think we’ve seen this movie before,” the Arizona Republican said at a dinner to receive the International Republican Institute’s Freedom Award. “The shoes continue to drop, and every couple days there’s a new aspect.”
McCain said Trump needs to “get it all out … and the longer you delay, the longer it’s going to last.” His comments were reported by The Daily Beast.
Yet despite the anxiety and displeasure voiced by McCain and other prominent GOP lawmakers, Republicans did not appear poised to abandon a president who remains critical to their goals of acting on health care and tax legislation. Several came to his defense and sought to close ranks.
“There isn’t anybody who can run the White House without criticism,” said Sen. Orrin Hatch of Utah, a senior lawmaker. “This man has been subject to more criticism than any predecessor that I know of. They hate him, they didn’t like the fact that he won, he beat their favorite, it was a remarkable election.”
Senate Majority Leader Mitch McConnell responded tersely “no” when pressed on whether he had concerns about the president’s ability to handle classified information, or whether he was losing confidence in Trump.
But McConnell acknowledged that “it would be helpful to have less drama emanating from the White House.”
Just the opposite happened over the course of Tuesday.
First Republicans faced questions on a report initially published in the Washington Post that Trump last week shared details about an Islamic State (ISIS) terror threat with Russian Foreign Minister Sergey Lavrov and Russian Ambassador to the US Sergey Kislyak.
As some Republicans defended Trump and others expressed concerns, another bombshell report landed, this time about a memo where Comey wrote that Trump had asked him to shut down an FBI investigation into Flynn, according to a person familiar with the situation. The White House denied what was first reported by The New York Times.

L'amministrazione di Trump affrontata dalla crisi Watergate e la scala, Will Trump sopravvive alle molteplici crisi che la sua amministrazione sta affrontando?
Consternation e confusione hanno superato Capitol Hill martedì mentre i repubblicani hanno affrontato la rivelazione che il presidente Donald Trump aveva divulgato informazioni altamente classificate ai russi. Diverse ore dopo, i legislatori sono stati scossi da segnalazioni che il presidente aveva chiesto allora il direttore dell'FBI James Comey a smettere di indagare il consigliere Michael Flynn.
Il presidente del comitato per i servizi armati, John McCain, ha dichiarato tardi Martedì che gli sviluppi hanno raggiunto "un punto in cui è di dimensione e scala di Watergate".
"Penso che abbiamo visto questo film prima", ha detto il repubblicano arizona in una cena per ricevere il premio di libertà dell'Istituto internazionale repubblicano. "Le scarpe continuano a cadere, e ogni due giorni c'è un nuovo aspetto".
McCain ha detto che Trump ha bisogno di "ottenere tutto fuori ... e più a lungo si ritarda, più si sta per durare". I suoi commenti sono stati segnalati da The Daily Beast.
Eppure, nonostante l'ansia e il dispiacere espressi da McCain e da altri prominenti legislatori GOP, i repubblicani non sembravano pronti ad abbandonare un presidente che rimane fondamentale per i loro obiettivi di agire sulla legislazione sanitaria e fiscale. Diversi sono venuti alla sua difesa e hanno cercato di chiudere i ranghi.
"Non c'è nessuno che possa gestire la Casa Bianca senza critiche", ha detto il senatore Orrin Hatch dello Utah, un senior legislatore. "Questo uomo è stato soggetto a critiche più di qualsiasi predecessore che conosco. Lo odiano, non amano il fatto che ha vinto, ha battuto il loro favorito, è stata un'elezione notevole ".
Il capo della maggioranza del senato Mitch McConnell ha risposto "no" quando si preme se ha avuto preoccupazioni circa la capacità del presidente di gestire informazioni classificate o se stava perdendo fiducia in Trump.
Ma McConnell ha riconosciuto che "sarebbe utile avere meno drammi emanati dalla Casa Bianca".
Solo il contrario è avvenuto nel corso di martedì.
I primi repubblicani hanno affrontato domande su una relazione pubblicata inizialmente nel Washington Post che Trump ha condiviso la scorsa settimana dettagli su una minaccia terroristica dello Stato islamico (ISIS) con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Sergey Kislyak.
Come alcuni repubblicani hanno difeso Trump e altri hanno espresso preoccupazioni, un altro bomba ha sbarcato, questa volta su un memo in cui Comey ha scritto che Trump gli aveva chiesto di chiudere un'indagine FBI in Flynn, secondo una persona che ha familiarità con la situazione. La Casa Bianca ha negato ciò che è stato segnalato da The New York Times.

 Yidith • 20 hours ago

Stop falling for the fascist-anarchistic tactics emanating from the Soros-Clinton-Obama communists.
These entities are in the business of bringing the USA down and they might succeed as long as Americans give these enemies a platform to spew their hatred.
This is a civil war!
Get it through your thick skulls America- the real enemy is already amongst you- they are poisoning your mind via the so-called "media". Demand proof!! ; without actual physical proof it's nothing but slander!
Rise up and come to the defence of Common Sense and Good American values- confront the haters wherever you encounter them- do not allow this nonsense to continue- kick the bastards out; shut them down. Take back your country!
Don't expect Trump to have to do it all by himself. Show your support-Come to his defence- your President is under siege!! Smettere di cadere per le tattiche fascista-anarchiche provenienti dai comunisti di Soros-Clinton-Obama.
Queste entità sono nell'attività di portare gli USA in discesa e potrebbero riuscire finchè gli americani danno a questi nemici una piattaforma per spezzare il loro odio.
Questa è una guerra civile!
Farcela attraverso i tuoi teschi spessi America - il vero nemico è già tra voi - stanno avvelenando la tua mente attraverso i cosiddetti "media". Prova di prova !! ; Senza prova reale fisica non è altro che calunnia!
Alzarsi e venire alla difesa del Common Sense e dei buoni valori americani - affrontare i nemici ovunque li incontriate - non permettere che questa sciocchezze continui - scacciare i bastardi; Chiudere. Riprendi il tuo paese!
Non aspettatevi che Trump deve fare tutto da solo. Mostra il tuo sostegno - Vieni alla sua difesa - il tuo presidente è sotto assedio!
https://worldisraelnews.com/trump-administration-facing-watergate-size-and-scale-crisis/
=====================
Ambassador Haley: Western Wall is part of Israel ] ma se il muro è suo? per il diritto giuridico del muro? poi, anche tutto l'edificio è suo!Haley restated her support for moving the US embassy to Jerusalem and stated clearly that “the Western Wall is part of Israel.”
US Ambassador to the United Nations (UN) Nikki Haley made it clear that in her opinion, the Western Wall in Jerusalem belongs to Israel.
In an interview with CBN‘s The Brody File on Tuesday, Haley was emphatic on the issue, stating,  “I don’t know what the policy of the administration is, but I believe the Western Wall is part of Israel and I think that that is how we’ve always seen it and that’s how we should pursue it…we’ve always thought the Western Wall was part of Israel.”
The statement was made as US National Security Advisor H.R. McMaster would not clarify this issue, saying it was a “policy decision,” and amid a report that a US consulate official told Israeli officials that the Western Wall is not theirs.
In Washington, after being pressed on the matter, White House Press Secretary Sean Spicer stuck with ambiguity.
“The Western Wall is obviously one of the holiest sites in Jewish faith. It’s clearly in Jerusalem,” he told reporters during the daily briefing.
“It’s an issue that’s had serious consideration. It will be a topic that’s going to be discussed during the President’s trip between the parties that he meets with. I think this stems from a comment that was made yesterday and which was not the policy of the United States,” Spicer said.
Consistent Policies
During the interview, Haley restated her support for moving the US embassy from Tel Aviv to Jerusalem.
“The capital should be Jerusalem and the embassy should be moved to Jerusalem, because [Israel’s] government is in Jerusalem. So much of what goes on is in Jerusalem. We have to see that for what it is. The tricky part is where the Palestinians come in on this and where the Israelis comes in on this,” Haley said.
“We know the Israelis do not want to give on Jerusalem at all and we have to see how strong the Palestinians stand on that. That is your touchy part. Is Jerusalem even on the table? I don’t know that it is.”
Haley has remained consistent with her support on such a crucial move.
During a Senate Foreign Relations Committee hearing in January, she declared that she “absolutely” backs the embassy move because that’s what Israel and congressional Republicans want.
While President Donald Trump repeatedly stated his support for the embassy move on the campaign trail and after his election victory, as time passes many in Israel are losing faith that such a move will actually happen.
All US presidents since 1995 have availed themselves of a provision in the law allowing the president to delay the move by signing a waiver affirming that in his judgment, the move would harm America’s national security interests. The waiver must be signed every six months, and was last signed by Barack Obama in October. Trump’s visit to Israel next week is shortly before he would be due to sign it at the beginning of June.
While a recent news report surfaced that Trump has decided not to move the embassy to Jerusalem, the White House and the Israeli Prime Minister’s Office have both denied the report, and Jerusalem is waiting anxiously for a final decision on the issue.
“One thing about Nikki Haley – is she’s a straight shooter. Very refreshing,” the CBN interviewer said of his session with her.

Haley ha ribadito il suo sostegno per spostare l'ambasciata statunitense a Gerusalemme e ha dichiarato chiaramente che "il Muro occidentale fa parte di Israele".
L'ambasciatore americano alle Nazioni Unite (ONU) Nikki Haley ha chiarito che a suo avviso il muro occidentale di Gerusalemme appartiene a Israele.
In un'intervista a The Brody File del CBN martedì, Haley ha sottolineato la questione, dichiarando: "Non so quale sia la politica dell'amministrazione, ma credo che il muro occidentale fa parte di Israele e penso che È così che l'abbiamo sempre visto e questo è come dovremmo perseguire ... abbiamo sempre pensato che il Muro occidentale fosse parte di Israele ".
L'affermazione è stata fatta come consulente per la sicurezza nazionale USA H.R. McMaster non chiarirebbe questo problema, dicendo che era una "decisione politica", e in mezzo a una relazione che un ufficiale consolare degli Stati Uniti ha detto ai funzionari israeliani che il muro occidentale non è loro.
A Washington, dopo essere stato premuto sulla questione, il segretario stampa della Casa Bianca Sean Spicer ha bloccato con ambiguità.
"Il Muro occidentale è ovviamente uno dei siti più santi della fede ebraica. È chiaramente a Gerusalemme ", ha detto ai giornalisti durante il briefing giornaliero.
"È un problema che ha avuto seriamente in considerazione. Sarà un argomento che verrà discusso durante il viaggio del Presidente tra le parti con cui incontra. Penso che ciò derivi da un commento che è stato fatto ieri e che non era la politica degli Stati Uniti ", ha detto Spicer.
Politiche coerenti
Durante l'intervista, Haley ha ribadito il suo sostegno per spostare l'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme.
"La capitale dovrebbe essere Gerusalemme e l'ambasciata dovrebbe essere trasferita a Gerusalemme, perché il governo di Israele è a Gerusalemme. Quello che succede è in Gerusalemme. Dobbiamo vedere che per quello che è. La parte difficile è dove i palestinesi entrano in questo e dove gli israeliani entrano in questo ", ha detto Haley.
"Sappiamo che gli israeliani non vogliono affatto dare a Gerusalemme e dobbiamo vedere quanto forti i palestinesi stanno su questo. Questa è la tua parte delicata. Gerusalemme è anche sul tavolo? Non lo so. "
Haley è rimasta coerente con il suo appoggio su una mossa così cruciale.
Durante un'audizione del Comitato per le Relazioni Esterne del Senato a gennaio, ha dichiarato di "assolutamente" sostenere la mossa dell'ambasciata perché è questo che Israele e i repubblicani del Congresso vogliono.
Mentre il presidente Donald Trump ha ripetutamente affermato che il suo sostegno per l'ambasciata si muove sul percorso della campagna e dopo la sua vittoria elettorale, mentre il tempo passa in Israele, sta perdendo la fede che una tale mossa verrá effettivamente accaduta.
Tutti i presidenti degli Stati Uniti dal 1995 hanno avvalsi di una disposizione della legge che consente al presidente di ritardare la mossa sottoscrivendo una rinuncia, affermando che a suo giudizio, la mossa offrirebbe gli interessi nazionali di sicurezza americani. La rinuncia deve essere firmata ogni sei mesi ed è stata ultimamente firmata da Barack Obama in ottobre. La visita di Trump a Israele la prossima settimana è poco prima che avrebbe dovuto firmarlo all'inizio di giugno.
Mentre una recente notizia emerge che Trump ha deciso di non spostare l'ambasciata a Gerusalemme, la Casa Bianca e l'Ufficio del primo ministro israeliano hanno negato la relazione e Gerusalemme aspetta con ansia per una decisione definitiva sul tema.
"Una cosa su Nikki Haley: è una sparatutto diritta. Molto rinfrescante ", ha detto l'intervistatore CBN della sua sessione con lei.
===========
=====================

gli iraniani si vantano del voto, ma, come in Turchia il voto non è valido: senza una stampa libera e senza la rappresentanza di tutte le opposizioni e di tutte la anime del Paese!
Tutti i numeri del voto di venerdì in Iran. Testa a testa tra Rohani e Raisi mercoledì 17 maggio 2017
==========
=======
il rispetto che dobbiamo alle creature (GLI UOMINI E GLI ANIMALI) è scritto nella legge naturale! essa è precedente e supera qualsiasi prescrizione religiosa! QUESTO PROVVEDIMENTO NON DEVE ESSERE INTESO COME ANTISEMITA ]] Belgian province bans Jewish slaughter, La provincia belga proibisce la macellazione ebraica
Kosher and halal slaughter is officially outlawed in Belgium’s Wallonia province.
The Walloon parliament voted on Wednesday in favor of a proposed decree that prohibits the slaughter of animals without stunning, banning both kosher and Muslim halal slaughter.
Only two lawmakers in the 75-member plenum in Belgium’s largest region abstained in the vote, La Libre Belgique reported.
The Brussels Times reported the ban will take effect on June 1, 2018. The decree exempts ritual slaughter until September 1, 2019.
Wallonia is allowing the slaughter industry and religious bodies time to prepare for the impact of the new legislation until after the Muslim “Sacrifice Feast” of 2019 to be marked in August.
The bill’s proponents say provisions included in the bill’s text are likely to be able to respond to any religious concerns.
Kosher slaughtering of animals requires they be conscious when they are slaughtered — a practice that critics say is cruel, but which advocates insist is more humane than mechanized methods used in non-kosher slaughterhouses. Muslims slaughter animals in a similar method.
Similar legislation was also proposed by the Belgian regional parliament in Flanders and is expected to pass and take effect for sheep and goats on January 1, 2019.
Imports of meat do not fall within the legislation’s purview.
Philippe Markiewicz, president of the Consistoire organization of Belgian Jewry responsible for providing religious services, has previously pleaded with Walloon region lawmakers not to “repeat the Nazis’ acts.”
“The last assault on ritual slaughter was in October 1940 under the Nazi occupation because they knew how important it was for Jews,” Markiewicz said at the Parliament of Wallonia.
The Belgian Jewish umbrella body CCOJB, an affiliate of the World Jewish Congress (WJC), had earlier warned that “a country that bans Jewish and Muslim rites by making it mandatory to use an electric stunning device of doubtful efficacy […] is a country that tells Jews and Muslims that they are no longer welcome here.”
CCOJB President Yohan Benizri declared that “this indirect ban on ritual slaughter is very problematic for the Jewish community, but the matter goes beyond that group and affects those who cherish the protection of religious freedom in general.”
Benizri said there was no reasonable argument to support the measure.
These moves against Jewish ritual slaughtering in Europe are the latest in almost 150 years of combat by European countries against Jewish shechita.
La macellazione kosher e halal è ufficialmente illegale nella provincia vallona del Vallonia.
Il parlamento vallone ha votato mercoledì a favore di un decreto proposto che proibisce la macellazione di animali senza stordimento, proibendo sia la macellazione halal sia musulmana e kosher.
Solo due legislatori del plenum di 75 membri nella più grande regione belga si sono astenuti nella votazione, La Libre Belgique ha riferito.
Il Times di Bruxelles ha dichiarato che il divieto avrà effetto il 1 ° giugno 2018. Il decreto esonera la ritualizzazione fino al 1 ° settembre 2019.
La Vallonia consenta all'industria della macellazione e agli enti religiosi di prepararsi all'impatto della nuova legislazione fino a quando la festa sacrificale musulmana del 2019 sarà marcata in agosto.
I sostenitori del bollettino dicono che le disposizioni incluse nel testo della proposta probabilmente sono in grado di rispondere a tutte le preoccupazioni religiose.
La macellazione kosher degli animali richiede che essi siano coscienti quando vengono macellati - una pratica che i critici dicono è crudele, ma che i sostenitori insistono è più umana dei metodi meccanizzati utilizzati nei macelli non-kosher. I musulmani macellano gli animali in un metodo simile.
Una legislazione simile è stata proposta anche dal parlamento regionale belga in Fiandre e dovrebbe passare ed efficace per le pecore e le capre il 1 ° gennaio 2019.
Le importazioni di carni non rientrano nel campo di applicazione della legislazione.
Philippe Markiewicz, presidente dell'Ordine ebreo belga responsabile della fornitura di servizi religiosi, ha già invocato i legislatori della Regione vallona per non "ripetere gli atti nazisti".
"L'ultimo assalto alla macellazione rituale era nell'ottobre del 1940 sotto l'occupazione nazista perché sapevano quanto fosse importante per gli ebrei", ha detto Markiewicz al Parlamento della Vallonia.
Il corpo ombrello ebraico belga CCOJB, un affiliato del Congresso Mondiale ebraico (WJC), aveva già avvertito che "un paese che vieta i riti ebraici e musulmani rendendolo obbligatorio ad usare un dispositivo elettrico stupefacente di dubbia efficacia [...] è un paese Che racconta agli ebrei e ai musulmani che non sono più i benvenuti qui ".
Il presidente del CCOJB Yohan Benizri ha dichiarato che "questo divieto indiretto alla macellazione rituale è molto problematico per la comunità ebraica, ma la questione va al di là di quel gruppo e colpisce coloro che amano la protezione della libertà religiosa in generale".
Benizri ha dichiarato che non esisteva ragionevole argomento per sostenere la misura.
Queste mosse contro la macellazione rituale ebrea in Europa sono i più recenti di quasi 150 anni di combattimento da parte dei paesi europei contro la shechita ebraica.
Da: World Israel News Staff

========================


Suddenly a great company of the heavenly host appeared with the angel, praising God and saying, “Glory to God in the highest heaven, and on earth peace to those on whom His favour rests.”
(Luke 2:13-14) WHAT MADE THE ANGELS SO EXCITED?

A depressed Chinese communist local party boss went to an official church to hear the preaching of a very sincere and learned elder he knew. Here is his story in his own words:

It was the first Sunday of December. I remember he talked about “The Angel’s Song.” After the service I spoke to him, “You know, I really can’t see what all the fuss is about Jesus. He was a man of moral ideals, and died for His belief, but lots of other religions have such men, too.” This elder smiled and said, “Are you looking for God?”

“I suppose I am,” I admitted to him. He asked again, “Well, if Jesus doesn’t seem to be up to much, what sort of God would you be looking for?” I answered slowly, thinking it through, “I guess a God who first of all is totally powerful, and then is also totally just or fair.”

The elder probed again, “But how would you know a God like that was interested in you?” I said, “Then he would also have to be a God of love.” The elder challenged me by saying, “If you find a God who is all three: powerful, just, loving, would you trust Him?”

“I might,” I replied “but I would need to find an event that proved he was all three.”

“Take this Bible,” said the elder, handing me what I saw was his own copy of the Bible, “and come back to me if you find an event that shows God is supremely and uniquely all three.”

I started reading the Bible and pretty soon I came across that verse the elder had preached on the morning I attended the church. “Glory to God in the highest.” What was it that made the angels so excited? After all they had witnessed, what was so unique about the birth of Jesus?

I had little time to brood on this because my wife was expecting our first child. All went well with the delivery and I held the little warm bundle, gazing into his peaceful sleeping face. What perfection the baby seemed. As I looked, the more I was amazed by the sheer miracle of birth.

Had I really used the word “miracle” to describe the birth of my son? Then I thought, the miracle of the birth of Jesus had to be more than just a miracle of birth to impress those angels so much. I read on, and the Spirit of God gave light to my eyes. God had become a baby.

I looked for three characteristics of the God I would trust. Power. This had to be a greater act than the creation of the world. In the beginning God was merely bringing a world into being.

Love. God came! If He wasn’t interested, He would not have bothered to come at all. After all, Jesus had a very hard life, not the kind of life that anyone would wish for.

Justice. God loved us so much, He came. He came Himself to redeem sinful man. Here was the meaning and glory of Christianity - all captured in the incarnation.

I wept and wept in my little study. I must have stayed on my knees for hours. When I looked at my watch, and suddenly noticed the date...it was the 25th of December...Christ’s birthday! That Christmas was so real. I saw in the cradle the infinite power, justice and love of God supremely and uniquely illustrated. As long as I live, I will celebrate Christmas every day.
COSA FACILMENTE LE ANGELLE ESCLUSIVE?

Un capo partigiano locale comunista depresso è andato in una chiesa ufficiale per ascoltare la predicazione di un seno molto sincero e appreso che conosceva. Ecco la sua storia nelle sue parole:

Era la prima domenica di dicembre. Ricordo di aver parlato di "La canzone dell'angelo". Dopo il servizio che gli ho parlato, "sai, non riesco davvero a capire che cosa si tratti di Gesù. Era un uomo di ideali morali e morì per la sua credenza, ma molte altre religioni hanno anche degli uomini. "Questo anziano sorrise e disse:" Stai cercando Dio? "

"Suppongo che lo sono," lo ammettevo. Egli chiese ancora: "Beh, se Gesù non sembra essere molto in alto, quale genere di Dio vorresti cercare?" Risposi lentamente, pensandoci: "Immagino un Dio che prima di tutto è totalmente potente , E poi anche totalmente giusto o giusto ".

L'anziano ripetè: "Ma come avresti saputo che un Dio come quello era interessato a te?" Dissi: "Allora avrebbe anche dovuto essere un Dio d'amore." L'anziano mi ha sfidato dicendo: "Se trovi un Dio che è tutti e tre: potente, giusto, amorevole, si fiderebbe di Lui? "

"Potrei," risposi "ma avrei bisogno di trovare un evento che dimostrò che erano tutti e tre".

«Prendi questa Bibbia», disse l'anziano, consegnandomi quello che vedevo era la sua copia della Bibbia, «e torna a me se trova un evento che mostra Dio è supremamente e in modo univoco tutti e tre».

Ho iniziato a leggere la Bibbia e presto ho incontrato quel versetto che l'anziano aveva predicato la mattina che ho partecipato alla chiesa. "Gloria a Dio in alto." Che cosa ha fatto che gli angeli così eccitati? Dopo tutto che avevano assistito, ciò che era così unico per la nascita di Gesù?

Ho avuto poco tempo per covare questo perché mia moglie aspettava il nostro primo figlio. Tutto è andato bene con la consegna e ho tenuto il piccolo fascio caldo, guardando nel suo volto tranquillo sonno. Quale perfezione sembrava il bambino. Mentre guardavo, più mi stupì il puro miracolo della nascita.

Avevo davvero usato la parola "miracolo" per descrivere la nascita di mio figlio? Poi ho pensato che il miracolo della nascita di Gesù doveva essere più di un miracolo di nascita per impressionare quegli angeli così tanto. Leggo, e lo Spirito di Dio ha dato luce ai miei occhi. Dio era diventato un bambino.

Ho cercato tre caratteristiche del Dio che avrei fiducia. Energia. Questo doveva essere un atto più grande della creazione del mondo. All'inizio Dio stava semplicemente portando un mondo in essere.

Amore. Dio è venuto! Se non fosse interessato, non si sarebbe preoccupato di venire affatto. Dopo tutto, Gesù aveva una vita molto dura, non il tipo di vita che qualcuno avrebbe desiderato.

Giustizia. Dio ci ha amati tanto, è venuto. È venuto per riscattare l'uomo peccatore. Ecco il significato e la gloria del cristianesimo - tutti catturati nell'incarnazione.

Piansi e piansi nel mio piccolo studio. Devo aver restato per le ginocchia per ore. Quando guardai l'orologio e notai improvvisamente la data ... era il 25 dicembre ... il compleanno di Cristo! Quel Natale era così reale. Ho visto nella culla l'infinito potere, giustizia e amore di Dio supremamente e unicamente illustrato. Finché vivo, celebrerò ogni giorno il Natale.
==========================

Il divario tra i paradigmi orientali e occidentali non è mai stato più ampio. Mentre la Cina incoraggia tutti a partecipare costruttivamente alla creazione di un mondo multipolare, i media dello Stato profondo continuano a oscurare il "progetto del secolo" etichettandolo come mossa per combattere il potere geopolitico occidentale, mentre le componenti militari, cioè intelligence, media, industria e militari mirano a continuare a soddisfare i propri desideri con guerre perpetue. Anche se il progetto è in corso da 10 anni, lo sviluppo della grande Eurasia continuava ad essere un tema oscuro fino a questa settimana, quando Xi annunciava ulteriori finanziamenti da tre banche di sviluppo per sostenere l'ambizioso progetto economico del suo Paese, che non ha eguali in occidente. L'OBOR della Cina è relativamente semplice nel concetto e nell'attuazione, ma punta ad avere un significato profondo per il futuro del mondo, cercando di sfruttare la forza di ogni nazione aderente, dando la possibilità a ciascuno di questi Paesi di condividere questa forza con gli altri e trarne benefici economici. Ecco perché il Pakistan spinge per l'attuazione anche se forze oscure fanno tutto il possibile per ritardarla.
"Il Pakistan crea una forza speciale per la sicurezza dei tecnici del CPEC
Il Pakistan istituirà una forza speciale di circa 10000 soldati per proteggere lavoratori e imprese cinesi lungo il Corridoio Economico Cina-Pakistan, dichiarava l'agenzia cinese Xinhua, secondo cui il Pakistan costituirà una forza speciale di sicurezza per i progetti di investimenti da 46 miliardi di dollari e gli interessi della Cina. I dipartimenti militari chiave formano il personale per combattere in situazioni diverse. Circa 14000 tecnici e ingegneri cinesi lavorano su circa 210 progetti in Pakistan. Contingenti della forza speciale di sicurezza saranno impiegati per proteggerli. Il Presidente cinese Xi Jinping e il Primo ministro Nawaz Sharif firmarono un accordo per investimenti da 46 miliardi di dollari, il 20 aprile 2015, sul Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC)".
“RT: Trump ha già detto che gli Stati Uniti non possono essere il poliziotto del mondo. Tuttavia, il Pentagono e la leadership militare statunitense parlano di tale impegno apertamente. Pensa che Trump seguirà i suoi consiglieri?
Gareth Porter: Prima di tutto, parliamo di guerra permanente in corso da diversi anni. La burocrazia bellica ha chiarito che è sua intenzione avere una guerra di durata generazionale in Medio Oriente. Ciò di cui parliamo è: come gestire la prossima generazione di iniziative politiche del Pentagono in tre Paesi, Siria, Afghanistan e Iraq. Ognuno di questi è diverso, in un certo senso, a causa della diversa politica interna e delle relazioni tra i governi e gli Stati Uniti. Due di essi, però, sono simili in un certo senso, la politica verso la Siria e verso l'Iraq. La burocrazia bellica ora non solo invia altre truppe a combattere lo SIIL, ma inoltre ne propone il soggiorno a lungo termine nei Paesi che comporteranno operazioni di stabilizzazione”. Accidenti! Un altro livello di eccezionalismo, proprio lì. Se la rimozione degli uomini forti non riguarda la democrazia, cosa allora? Distruggere la pace e ritardare i progressi che l'occidente pensa rafforzino i popoli di questi Paesi, che ne minaccerebbero l'esistenza un giorno, proprio come la Russia oggi. Una cosa è certa, se l'élite occidentale non è disposta a cambiare drasticamente mentalità verso un futuro pacifico per tutti, rimarrà solo davanti al veloce sviluppo dell'Eurasia. Non sarebbe la soluzione perfetta per la libertà individuale, e certamente la rotta che segue porta a tale fine. Lungo la strada, tutti i popoli del mondo devono affermare nei termini più concreti la propria visione di ciò che è buono per la specie umana e finirla di farsi annichilire.
=========================


A special prayer appeal for Pres. Trump's upcoming tour. A CALL TO PRAYER FOR PRESIDENT TRUMP
The upcoming visit of US President Donald Trump to Israel has already surpassed for intrigue and drama the visit of any other American president, and we are still days away from him even landing. The itinerary for his first official trip to the region is different from what many expected, and no doubt more surprises are in store. But here is what we know so far.
President Trump’s historic tour will feature three highly-symbolic stops in Riyadh, Jerusalem and Rome to deliver a message of peace and religious tolerance in key places for Islam, Judaism and Christianity. He has promised an “inspiring” speech on Islam before fifty top Muslim leaders in Saudi Arabia, and his call on Pope Francis at the Vatican should go well for both sides, but Trump’s agenda during his brief stint in Jerusalem still remains very murky and full of controversy.
With Israelis preparing to celebrate fifty years of a reunited Jerusalem next week, many Christians were hoping he would show up at that very moment to announce the moving of the US Embassy from Tel Aviv to Jerusalem. But latest reports indicate he will only pay a “private” visit to the Old City and Western Wall without the accompaniment of any Israeli officials – a gesture which would disappoint his Israeli hosts and their many Christian friends worldwide. In fact, that would be the worst possible timing to remind everyone once again of the antiquated and thoroughly confusing stand which many nations take towards Israel’s capital city. In my view, it also would be an especially huge letdown for all those American Evangelicals who voted him into office, based in large part on his campaign promise to finally recognize Jerusalem as Israel’s capital.
Recent reports also indicate that President Trump aims to use this tour as a springboard for relaunching the Israeli-Palestinian peace process, believing that he has the unique abilities as a successful businessman to broker an historic deal that other presidents have failed to achieve. Yet there is little to indicate at present that the region is ripe for such an agreement, which means Trump may be falling victim to the same seduction which tripped up his predecessors in office.
The primary lesson of these past failed efforts is that we will know the Palestinians are finally ready to make peace with Israel when they stop their anti-Israel, anti-Semitic incitement and start teaching their children to live in peace with their Jewish neighbors. Dennis Ross, who coordinated the Oslo peace process under former president Bill Clinton, has admitted their biggest mistake was ignoring the Palestinian demonization of Israel, and that peace will only come when this education to hate ceases. During his recent visit to the White House, Palestinian leader Mahmoud Abbas told Trump that they are indeed teaching peace to their children, but we all know that is a complete lie!
Should President Trump start pressuring Israel to divide the land promised to them by God, the prophet Joel warns that it will only end in disaster. On the other hand, if he truly stands with Israel and her beloved city of Jerusalem as he promised while running for office, there will surely be great blessing on his presidency and nation. May we all be united in faith and prayer for the latter to prevail, in the hope that Donald Trump will truly become the ‘Cyrus’ which many Christians envisioned him to be.

Un appello speciale per la preghiera per Pres. Prossimo tour di Trump. UN CHIAMO DI PREGARE PER IL PRESIDENTE TRUMP
La prossima visita del presidente americano Donald Trump in Israele ha già superato per intrighi e drammi la visita di qualsiasi altro presidente americano e siamo ancora giorni lontani da lui anche atterraggio. L'itinerario per il suo primo viaggio ufficiale nella regione è diverso da quello che molti aspettavano, e senza dubbio più sorprese sono in deposito. Ma ecco quello che sappiamo finora.
Il tour storico di Trump presenterà tre fermate altamente simboliche a Riyadh, a Gerusalemme e Roma per fornire un messaggio di pace e tolleranza religiosa in luoghi chiave per l'Islam, il Giudaismo e il Cristianesimo. Ha promesso un discorso "ispiratore" sull'Islam prima di cinquanta leader musulmani in Arabia Saudita, e la sua chiamata a Papa Francesco al Vaticano dovrebbe andare bene per entrambe le parti, ma l'agenda di Trump durante il suo breve mandato a Gerusalemme rimane ancora molto torbida e piena Di controversie.
Con gli israeliani che si preparano a festeggiare cinquant'anni di una Gerusalemme riunita la prossima settimana, molti cristiani speravano che si sarebbe presentato in quel momento per annunciare lo spostamento dell'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme. Ma le ultime notizie indicano che pagherà solo una visita "privata" alla Città Vecchia e al Muro Occidentale senza l'accompagnamento di qualunque funzionario israeliano, un gesto che avrebbe deluso i suoi ospiti israeliani ei loro numerosi amici cristiani in tutto il mondo. Infatti, questo sarebbe il momento peggiore possibile per ricordare a tutti ancora una volta l'aspetto antiquato e completamente confuso che molte nazioni prendono verso la capitale israeliana. A mio avviso, sarebbe anche una perdita particolarmente enorme per tutti quegli evangelici americani che lo hanno votato in carica, fondandosi in gran parte sulla sua promessa di campagna per riconoscere finalmente Gerusalemme come capitale israeliana.
Recenti rapporti indicano anche che il Presidente Trump intende utilizzare questo tour come un trampolino di lancio per rilanciare il processo di pace israelo-palestinese, credendo che abbia le capacità uniche come un imprenditore di successo per mediare un accordo storico che altri presidenti non hanno raggiunto. Eppure, è poco da indicare che la regione è matura per un tale accordo, il che significa che Trump potrebbe essere oggetto di una vittima della stessa seduzione che ha scatenato i suoi predecessori in carica.
La lezione primaria di questi ultimi sforzi falliti è che sapremo che i palestinesi sono finalmente pronti a fare pace con Israele quando fermano l'incitamento anti-israeliano e antisemita e iniziano a insegnare i propri figli a vivere in pace con i loro vicini ebrei. Dennis Ross, che ha coordinato il processo di pace di Oslo sotto l'ex presidente Bill Clinton, ha ammesso che il loro grande errore sta ignorando la demonizzazione palestinese di Israele e che la pace verrà solo quando questa educazione all'odio si interrompe. Durante la sua recente visita alla Casa Bianca, il leader palestinese Mahmoud Abbas ha detto a Trump che stanno insegnando la pace ai propri figli, ma tutti sappiamo che è una bugia completa!
Se il presidente Trump iniziasse a pressare Israele per dividere la terra promessa da Dio, il profeta Joel avverte che finirà solo in disastro. D'altra parte, se egli è veramente in piedi con Israele e la sua amata città di Gerusalemme come ha promesso mentre correva per l'ufficio, sarà sicuramente una grande benedizione nella sua presidenza e nazione. Possiamo tutti essere uniti in fede e preghiera affinché quest'ultima prevalga, nella speranza che Donald Trump veramente diventi il ​​"Cyrus" che molti cristiani lo hanno immaginato.
====================
IL SANGUE DEI MARTIRI CRISTIANI TUTTI UCCISI DAGLI ISLAMICI SHARIAH VIENE SOFFOCATO ANCORA UNA VOLTA!
https://www.youtube.com/channel/UCvEWQ6fjvf1JcQe7z1sATlg Questo account è stato chiuso a causa di ripetute o gravi violazioni delle norme di YouTube in materia di spam, pratiche ingannevoli e contenuti fuorvianti o di altre violazioni dei Termini di servizio.   We'd like to inform you that due to repeated or severe violations of our Community Guidelines (https://www.youtube.com/t/community_guidelines) your YouTube account leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri has been suspended.
After review we determined that activity in your account violated our Community Guidelines, which prohibit spam, scams or commercially deceptive content (https://support.google.com/youtube/answer/2801973?hl=en). 



Guerra mediatica dello Stato Profondo e scia di morti dei Clinton. Alessandro Lattanzio, 17/5/2017. Nell'indagine per l'omicidio di Seth Rich, ex-staffer del Comitato Nazionale del Partito Democratico degli USA, avvenuto il 10 luglio 2016, si scopriva che Seth Rich avrebbe fornito 44000 email dei democratici (e quindi anche di Hillary Clinton) a WikiLeaks tramite il documentarista Gavin MacFadyen, investigatore e direttore di WikiLeaks statunitense che viveva a Londra, dove morì all'improvviso poco prima delle elezioni negli USA. Gli investigatori dell'FBI avevano trovato 44053 email e 17761 allegati dei capi del DNC dal gennaio 2015 al maggio 2016 e che Rich aveva poi passato a WikiLeaks prima di essere ucciso a Washington DC, a pochi passi da casa. Il 22 luglio, 12 giorni dopo l'assassinio, WikiLeaks pubblicò le email interne del DNC sulla cospirazione per impedire a Bernie Sanders di candidarsi alle presidenziali per conto del partito democratico. Ciò costrinse la presidentessa del DNC, Debbie Wasserman Schultz, a dimettersi. L'investigatore privato Rod Wheeler assunto dalla famiglia di Rich, vede confermate le proprie scoperte. Wheeler, confermando che il portatile di Rich contenesse le prove dei contatti con Wikileaks, afferma "Ho una fonte nel dipartimento di polizia che mi ha guardato dritto negli occhi e ha detto: "Rod, ci è stato detto di abbandonare questo caso e non posso condividere alcuna informazione con te". Ora, ciò è assai insolito per un'indagine di omicidio, specialmente nel dipartimento di polizia. Il dipartimento di polizia e l'FBI non sono mai stati vicini. Non hanno collaborato affatto. Credo che la risposta sulla sua morte sia nel computer, che credo stia nel dipartimento di polizia o all'FBI. Mi è stato detto ciò da entrambi. La mia indagine a questo punto mostra che ci fu un certo scambio di email tra Seth Rich e WikiLeaks. Credo che la risposta su chi l'abbia assassinato sia nel suo computer, su uno scaffale della polizia di DC o nella sede dell'FBI. La mia indagine mostra che qualcuno del governo, del Comitato nazionale democratico o della squadra di Clinton, blocca l'indagine sull'omicidio. È una sfortuna, l'omicidio di Seth Rich rimane irrisolto per questo". Wheeler continua, "Ciò che è veramente interessante da quando indago su questo caso, è che ho scoperto parecchie cose, non necessariamente correlate con la morte di Seth, ma legate a una rete di corruzione, un possibile gruppo segreto che organizza la corruzione nel Distretto di Columbia (Washington). Perché ho iniziato a indagare su altri omicidi e morti, chiamate "morti accidentali", ma potrebbero essere stati omicidi. Quindi questo caso può effettivamente aprire un verminaio su ciò che accade qui a DC".
La storia che Rich sia stato vittima di una rapina, secondo la polizia, non sta in piedi. I due aggressori presero la videocassetta di una telecamera esterna di un vicino negozio di generi alimentari, spararono per due volte alla schiena di Rich, alle 4:17, ma non presero portafoglio, cellulare, chiavi, portafoglio e la collana da 2000 dollari. Rich fu rinvenuto dalla polizia tre minuti dopo, era cosciente ma morì in ospedale due ore dopo. Il portavoce della famiglia Rich dichiarava, dopo la comparsa della notizie che Rich avesse contatti con WikiLeaks, che "Abbiamo visto l'anno scorso affermazioni non confermate, niente fatti, niente prove, niente e-mail e abbiamo appreso ciò solo quando contattati dalla stampa. Ed anche se domani, una e-mail sarà trovata, non basterà a dimostrare tali contatti, dato che le e-mail possono essere alterate e abbiamo visto gli interessati alle cospirazioni non fermarsi davanti a nulla". Ma il "portavoce" della famiglia Rich non è altri che il consulente di PR dei democratici Brad Bauman. La prima azione di Bauman quale portavoce della famiglia, fu chiedere che si smettesse d'interrogarsi sulle circostanze oscure dell'omicidio Rich. Infine, nell'agosto 2016, Julian Assange indicava che Rich fosse la fonte delle fughe delle email del DNC, smentendo l'affermazione che la Russia ne fosse responsabile.
57 minuti dopo la notizia sui contatti tra Rich e Wikileaks, il Washington Post, di proprietà di Jeff Bezos, padrone di Amazon e in affari con la CIA spacciava la grottesca storia sul presidente Trump che consegnava informazioni segrete ai russi, allo scopo di suscitare un polverone mediatico e nascondere un indizio sui mandanti di uno dei tanti omicidi che circondano i Clinton e la loro cerchia nel PD.
L'accusa di pirateria informatica russa contro i server del DNC, nasce da un "Trump Russian Dossier" stilato da un'agenzia di ricerca creata dai democratici, la Fusion GPS, e finanziato dalla fazione di Hillary Clinton. Inoltre, se il direttore dell'FBI Comey da un lato riferiva di interferenze russe nelle elezioni del 2016, violando i server del partito democratico, dall'altro l'FBI ammetteva di non aver mai esaminato i server che sarebbero stati violati dai russi. Anzi, il comitato elettorale di Hillary Clinton e il partito democratico affermano che l'FBI non gli ha mai chiesto di esaminarli, mentre l'FBI dice che invece l'aveva fatto, ma che la richiesta venne rifiutata. Fu una società privata finanziata dai Clinton, la Crowdstrike, che affermò che la Russia avesse violato i server informatici del DNC. Ma ora Crowdstrike si rifiuta di collaborare anche con il Congresso degli Stati Uniti. Comey però affermava che le accuse di Crowdstrike andavano credute, venendo smentito da uno dei massimi esperti mondiali di cyber-sicurezza, Jeffrey Carr, che dichiarò: "I metadati nei documenti fuoriusciti sono forse i più rivelatori: un documento scartato è stato modificato utilizzando impostazioni della lingua russa, da un utente denominato "Feliks Edmundovich", nome in codice che si riferisce al fondatore della polizia segreta sovietica. Vabbene, alzi la mani chi pensa che un ufficiale del GRU o dell'FSB avrebbe aggiunto il nome di Feliks di Ferro ai metadati di un documento rubato prima di diffonderlo fingendosi un hacker rumeno. Qualcuno aveva chiaramente un pessimo senso dell'umorismo". Mentre la teoria della pirateria russa svaniva, Comey ed FBI tentarono di arruolare un vero hacker russo, Evgenij Nikulin, ricercato in Russia per aver rubato 3450 dollari con una truffa informatica. Il 5 ottobre 2016, Nikulin fu arrestato nella Repubblica ceca e il 21 ottobre fu accusato da un procuratore generale della California di pirateria contro società statunitensi e il 27 ottobre, lo stesso procuratore lanciò delle nuove accuse, ma secretate a tutti. Con una testimonianza scritta, Evgenij Nikulin dichiarò che dopo l'elezione di Trump, agenti dell'FBI, il 14-15 novembre 2016 e il 7 febbraio 2017, gli "...proposero di dichiarare di aver violato il server email di Hillary Clinton per conto di Donald Trump e su ordine di Vladimir Putin; devi accettare l'estradizione negli Stati Uniti, qui ti toglieranno tutte le accuse e ti daremo appartamento, denaro e la cittadinanza statunitense. Rifiutai, l'interrogatorio finì e l'agente mi disse che sarebbero tornati". L'avvocato di Nikulin, Martin Sadilek, afferma che le accuse statunitensi contro il suo cliente sono "letteralmente" basate su richieste degli agenti dell'FBI che non hanno però fornito prove a sostegno.
Infine, la storia propagandistica diffusa dai media statunitensi riguardo il presidente Trump che consegnava intelligence sui terroristi islamisti (cioè Gladio-B, ovvero al-Qaida in Siria/Jabhat al-Nusra e al-Qaida in Iraq/Stato islamico) ai russi, un diritto riconosciuto al presidente degli USA, rientra nelle operazioni del “Governo invisibile” o “Stato profondo” contro l'attuale amministrazione. Va anche ricordato che il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, il generale Herbert Raymond McMaster sarebbe la fonte della notizia di Trump che concede informazioni segrete ai russi. MaMaster sarebbe collegato a un'associazione formata da ex-spie statunitensi, The XX Committee, il cui capo è l'autore russsofobo John Schindler, che il 15 febbraio 2017 promise di "passare in modalità nucleare e far morire Trump in prigione”.Fonti:

sitoaurora | maggio 17, 2017 alle 12:36 | Etichette: agenti d'influenza, anti-egemonia, anti-egemonismo, antiterrorismo, atlantismo, black operation, Blocco americanista occidentalista, Blocco BAO, Central Intelligence Agency, CIA, circo mediatico, complesso mediatico-disinformativo, controterrorismo, covert operation, Covert Operations, Defence Intelligence Agency, Dipartimento di Stato USA, disinformazione, disinformazione strategica, egemonia, egemonismo, Europa, False flag, geo-influenza, Geoeconomia, geoinfluenza, Geopolitica, Geostrategia, globalismo, golpe, golpismo, golpisti, guerra asimmetrica, guerra coperta, guerra d'influenza, guerra d'informazione, guerra d'intelligence, guerra di propaganda, guerra informatica, guerra mediatica, guerra occulta, guerra psicologica, Imperialismo, industria mediatica, industria multimediale, infiltrazione, integralismo, intelligence, intelligence militare, mass media, mass media alternativi, mass media aziendali, massmedia, Mockingbird, mondialismo, mondializzazione, NATO, neocolonialismo, neocon, neoconservatori, neofascismo, neoimperialismo, neonazismo, neonazisti, North Atlantic Treaty Organization, Nuovo ordine mondiale, operazioni coperte, operazioni occulte, operazioni psicologiche, operazioni speciali, Pentagono, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica internazionale, politica occulta, politica regionale, Propaganda, psico-guerra, psy-op, psy-ops, psy-war, psyop, psyops, psywar, relazioni estere, relazioni internazionali, rivoluzione colorata, sabotaggio, servizi di sicurezza, servizi segreti, sfera d'influenza, sovranismo, sovranità, sovversione, sovversivismo, special operation, special operations, spionaggio, Stati Uniti, strategia, terrorismo, Unione Europea, USA, Washington, Washington DC | Categorie: Covert Operation, Imperialismo | URL: http://wp.me/p1qi5U-7wn   

https://aurorasito.wordpress.com/2017/05/17/guerra-mediatica-dello-stato-profondo-e-scia-di-morti-dei-clinton/
Grazie per aver scelto WordPress.com   

   






















Post popolari in questo blog

Egyptian priest claims church attack was Muslim Brotherhood ‘revenge’

Chinese Authorities Expel Shouwang Church Member from Beijing

prima preghiera poi orgia